32.1 C
Milano
mercoledì, Agosto 12, 2020

Storie di Musica: gli anni d’oro

Abbiamo vissuto tempi meravigliosi nella musica, ma allora non ci sembravano così  meravigliosi. Li abbiamo vissuti attraversandoli con i capelli al vento

Ultimi post

Spotify: le sprezzanti dichiarazioni del CEO Daniel Ek e le dure reazioni degli artisti

Il CEO di Spotify Daniel Ek ha recentemente dichiarato “Non si possono più fare dischi ogni tre o quattro anni e pensare che basti”. Gli artisti hanno risposto sdegnatamente dicendo che il vero problema è che il colosso dello streaming paga gli artisti una miseria per i diritti d'autore

Lana Del Rey: “Violet Bent Backwards Over the Grass” la raccolta di poesie da ottobre

Lana Del Rey pubblicherà il 29 settembre il suo primo libro di poesie, una raccolta intitolata "Violet Bent Backwards Over the Grass"

Bastille: nuovo singolo a sorpresa “What you gonna do???” con Graham Coxon – VIDEO

I Bastille tornano a sorpresa con un nuovo singolo e video “What you gonna do???”, realizzato in collaborazione con Graham Coxon

Sam Smith: fuori il nuovo singolo “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy

Fuori il nuovo singolo di Sam Smith, “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy. “My Oasis” segna l'inizio di un nuovo capitolo per Sam

Azzurro il viaggio all’incontrario di Conte

Voto Autore

di Alberto Salerno

Credo di essermi innamorato di Azzurro fin dalla prima volta che la udii, da un juke-box, al mare: era l’estate del 1968 e il disco, targato Clan, aveva proprio Celentano, sulla facciata B, mentre sulla facciata A dominava Una carezza in pugno. Quasi inaspettatamente, fu invece proprio Azzurro a rovesciare il successo del disco e a far saettare Adriano al primo posto in classifica.

La canzone è firmata Pallavicini-Conte, eppure il testo è lontano mille miglia dallo stile di Pallavicini. Lo stesso discorso vale per Insieme a te non ci sto più e Tripoli 69, dunque potrebbe anche sorgere il dubbio che il vero autore dei testi sia lo stesso Conte, ma queste non sono altro che le storiche ipotesi, controverse, sulla singolare collaborazione fra Conte e Pallavicini.

Quello che conta per noi è immergerci in questo mare di azzurro:

Cerco l’estate tutto l’anno
e allimprovviso eccola qua.
Lei è partita per le spiagge
e sono solo quassù in città,
sento fischiare sopra i tetti
un aeroplano che se ne va.

La prima strofa è già, di per se, un capolavoro e ci dà subito il quadro della situazione: lui è da solo, in città, probabilmente a lavorare, proprio come capitava negli anni sessanta, e lei è partita per le spiagge.

Bellissima la frase sento fischiare sopra i tetti un aeroplano che se ne va.


Azzurro
il pomeriggio è troppo azzurro
e lungo per me.
Mi accorgo
di non avere più risorse,
senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri allincontrario va.

Conte qui è davvero scaltro. Per non ritardare l’arrivo del ritornello, che poi si rivelerà il vero tormentone, non ripete la seconda strofa ma ci entra dentro subito, con una melodia, magicamente accompagnata da parole meravigliose che colpiscono immediatamente e restano impresse nella memoria. Il treno, che nei pensieri all’incontrario va, è surreale e incomprensibilmente recalcitrante. Sembra quasi suggerire che quel desiderio di raggiungere la propria moglie, o compagna al mare, sia in forte opposizione alla volontà di farlo.

Sembra quand’ero all’oratorio,
con tanto sole, tanti anni fa.
Quelle domeniche da solo
in un cortile, a passeggiar…
ora mi annoio più di allora,
neanche un prete per chiacchierar

Ed eccoci alla seconda sfrofa, con le formidabili citazioni sui ricordi dell’infanzia: l’oratorio, il cortile, un prete con il quale fare due chiacchierare.

Azzurro,
il pomeriggio è troppo azzurro
e lungo per me.
Mi accorgo
di non avere più risorse,
senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri all’incontrario va…

Cerco un po’ dAfrica in giardino,
tra loleandro e il baobab,
come facevo da bambino,
ma qui c’è gente, non si può più,
stanno innaffiando le tue rose,
non c’è il leone, chissà dov’è…

E come non ammirare la terza strofa che si snoda tra quella sensazione di afa e quell’ideale ristoro in giardino. La ricerca di vocaboli così inconsueti e originali, come oleandro e baobab, e persino quelle rose innaffiate, restituiscono immagini di inusitata e inaspettata meraviglia.

È un testo fantastico, denso di immaginifiche visioni che solo la mente geniale di Paolo Conte poteva partorire.

E allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri
nei miei pensieri allincontrario va.

E la chiusa, infine, con la ripetizione del ritornello, ci dà conferma che lui, di raggiungere la compagna al mare, non ha proprio voglia, (o fosse solo il coraggio che gli manca) poiché quel treno dei desideri, sospinto sempre da un’avversativa, all’incontrario va.

Bellissimo testo, bellissima musica.
È forse anche l’unica marcia che Paolo Conte abbia mai scritto.

 

PER VISUALIZZARE IL VIDEO CLICCARE SULL’IMMAGINE
Adriano Celentano – Azzurro (brano di Paolo Conte)

Latest Posts

Spotify: le sprezzanti dichiarazioni del CEO Daniel Ek e le dure reazioni degli artisti

Il CEO di Spotify Daniel Ek ha recentemente dichiarato “Non si possono più fare dischi ogni tre o quattro anni e pensare che basti”. Gli artisti hanno risposto sdegnatamente dicendo che il vero problema è che il colosso dello streaming paga gli artisti una miseria per i diritti d'autore

Lana Del Rey: “Violet Bent Backwards Over the Grass” la raccolta di poesie da ottobre

Lana Del Rey pubblicherà il 29 settembre il suo primo libro di poesie, una raccolta intitolata "Violet Bent Backwards Over the Grass"

Bastille: nuovo singolo a sorpresa “What you gonna do???” con Graham Coxon – VIDEO

I Bastille tornano a sorpresa con un nuovo singolo e video “What you gonna do???”, realizzato in collaborazione con Graham Coxon

Sam Smith: fuori il nuovo singolo “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy

Fuori il nuovo singolo di Sam Smith, “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy. “My Oasis” segna l'inizio di un nuovo capitolo per Sam

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.