20.5 C
Milano
martedì, Agosto 4, 2020

Il consumo di musica rap in Italia cresce del 40%, otto volte di più della media globale

Da “Rap Italia: Battle Royale” a “Plus Ultra”: Spotify presenta il restyling della più importante playlist hip hop italiana

Ultimi post

A CINECITTA’ WORLD L’OLOGRAFIA MADE IN ITALY

Il 29 agosto a Cinecittà World a Roma, dalle ore 20.00 in poi, si terrà a battesimo il primo concerto olografico prodotto in Italia: “Il Brigante”

Neil Young: il ritorno al passato con “Homegrown” – RECENSIONE

Torna Neil Young, classe 1945, con un album registrato però all’età di trent’anni, intorno al 1975, rimasto nel cassetto per quarantacinque anni

MEI 2020: Primi premi e primi ospiti della prossima edizione del Mei

Il MEI 2020, Meeting delle etichette indipendenti, in programma a Faenza (Ravenna) dal 2 al 4 ottobre, ha già assegnato i primi premi

Bocelli, il negazionismo e l’ipocrisia

Bocelli prima prende parte al progetto ONU per dire alla gente di stare attenta al covid e poi partecipa ad un raduno negazionista per dire il contrario

SECONDO LIVE SHOW DELLA 9na EDIZIONE DI X FACTOR ITALIA

Voto Autore

di Marco Fioravanti e Mela Giannini

Anche questo Secondo Live Show della 9na Edizione di X Factor Italia è stato caratterizzato dall’elemento “noia“. Forse un po’ meno del Primo Live, ma comunque ancora, quest’anno, X Factor sembra proprio non decollare.

La noia è cominciata già dall’inizio, dall’insopportabile e insensata ostentazione dell’ idolatria “Bieberiana“, ed è continuata anche con l’ospitata della Michielin, mentre sembrava che cantasse cover di canzoni d’altri (tipo Guerriero del Mengoni), come se fosse lì in veste di vocalist del nuovo disco di Canova.

740x350xjustin-bieber-xf-9.jpg.pagespeed.ic.Qc3cdeKKwS

Se il futuro della musica sono Justin Bieber e la Michielin stile Canova, siamo veramente alla frutta.

Per quanto riguarda la gara, i problemi sono sembrati fondamentalmente legati alla scelta dei brani, che tolte alcune particolari e interessanti scelte, il resto è sembrato non aver alcun senso. E anche questa settimana dobbiamo ammettere che, forse, erano meglio alcune scelte ardite di Morgan in passato.

I migliori della serata sono stati sicuramente i seguenti:

Enrica
, che con un piglio da primadonna e una interpretazione raffinata e affascinante di “Like a Star” di Corrinne Bailey, ha coinvolto e inchiodato, chi scrive, davanti al televisore.

x-factor-live-29-ottobre-2015-diretta-giosada

Giosada, che ha incantato con la sua bella e personale interpretazione di “Retrograde” dell’artista inglese James Blake, un brano difficilissimo e in antitesi con il brano della settimana scorsa, quello degli Who, anche questo cantato in modo impeccabile, con una presenza scenica di tutto rispetto. Ricordiamo che il ragazzo proviene da una famiglia di artisti, il padre è musicista e lui, musicista a sua volta, di serate e concerti, live in locali vari e gavetta ne ha fatta eccome, e si vede, perchè la dimestichezza che ha sul palco è sicuramente frutto di esperienza.

Luca
, il ragazzino di 16 anni con un talento straordinario e innato nel timbro vocale e nella tenuta della voce,  ha tenuto testa ad una scellerata scelta di una canzone per nulla adatta a lui, una mediocre canzone di Taylor Swift, nella versione di Ryan Adams.

x-factor-live-29-ottobre-2015-diretta-luca

Davide Sciortino, il siciliano che vive e suona a Londra, il vero grande talento di questa edizione, anche questa sera non si è smentito, pur portando sul palco un difficile brano dei 99 Posse (prima volta che un brano di questo “anarchico” gruppo viene cantato in un talent), uno dei due unici brani cantati in italiano questa sera. Tutti gli altri sono stati cantati in inglese.

I Land Lord, che hanno suonato e cantato, in modo elegante e impeccabile, “Habits (Stay High)” di Tove Lo, nella versione degli Hippie Sabotage.

x-factor-live-29-ottobre-2015-diretta-ballottaggio-eleonora

Tutto il resto è stato davvero discutibile, cominciando dalla scelta della canzone per Eleonora di “Meravigliosa Creatura” della Nannini, che è sembrato un chiaro e forzato tentativo di stereotipare la concorrente in un cliché.
Proponiamo per Eleonora, per la prossima volta, un bel brano di Janis Joplin, cosa che sicuramente potrebbe aiutare a tirare fuori quel fuoco che sembra portarsi dentro questa ragazza.

Poco credibile la scelta del brano e la performance di Leonardo; discutibile la scelta per Margherita di una mediocre “I Believe in you” di Kylie Minogue; banale la scelta del brano per Eva che, infatti, lo ha fatto uscire dal talent questa sera.

x-factor-live-29-ottobre-2015-diretta-urban-strangers

Disastrosa la performance degli Urban Stranger. Dicono che ci sono stati problemi tecnici, dovuti al mancato ritorno audio negli ear monitor. I due ragazzi hanno portato questa sera una versione particolare di “Ocean” di Jay Z, che se fosse venuta bene sarebbe stata una “figata“. Ma invece si son sentite solo stonature, fuori tempo e imbarazzanti smarrimenti. Ma nonostante tutto la gente a casa non li ha mandati via.

In definitiva si è avuto l’impressione che i giudici abbiano cercato di dare il peggio ai ragazzi, che a loro volta hanno fatto quello che potevano con brani senza arte e ne parte.

Poi brutto il ballottaggio finale a quattro, ci manca solo il sangue.
Questa sera le modalità di votazioni sono state un po’ cambiate, perchè in ballottaggio sono andati non due (come la scorsa settimana), ma quattro ragazzi (Leonardo, Margherita, Eva , Eleonora), due poi salvati dal pubblico (Leonardo e Margherita) e uno salvato dai giudici (Eleonora salvata in extremis da Elio). Per cui è andato via, come detto, EVA.

x-factor-live-29-ottobre-2015-diretta-ballottaggio-finale
E come la settimana scorsa, meno male che alla fine c’è XtraFactor con Mara, perchè solo con lei sembra rianimarsi un po’ il tutto. E se facessero zittire il “giornalista” sarebbe cosa buona e giusta! Pedante, invadente, quanto INUTILE la sua presenza!

Alla prossima.

Latest Posts

A CINECITTA’ WORLD L’OLOGRAFIA MADE IN ITALY

Il 29 agosto a Cinecittà World a Roma, dalle ore 20.00 in poi, si terrà a battesimo il primo concerto olografico prodotto in Italia: “Il Brigante”

Neil Young: il ritorno al passato con “Homegrown” – RECENSIONE

Torna Neil Young, classe 1945, con un album registrato però all’età di trent’anni, intorno al 1975, rimasto nel cassetto per quarantacinque anni

MEI 2020: Primi premi e primi ospiti della prossima edizione del Mei

Il MEI 2020, Meeting delle etichette indipendenti, in programma a Faenza (Ravenna) dal 2 al 4 ottobre, ha già assegnato i primi premi

Bocelli, il negazionismo e l’ipocrisia

Bocelli prima prende parte al progetto ONU per dire alla gente di stare attenta al covid e poi partecipa ad un raduno negazionista per dire il contrario

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.