Home Angolo FANS VALERIO SCANU di Giò Santina Il terzo fuochista

Il terzo fuochista

3132
2
SHARE
Voto Autore

di Giò Allegri

Ricordate la bella e particolare canzone che Tosca presentò a Sanremo nel 2007? Aveva per tema una festa paesana, estiva, in allegria, e pitturata con sapienti parole.

La melodia incalzante, molto originale, trascinava l’ascolto in un vortice d’immagini legate allo scoppiare dei fuochi d’artificio.

Come in uno spettacolo pirotecnico, di sere d’estate, il ben rodato show di Valerio Scanu si è avviato verso le conclusive tappe. Noi che curiamo la pagina fans in questo sito, abbiamo seguito il tour: purtroppo, non  è stato possibile porgere alcune nostre domande a Valerio, a causa, forse, della tempistica troppo ristretta.

Tuttavia vogliamo presentarvi il nostro riassunto di episodi vissuti.

Di concerto in concerto, si è notato un crescendo di vitalità: sono  evidenti la sinergia fra Scanu ed il suo pubblico, ed una sempre maggiore confidenza del cantante con la sua band.

Nell’arco di questi mesi c’è stata, infatti, una manifesta evoluzione. Nel procedere con gli spettacoli Valerio ha ”sparato” una scaletta ottimamente articolata, con qualche variazione ad ogni tappa, ed un’esecuzione dei brani via via più arricchita da qualche discorso o racconto, dimostrando così anche buone doti da intrattenitore.

Crediti Foto: Barbara T.
Crediti Foto: Barbara T.

Ora che il tour è giunto al termine, mi piacerebbe evidenziare le due canzoni che portano, a mio avviso, l’ impronta più personale ed intima di Scanu.

La prima proposta riguarda “Parole di cristallo“ (qui nella versione live, nella suggestiva cornice di Fiano Romano): la composizione più intensa, forse la più bella, scritta con Davide Rossi, Federico Paciotti, e disco d’oro nelle vendite. Il testo  lascia scorrere  parole, che sono autentiche staffilate emozionali,  in una musica ricca, ma nello stesso tempo essenziale. Il culmine è nella frase “Non resto qui ossessionato dalle ipotesi” (dove gli attentissimi sostenitori di Valerio si permettono di cogliere, anche, un’eventuale chiave di lettura alternativa al contesto). L’innesto vocale, in questo difficile brano, è lo strumento che impreziosisce di pathos e cattura con eccellente maestria: l’interpretazione è sempre coinvolgente ed emozionante.

[youtube id=”Y_k8uG1nX_k”]

La seconda proposta è “Un giorno in più”: motivo scritto con A. Amati e S. Olari (sottovalutata musicista e compositrice, collega di Valerio da anni lontani nello stesso talent-show). Il brano, di per sè già interessante nella versione studio, si è arricchito di vigore durante i live, ed il già bellissimo testo ha ricevuto spinta da un’esecuzione intensa, e da un mirato posizionamento verso la parte finale dello show.

Alcuni sostengono, ed anche con forza, che Scanu non sia un compositore, poiché esegue cover di altri: questa è opinione di  persone poco e malamente informate, ed eventualmente mi permetto di ricordare che tanti nomi della musica italiana nascono interpreti, e non hanno mai scritto un rigo né un verso.

Tuttavia, al contrario, nella produzione di Valerio, alcuni pezzi portano la sua firma, ed i succitati due sono esempi tutt’altro che banali. In “Un giorno in più”, nel dettaglio, si percepisce grande coinvolgimento emotivo, che investe la sfera di un personale e caro ricordo, e l’interpretazione acquisisce carica e valore anche grazie a ciò. In tempi di testi magri e poco originali, è bello trovare ricchezza anche nelle parole.

[youtube id=”hkGneeww528″]
Il tour ha ridato linfa a canzoni che le radio hanno scarsamente  considerato, ma che, anche grazie ad alcune vetrine televisive, quali Coca Cola Summer Festival e Festivalshow, sono state sospinte verso l’interesse del pubblico.

E sarebbe ora che certa critica fastidiosa, di qualche penna rimasta ferma alla canzone di Sanremo, si aggiornasse un pochino e smettesse di considerare questo cantante come un prodotto di una sola stagione. Forse un ascolto attento potrebbe aiutare.

Come il terzo fuochista del pezzo di Tosca, Valerio Scanu ha lavorato in salita, trovando la più colorata e massima espressione nel lasciare ai suoi fans la memoria di una tourneè, ora  terminata, tenuta saldamente fra le mani di un artista ormai maturo e completo, perfettamente padrone della scena.

Crediti Foto Barbara t. – Crediti riprese amatoriali di Barbara e Valeria

Commento su Faremusic.it

2 COMMENTS

  1. Grazie Roby, ho detto semplicemente “una verità obbiettiva” da semplice fruitore di musica, amo le belle voci, buona giornata.

  2. purosangue condivido il commento di Marinella, segui chi “ti piace” io amo il talento e VALERIO ne e’ l’espressione vera. E’ inutile Valerio ha una intera orchestra nella sue corde vocali ed e’ il maestro di tale orchestra. La musica fa parte del suo DNA , scorre dentro di lui. VALERIO SCANU E’ IL TALENTO SUPERLATIVO, il resto chiacchiere al vento.

    VALERIO FOR EVER, il resto no comment.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here