Home Musica L’Arte dell’Incomunicabilità – Tosca omaggia Celentano in “Prisencolinensinanciusol”. Video straordinario

L’Arte dell’Incomunicabilità – Tosca omaggia Celentano in “Prisencolinensinanciusol”. Video straordinario

Uscito il nuovo estratto dall'ultimo album di Tosca, "Il Suono della Voce", Il singolo è la cover di Adriano Celentano, “Prisencolinensinanciusol”. Il video del brano è STUPENDO, girato nel Palazzo Farnese di Caprarola. Le scenografie e la sceneggiatura hanno un respiro felliniano e Tosca veste il ruolo della “ringmaster” dark di un circo umano.

2189
1
SHARE
Voto Autore

di Adrien Viglierchio

Siamo a Caprarola nella storica cornice artistica di Palazzo Farnese. Un personaggio misterioso si avvicina a uno scrigno per prelevare un piccolo Mappamondo.

Eh si, siamo esattamente nella sala dei mappamondi, quale posto migliore per raccontare uno dei brani più Universali mai realizzati? L’atmosfera felliniana non manca mai ne Il Suono della Voce di Tosca. Ancora una volta stupisce il suo pubblico regalandoci una Cover di “Prisencolinensinanciusol”, omaggio al grande talento di Adriano Celentano.

Una cover risulta vincente quando viene interpretata in modo assolutamente eclettico e personale da divenire un nuovo Brano, una riedizione dello stesso.

2

Adriano ha fatto di questo brano il suo “Inno di comunicazione”, utilizzando una “Lingua NON Lingua”, rendendosi comprensibile a tutti i popoli. Simile ad una sorta di inglese maccheronico, dove solo poche parole sono riconoscibili, (OL RAIT “All Right”), e comunque non formano alcuna frase di senso compiuto. Un testo “NonSense” che ha messo invece tutti d’accordo e che dal celebre blog musicale “BOING BOING” fu considerato “simbolo del fascino dello slang finto-anglofono”, e definito poi uno dei primi brani Rap italiani della Storia.

Il video della versione di Tosca è stupendo. L’artista, questa volta, si trasforma in un bellissimo e truccato Clown istrionico che muove la regia di 12 acrobati circensi provenienti da ogni nazionalità.

3
Ognuno di loro impegnato in performance diverse, colorate forme di espressione atte a dimostrare come sia magico il risultato finale della comunicazione globale, attraverso le polifoniche linee vocali che Tosca tocca col suo cantato incomunicabile, un paradosso che vuole insegnare quanto sia importante far intrecciare l’Arte in ogni sua forma, dove la Deità del risultato sta nei dettagli e la bellezza dell’Arte, nei contesti artistici storici, che ci insegnano come fondersi con loro per ridare nuova vita alla Cultura.

SHARE
Previous articleIl docufilm su Amy Winehouse: quando l’artista “maledetta” è una donna
Next articleEndrigo, per difetto definito Poeta
Adrien Viglierchio
Mi occupo di Musica e di Medicina Alternativa Olistica da oltre 22 anni. Unire queste 2 grandi Discipline Insieme è stato lo scopo della mia Vita. Il Pianoforte in Conservatorio, gli studi di Canto, le Esperienze col Jazz per 3 anni, con la Lirica per 7 anni e col Musical in Europa nei 4 anni successivi, mi hanno portato a realizzare il mio Disco d’Esordio Etno Pop “Il Dodicesimo Pianeta” come autore e compositore, mansioni che svolgo tutt’ora per altri Artisti ed Eventi. Ho unito la mia scrittura inserendomi con “La Voce che Guarisce” nel libro Accademia di Canto dell’amica e collega Vocal Coach Danila Satragno, conducendo la rubrica radiofonica “Vibrazioni Musicali” per Radio Oltre Roma e partecipando come special guest all’evento “Lumiere” San Gimignano 2014 con la colonna sonora ufficiale del 12°mo Pianeta. Sempre alla ricerca di Nuove Sculture Sonore in grado di far Vibrare i Grandi, ma soprattutto i Piccoli…i Nuovi Piccoli che dovranno cambiare la Nuova Era. Il Futuro per me è la Musicoterapia…realizzata con Studio, Evoluzione e Consapevolezza.

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here