Home Musica Recensioni Concerti Concerto dei Queen & Adam Lambert a Piazzola sul Brenta – RECENSIONE

Concerto dei Queen & Adam Lambert a Piazzola sul Brenta – RECENSIONE

2306
0
SHARE
Voto Autore

di Davide Fragapane

Sono andato a vedere il concerto dei Queen – con Adam Lambert alla voce – esclusivamente per sentire Brian May, colosso della chitarra che, purtroppo, non avevo ancora avuto il piacere di ascoltare e l’ho fatto sabato sera 25 giugno all’apertura del Festival di Piazzola sul Brenta (PD).

Il concerto è iniziato con The Hero e gia’ dalle prime battute ho capito subito che ovviamente mi trovavo davanti ad una band che sa suonare veramente, cosa che non mi capitava da un po’ di tempo purtroppo. Il suono della Red Special di May è quello che ho sempre sentito nei dischi dei Queen, semplice ma particolare, un suono che nel 2016 è ancora moderno.

13466505_1093840977346970_7351454534401317876_n

Si è proseguito, poi, con Hammer to Fall, Stone cold Crazy con un’energia pazzesca, la “botta” di Roger Taylor è sempre presente, una locomotiva accompagnato alle percussioni dal proprio figlio. Il concerto è andato avanti senza pause, in crescendo, con Another One bites the Dust che vede un Adam Lambert che inizia a dare il meglio di sé, passando attraverso Bottomed Girls, Play the game e Killer Queen con cambi d’abito e movenze quasi a prendersi in giro, oltre ad una presenza vocale che fa capire che il ragazzo è in grado di supportare il sound alle sue spalle.

13521928_1093839797347088_5593580069889858174_n

Con Somebody to love inizia la vera e propria celebrazione perchè, ad un certo punto, cantavano tutti i 10.000 presenti. Sembrava un inno. Poi le toccanti parole di Adam Lambert: ”Grazie per accettare che sia io a cantare questa sera, non sono Freddy, che amo moltissimo, ma adoro cantare questi brani”…da quel momento in poi ho capito che stavo vedendo e ascoltando un tributo ai Queen e alla loro musica, non un concerto dei Queen, che per l’occasione erano presenti con solo due membri originali. Infatti, poco dopo, Bryan May alla chitarra acustica ha cantato Love of my life con la gift dietro, sul maxischermo centrale, di Freddy Mercury… e quasi piangendo lo salutava, come a dire che è stato un regalo grandissimo averlo avuto nella sua vita.

13532775_1093877327343335_9059933818870207493_n

Da qui in poi lo show ha assunto toni di emozioni e adrenalina difficili da raccontare. I tecnici hanno posizionato un mini set di batteria davanti al palco, dove Roger Taylor ha suonato e cantato da solo A Kind of magic. Poi, Taylor ha duettato con il figlio che, nel frattempo, aveva occupato la batteria centrale e si è scatenato un duello di botta e risposta a suon di bacchette.

Lo show è continuato con Under Pressure e nel maxischermo è apparsa l’immagine del grande David Bowie. Poi sono seguiti Crazy little thing called love, I want to break free, I want it all e who wants to live forever con un’energia tale che gli stessi spettatori in tribuna si sono alzati in piedi.

13466445_1093841280680273_1385148985493415329_n

Grandi anche gli altri musicisti, a partire dallo storico tastierista e al bassista, che sono stati in grado di reggere la macchina da guerra Queen. Ad un certo punto appare May sollevato su una pedana, sospeso dietro la batteria, al centro dello schermo, dove ha affascinato con i suoi giochi di delay e armonizzazioni, 10 minuti di gusto e tecnica.

Lo show poi è proseguito con il momento più toccante, quando, dopo Tie your mother down, sono iniziate le note di Bohemian Rapsody, unico pezzo suonato con le basi per permettere di sincronizzare il video e la voce di Freedy che canta tutto il brano.

13516614_1093839114013823_6942713376473012983_n

Il concerto, volgendo al termine, ha offerto pezzi mitici come Radio Ga Ga, We will rock you e We are the champions, con la chiusura di God save the Queen…e alla fine tutte le emozioni possibili sono state provate.

Mi sono molto divertito, soprattutto perchè ho realizzato che Bryan May e Roger Taylor volevano divertirsi continuando a far festa e non per “lavorare”, portando così, ancora una volta, le canzoni dei Queen alla gente.

[youtube id=”v8HGA0qmBSM”]

Commento su Faremusic.it