11.4 C
Milano
mercoledì, Aprile 17, 2024

Ultimi post

IN RICORDO DI BRUNO LAUZI

di Franca Dini

Il 24 ottobre del 2006 ci lasciava Bruno Lauzi, poeta della musica.

Lui, piccolo straordinario grande uomo, sapeva raccontare, apprezzare e ridere della vita, nonostante fosse sempre controcorrente. Lauzi, un uomo che ha saputo declinare la vita in tutti i suoi risvolti… dalla gioia alla tristezza. Basti pensare alle sue canzoni che passano dalla “Tartaruga” a “Piccolo uomo” fino a “Poeta“… e oltre.

Bruno Lauzi non sapeva fermarsi alle cose comuni: era uno spirito nato libero, ed era sempre pronto a rimanere nella sua solitudine tra gioia e dolore e soprattutto fedele a sé stesso; seppe combattere la sua guerra con signorilità ed ironia.

Gli ultimi anni il cantautore genovese, li ha vissuti a Rocchetta Tanaro, un piccolo paese del Monferrato dove aveva comprato una cascina, a cui aveva dato il nome della barbera di sua produzione: “La Celesta“. Lauzi era arrivato a Rocchetta nel ’72 con la moglie e il figlio Maurizio. Inutile dire che gli abitanti di quella cittadina si innamorarono di lui, come lui si innamorò letteralmente di quel posto “magico’”.

Un giorno a Danilo Amerio che gli aveva chiesto il perché della scelta piemontese, lui rispose: “Perché i piemontesi sono brasiliani con la nebbia negli occhi“.
Bruno rimarrai sempre nei nostri cuori Franca Dini

Facebook Comments

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.