Home Le pillole di A. Salerno Viaggio nelle canzoni: Ma il cielo è sempre più blu

Viaggio nelle canzoni: Ma il cielo è sempre più blu

1280
0
SHARE
Voto Autore

di Alberto Salerno

Fonte Wikipedia:

La canzone “Ma il cielo è sempre più blu“, che nel formato originale durava 8 minuti e 43 secondi, venne originariamente divisa in due parti (una per lato): Ma il cielo è sempre più blu – Parte I e Ma il cielo è sempre più blu – Parte II.

La versione completa venne in seguito pubblicata nella raccolta Gianna e le altre… del 1988 con una durata di 8 minuti e 21 secondi.

Il brano fu inizialmente censurato perché conteneva due frasi che non potevano essere diffuse: Chi tira la bomba/chi nasconde la mano e chi canta Baglioni/chi rompe i coglioni.
Il disco, che il cantautore incise all’età di 24 anni, ebbe un grande successo: oltre 100.000 copie vendute soltanto quell’estate.

Nel 2003 uscì un remix ufficiale a cura del DJ Molella, di cui venne successivamente realizzato un videoclip. Questa versione reintegra il verso Chi tira la bomba/chi nasconde la mano ed è la traccia portante della raccolta Sotto i cieli di Rino.

Nell’autunno/inverno 2004/2005, questa canzone fu usata come sigla d’apertura per l’omonima trasmissione del sabato sera mandata in onda su RaiUno, condotta da Giorgio Panariello, con Julia Smith e la partecipazione straordinaria di Lola Ponce.
La canzone è anche l’inno della squadra di calcio del Crotone e una delle canzoni della Sampdoria.

 

Ho avuto l’occasione di conoscere Rino Gaetano nel 1976 quando, avendo la radio, lo intervistai in una nostra trasmissione visto che lui stava promozionando in giro con il 45 giri “Ma il cielo è sempre più blu“.

Lui era un po’ ombroso, non fu una lunga intervista perché ascoltammo solo quella canzone, che mi colpì molto, e gli feci i complimenti in diretta. Ne fu contento, ci stringemmo la mano e poi non ebbi più modo di incontrarlo.

Questo tipo di testo, che è una continua citazione, non è analizzabile, sarebbe inutile perché si legge da solo. Tutti gli elementi comunque esprimono una sensazione generale di insofferenza verso quella che era la società della metà degli anni ’70, con le Brigate Rosse in piena azione, gli scontri in strada fra fascisti e comunisti, le lotte sindacali, e il solito balletto dei partiti al potere: DC e PSI.

Con questa canzone, quindi, Rino Gaetano è riuscito a dare esattamente e perfettamente il quadro della situazione socio- politica in quel periodo. Geniale l’idea del contrasto più estremo, quella che, nonostante tutto, il cielo sia sempre più blu. Capolavoro.

 

PER VISUALIZZARE IL VIDEO CLICCARE SULL’IMMAGINE
Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu – Clip su Rai Due

MA IL CIELO E’ SEMPRE PIÙ BLU

Chi vive in baracca, chi suda il salario
Chi ama l’amore e i sogni di gloria
Chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria
Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio
Chi vuole l’aumento, chi gioca a Sanremo
Chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno
Chi ama la zia, chi va a Porta Pia
Chi trova scontato, chi come ha trovato
Na na na na na na na na na na

Ma il cielo è sempre più blu
Ma il cielo è sempre più blu

Chi sogna i milioni, chi gioca d’azzardo
Chi gioca coi fili chi ha fatto l’indiano
Chi fa il contadino, chi spazza i cortili
Chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia
Na na na na na na na na na na

Ma il cielo è sempre più blu
Il cielo è sempre più blu

Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca
Chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori
Chi legge la mano, chi regna sovrano
Chi suda, chi lotta, chi mangia una volta
Chi gli manca la casa, chi vive da solo
Chi prende assai poco, chi gioca col fuoco
Chi vive in Calabria, chi vive d’amore
Chi ha fatto la guerra, chi prende il sessanta
Chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro
Na na na na na na na na na na

Ma il cielo è sempre più blu
Il cielo è sempre più blu
(Ma il cielo è sempre più blu)

Chi è assicurato, chi è stato multato
Chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia
Chi è morto di invidia o di gelosia
Chi ha torto o ragione, chi è Napoleone
Chi grida “al ladro!”, chi ha l’antifurto
Chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri
Chi reagisce d’istinto, chi ha perso, chi ha vinto
Chi mangia una volta, chi vuole l’aumento
Chi cambia la barca, felice e contento
Chi come ha trovato, chi tutto sommato
Chi sogna i milioni, chi gioca d’azzardo
Chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo
Chi è stato multato, chi odia i terroni
Chi canta Prévert, chi copia Baglioni
Chi fa il contadino, chi ha fatto la spia
Chi è morto d’invidia o di gelosia
Chi legge la mano, chi vende amuleti
Chi scrive poesie, chi tira le reti
Chi mangia patate, chi beve un bicchiere
Chi solo ogni tanto, chi tutte le sere
Na na na na na na na na na na
(Ma il cielo è sempre più blu)

Written by Salvatore Gaetano • Copyright © Universal Music Publishing Group
 

Commento su Faremusic.it