Home Società e Cultura TERREMOTO: DISTRUZIONE E MORTE IN CENTRO ITALIA

TERREMOTO: DISTRUZIONE E MORTE IN CENTRO ITALIA

1611
0
SHARE
Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

Alle 3.34, nella notte di mercoledì, arriva la prima violentissima scossa che fa tremare il centro Italia, e nello specifico zone nelle regioni di Lazio, Umbria e Marche. La prima scossa – di magnitudo 6 – è seguita da quasi 500 altre scosse, che durano tutt’ora.

Il terremoto arriva di notte, come fosse un ladro, pronto a rubare tutto, a rubare la vita stessa. E ruba, ruba a piene mani. Ruba senza pietà, cibandosi del respiro di chiunque incontri sulla sua scia. Arriva, quando tutto tace, quando il silenzio della notte copre le cittadine – ora completamente rase al suolo – vigliaccamente, mentre la gente dorme, e in pochi attimi distrugge tutto.

Amatrice, Accumoli (epicentro del terremoto), Pescara del Tronto, Arquata, sono le cittadine maggiormente colpite, ora “città fantasma“, devastate senza pietà dallo sciame sismico.

Il bilancio, fino a questo momento in cui l’articolo viene scritto, è già tragico: circa 250 morti, e quasi 270 feriti e dispersi, e 2000 sfollati che hanno passato la loro prima notte nelle tendopoli.

La macchina degli aiuti e della solidarietà si è attivata immediatamente, mostrando la “faccia migliore” dell’Italia. Si scava anche a mani nude, nella speranza di trovare ancora qualcuno in vita, sotto le macerie. Scorrere le immagini delle zone così selvaggiamente colpite è un pugno allo stomaco violentissimo, per tutti noi. Non ci sono parole sufficienti e adeguate davanti a immagini simili.

La protezione civile fa sapere che servono con urgenza beni di prima necessità; in ogni città e paese sono collocati punti di raccolta e per il sangue. È una delle poche cose che possiamo fare, perché siamo totalmente impotenti e inutili di fronte a disastri di questa natura. Una natura contemporaneamente bella e “traditrice”. Una natura così incredibilmente legata alla vita e alla morte, che ci ricorda che non c’è sempre un “domani” a cui tornare, che nulla è da ritenersi “scontato”. Ma “a domani”, nonostante tutto, resterà sempre il “grido di speranza” a cui i sopravvissuti torneranno. A cui tornerà Giulia, la bambina estratta viva dopo ore, ad Amatrice, tra la commozione e l’incredulità dei soccorritori. Un’immagine che si puo’ commentare solo lasciando andare via qualche lacrima. Scusatemi se non so fare altro.

[youtube id=”yiAPfg3kXOU”]

E ora stringiamoci, stringiamoci e aiutiamoli a tornare alla vita, tutti insieme. Per tutto il resto, per le polemiche, per i perché, c’è tempo. Ma oggi NO. Oggi si sente ancora troppo forte il respiro spezzato di chi non respira più.

Vi ricordiamo i numeri e indicazioni per aiutare:
Emergenza terremoto 45500 SMS e da rete fissa per donare due euro.
Protezione civile 800 840 840.
Sala operativa protezione civile regione Lazio 803.555.

[youtube id=”MYy5E4ytPuQ”]

 

SHARE
Previous articleFrancesco Guccini tra note, libri e cinema dal 2 al 4 settembre per Emergency
Next articleTERREMOTO: IL CIRCO MEDIATICO CHE NON RISPARMIA LA DIGNITA’ DI NESSUNO
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it