27.2 C
Milano
lunedì, Giugno 1, 2020

Concerti e Tour annullati e rinviati: Ferro, Vasco, Cremonini, Baglioni e tanti altri, si fermano

Da Tiziano Ferro a Vasco Rossi, da Ligabue a Cesare Cremonini, da Zucchero a Degregori i concerti del 2020 annullati e rinviati al 2021

Ultimi post

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Niccolò Fabi canta il degrado delle città – “Ha perso la città”, il secondo inedito del nuovo album

Voto Autore

di Mela Giannini

…hanno vinto i parcheggi in doppia fila…hanno vinto i supermercati il fine settimana…hanno vinto le corporazioni infiltrate nei consigli comunali, i loschi affari dei palazzinari, gli alveari umani e le case popolari…le montagne di immondizia, gli orizzonti verticali, le giornate a targhe alterne e le polveri sottili, hanno vinto le filiali delle banche e hanno perso i calzolai… ha perso la città, ha perso la comunità, ha perso la voglia di aiutarci…

Queste sono alcune delle frasi, forti, del testo della seconda canzone inedita, “Ha perso la città“, dal prossimo album Una somma di piccole cose (in uscita venerdì 22 aprile per Universal Music) di  Niccolò Fabi.

La settimana scorsa Fabi fece ascoltare un’altra anteprima, un altro inedito, la canzone che darà il titolo al nuovo album, appunto “Una somma di piccole cose”, e di questo ne avevamo parlato in un precedente articolo.

niccola-fabi-canta-le-citta-disumanizzate-ed-egoiste-awt0j

Mentre il primo inedito parla di un immaginario viaggio in un insieme di piccole cose, che fanno la vita di tutti noi, il secondo inedito invece è una vera e propria denuncia del degrado culturale e sociale delle grandi metropoli italiane, in cui la dimensione umana ha lasciato il posto agli egoismi, alla corruzione, al degrado, alle corporazioni, ai palazzinari, al traffico ecc. ecc.

Così Niccolò spiega il senso di “Ha perso la città”:
La città nata per essere un centro di aggregazione ed opportunità di crescita professionale e culturale  ha innalzato le aspettative ma abbassato nettamente la qualità della vita di chi ci abita, soprattutto a scapito della salute psicofisica e della naturalezza dei ritmi quotidiani“.

Piano piano si vanno delineando i contorni del prossimo lavoro discografico del cantautore romano, un lavoro per nulla banale, come i precedenti d’altronde, forte nei contenuti e nelle tematiche trattate all’interno dei testi, con linee melodiche raffinate e coinvolgenti.
Attendiamo fiduciosi il prossimo step di presentazione di questo album, che a questo punto diventa davvero interessante.

Latest Posts

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.