7.1 C
Milano
sabato, Gennaio 23, 2021

EMINEM: esce a sorpresa il nuovo album “Music To Be Murdered By – Side B”

E’ uscito a sorpresa il nuovo album di EMINEM, “Music To Be Murdered By – Side B”. Il disco è il proseguimento del precedente album “Music To Be Murdered By”

Ultimi post

C’era una volta una scatola magica

Voto Autore

di Luigi Calivà

C’era una volta una scatola magica che per tanti anni è stata la migliore amica della musica. Costruiva carriere, creava miti e spesso li consacrava.

Erano il tempi del Musichiere di Mario Riva e il grande Gorni Kramer e Jonny Dorelli e dove si giocava con la musica e dove hanno cantato Armstrong, i Platters, Mina, Adriano  Celentano, Giorgio Gaber ….

Poi Venne  Studio Uno con Mina, Vanoni, Quartetto Cetra, Caterina Caselli, Rita Pavone e tanti altri.

C’era il Cantagiro che girava l’Italia sin dagli anni 60, grande carovana musicale a cui hanno partecipato tutti da Celentano a Morandi, da Peppino Di Capri a Rita Pavone, dall’Equipe 84 ai Motown, da Massimo Ranieri a Caterina Caselli, dagli Showman a Lucio Battisti.

Arrivò la TV a colori e  cominciarono ad affacciarsi Renzo Arbore, Claudio Cecchetto e venne Discoring, Superclassifica Show, Domenica In, il Festivalbar, Azzurro, La Vela D’Oro (Mostra Internazionale della Musica Leggera)  dal 1965 al 1993.

Il Disco per l’Estate è durato dal 1964 ed è finito nel 2003.

Sanremo dal 1951 dura ancora oggi.

La musica in passato era la protagonista dell’intero palinsesto televisivo, esistevano delle regole, c’erano big e giovani e si arrivava a certi programmi per gradi, conquistando spazio e popolarità con la propria musica e le vendite discografiche.

Poi c’erano conduttori e direttori artistici come Pippo Baudo che sceglievano, si prendevano delle responsabilità, non correvano dietro facili scelte e miraggi di telespettatori a buon mercato perchè fan, e hanno scoperto e valorizzato talenti come Giorgia, Zucchero, Ramazzotti, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Elisa… e molti altri.

Esistevano delle regole scritte e non scritte in cui c’era una differenza marcata, e a mio parere corretta, tra artisti con una storia e artisti alle prime armi. Ma c’erano spazi per tutti, bastava aspettare, fare il proprio lavoro e un’opportunità sarebbe arrivata.

Oggi quella “scatola magica” è diventata un sottile pannello in HD e ha stravolto tutte le regole, ha smesso di essere amica della musica, la sfrutta con i Talent show che non hanno nulla di musicale e trasformano cantanti in giudici e che hanno perso ogni caratteristica dell’essere artisti e recitano un copione. Si fanno attori nella commedia della musica fatta di scontri, eliminazioni, lacrime, vinti e vincitori come in un’arena dell’antica Roma, con tanto di pollice verso per il colpo di grazia.

Sfornano ogni anno una pattuglia di vinti e vincitori condannati statisticamente all’oblio, salvo celebrare qualche  nascita di artisti che devono lottare per restare a galla.

Oggi si fa presto a dire big… basta avere una pattuglia di followers sui social e un video con migliaia di visualizzazioni, oppure essere  suonati dalle radio indipendentemente da cosa hai inciso.

Questo Festival che sta per cominciare è figlio del pannello in HD e non della scatola magica di una volta.

Facendo uno sforzo,  i soli artisti che possono dirsi dei big, seppure con delle differenze sono Morgan e i Bluvertigo – Elio e le Storie Tese – Patty Pravo – Dolcenera – Neffa – Enrico Ruggeri- Arisa – Stadio- Noemi.

Sono però tutti figli del nuovo pannello HD avendo alle spalle negli ultimi anni una carriera televisiva come giudici di Talent Show, vedi Arisa, Elio, Morgan, Noemi e per ultima Dolcenera che si accinge a…

Enrico Ruggeri è ormai un conduttore Tv e radio  oltre che un cantautore di lungo corso.

Gli unici duri e puri sono gli Stadio, Neffa e la divina Patty Pravo.

Gli altri sono vincitori e vinti di Talent Show senza alle spalle alcuna carriera, meno che mai dischi venduti.

Nessuna nostalgia del passato ma una riflessione necessaria è quella di dire che  anche se tutti avessero una canzone straordinaria da cantare a Sanremo non usciremo mai dalla logica del “one shot”, perchè una grande canzone da sola non crea vendite se non ha alle spalle una carriera credibile e non si lega a tanti altri successi.

Per questo alla domanda chi c’era lo scorso anno a Sanremo e chi a vinto e cosa cantava… è necessario pensare qualche minuto, salvo fare una ricerca con Google.

 

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.