Home Musica e Diritto PERCHE’ IN RADIO PASSANO SEMPRE GLI STESSI? VEDIAMOCI CHIARO

PERCHE’ IN RADIO PASSANO SEMPRE GLI STESSI? VEDIAMOCI CHIARO

6297
0
SHARE
Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

Succede che qualche giorno fa leggo un post di un’artista che non ha di certo bisogno di presentazioni – Tosca – denunciare che il suo ultimo lavoro, “Il suono della voce”, uscito a fine settembre 2014 (contenente anche il bellissimo pezzo scritto da Ivano Fossati, “Il suono della voce”, che dà il titolo all’album), non ha trovato spazio in radio.

Tosca a sua volta parlava del “no” ricevuto dalle radio, agganciandosi a un altro post, quello di Domenico Caravano, (Mimì per tutti), uno dei componenti del gruppo salernitano “Neri per Caso”, che hanno da poco pubblicato il loro nuovo album, NPC 2.0, uscito il 22 gennaio, anticipato dal singolo Make Love, che come l’album di Tosca non sarà trasmesso da nessun network.

Possibile (Vi starete chiedendo)? Quando in radio passa il primo tizio uscito da un talent, che magari non l’ha neanche vinto (e non vuole essere dispregiativo, perché dai talent escono tanti ragazzi di talento)? Possibile che un gruppo come quello salernitano, che proprio proprio sconosciuti non sono, e un’artista del calibro di Tosca, che canta come primo singolo un brano scritto da Fossati, non trovino spazio in radio?

Invece è la realtà. La solita “scusa” avvalorata dai network è che il prodotto non “funziona”, non rientra nei target della radio.
Ma è davvero questo il motivo per cui questi lavori non li abbiamo sentiti e mai li sentiremo?

O piuttosto c’è un conflitto d’interessi evidente? Quando la radio diventa “produttore” anche dell’artista – e quindi del brano – che verrà trasmesso, quando la Radio detiene le edizioni (vedi ad esempio Baraonda Edizioni) di quello che trasmette, è chiaro che si “gioca in casa”. E’ sempre meglio usare le proprie edizioni che pagare quelle degli altri. La cara “triade” del potere radiofonico italiano (il cartello formato da Radio Italia, Radio Dimensione Suono e soprattutto RTL 102.5) insegna l’arte del monopolio!

Per cui è chiaro che alla radio interessa far passare quel pezzo, tante volte, finché non ci entrerà nella testa, a mò di lavaggio del cervello, per convincerci che quello è il meglio possibile. Che la canzone è da strapparsi i capelli (sì, ma dall’indignazione!). Ovvio che ci sono anche delle eccezioni relative ad “accordi/favori” che si creano tra talune case discografiche e radio.

Non voglio fare di tutta l’erba un fascio e demonizzare i brani che passano nei network. C’è qualità, certo. Ma tra un pezzo di qualità e l’altro, viene subdolamente e “sottilmente” intrufolato un pezzo che anche se all’inizio non ci dice nulla, finirà per piacerci.
Anche perché, diciamocelo, noi abbiamo quell’assurda convinzione che quello che passa in radio (o in tv) sia di sicuro successo e valore.

Siamo anestetizzati e non ci accorgiamo che non stiamo scegliendo nulla. Stiamo subendo.

E se artisti come loro si trovano in difficoltà, cosa possono fare i cantanti emergenti che non passano per i talent e che non hanno alcuna visibilità (Vi ricordate l’articolo sui talent?)!?

Soccombere? O pagare (già pagare!) per far passare il loro pezzo?Quest’uso diffuso di far pagare non si limita ovviamente ai network, ma include anche alcune (non tutte per fortuna) piccole radio.
Forse il primo passo da fare è quello di prendere coscienza di quello che succede.

E non è mica una novità quello che succede nelle radio (Alcuni la definirebbero senza mezzi termini mafia radiofonica).
Non è una novità dicevo, perché ben NOVE anni fa, Gianni Togni denunciava già il sistema radio.
Stavamo tutti dormendo evidentemente, perché nessuno gli ha dato retta. E ora paghiamo lo scotto, tutti.
E questo scotto non si lenisce con un po’ di ghiaccio in più.

Stiamo subendo, consapevoli di subire. Ma almeno possiamo farlo sapere che non siamo fessi!

SHARE
Previous articleMorto Colin Vearncombe – Addio Mr Black e che la “Wonderful Life” ti sia lieve
Next articleLIONEL RICHIE IN DUE IMPERDIBILI APPUNTAMENTI LIVE IN ITALIA
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it