13.4 C
Milano
mercoledì, Marzo 3, 2021

Alex Uhlmann, “Paris or Rome” è il debutto solista

La vita di un Artista spesso paga il prezzo di non avere un punto fisso. Si vive di stanze, si cambiano indirizzi, seguendo il flusso della propria creatività. Alex Uhlmann, cantautore nato in Lussemburgo, ma cittadino europeo per spirito, è cresciuto musicalmente tra Londra, Parigi, Berlino, Milano. Paris or Rome è un pretesto letterario, ovviamente, per indicare una geografia del cuore ancora da scoprire.

Ultimi post

La musica in TV non funziona se non c’è sfida e “sangue”

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 3]

di Alberto Salerno 

L’Italia è uno strano paese, anche per quel che riguarda la musica. E’ come se fossimo rimasti ai tempi dei Romani. A noi italiani piace il sangue, non godiamo per chi vince, godiamo vedendo le espressioni di chi perde mentre si scaglia contro le ingiustizie delle giurie.

Non possiamo fare a meno delle giurie, non possiamo fare a meno del Colosseo, il pubblico televisivo segue i talent solo perché ci sono le eliminazioni, e meglio ancora se gli eventuali giudici se le dicono di santa ragione, e in quel caso il “godimento” sale.

musica

Questa è la realtà, inutile nasconderci dietro un dito: ecco perché Sanremo non potrà mai cambiare… ecco perché i talent continuano a fare buoni numeri di ascolto. Basta guardare quello che accadde nel 2008 quando Rai 2 decise di proporre Scalo 76, in cui c’era anche la coppia Maionchi/ Facchinetti, che non è che fossero proprio “nessuno”; eppure il programma non fece tanti ascolti, tanto che, l’anno dopo, fu cambiata la formula del programma stesso; ma anche questa non portò grandi risultati. Nella 3rza e ultima edizione, addirittura, il programma diventò una sorta di talent, ma “senza sangue e sfide”… idea che non reggeva al confronto dei vari X Factor e talent simili. E l’avventura di Scalo 76 finì con la 3rza Edizione.

Del resto, in precedenza, erano stai chiusi addirittura Top of The Pops, e un altro programma pomeridiano molto simile su Canale 5. E perché sono falliti tutti questi “esperimenti” di Musica in TV? Perché non c’erano i morti e i feriti che provocano Sanremo e i Talent.

musica

Mi chiedo se, in una società così becera come quella odierna, possa attrarre un programma come era negli anni Ottanta Mister Fantasy. Difficile rispondere, perchè a quel tempo Mister Fantasy portava, tra le altre, la novità dei video clip, che oggi inondano il web.

Dobbiamo dunque arrenderci a questo stato di cose? No, non possiamo arrenderci all’idea che in televisione non si possa fare musica senza una gara. A tal proposito inviterei tutti gli autori televisivi sensibili ad affrontare questo problema, a sforzarsi di trovare qualcosa di alternativo, che ci faccia tornare un po’ alle origini, quando la musica era anche fonte fresca di intelligenza, con quel tanto di cultura e aggregazione.

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.