Home Zona Giovani La strana storia di Luigi Friotto, cantautore di lungo corso dalla brevissima...

La strana storia di Luigi Friotto, cantautore di lungo corso dalla brevissima discografia

La storia di Luigi Friotto, un giovane cantautore fuori dagli schemi.

2433
0
SHARE
Voto Autore

di Kate Andora

Si, Friotto e la sua carriera ha una strana storia davvero, perchè è un navigato cantautore, pur avendo pubblicato poco.

Ma nonostante ciò sui palchi lui non si limita a proporre semplici concerti, ma dà vita a veri e propri laboratori musicali, unendo canzoni, teatro e danza.
Ma andiamo con ordine.

Luigi Friotto nasce a Lanciano (CH) nel 1981e fino al 2003 la sua vita è dedicata a “scuola, studi, musica e vicende normali”, come scrive egli stesso nella biografia del suo sito ufficiale.

Nel 2003 fonda il quartetto acustico Friotto e Bandautore, con il quale inizia a dare vita ai suoi spettacoli. Il repertorio è costituito da brani del più importante cantautorato italiano, ma non si tratta di semplici cover in chiave acustica, ma di vere e proprie rielaborazioni contaminate da varie forme di spettacolo sonore e visive.

Nel 2007 inizia la collaborazione con la coreografa Cristina Nudi, nel 2008 va in scena il concerto omaggio a Sergio Endrigo e nel 2009 debutta lo spettacolo “Dai carruggi A mare- Concerto acustico per Fabrizio De Andrè”, in collaborazione con il gruppo corale Tumma Cene e col corpo di ballo di Cristina Nudi. Questo concerto-tributo, nel corso degli anni, si rivelerà un vero e proprio laboratorio artistico e musicale dal quale attingere per le opere inedite che Friotto andrà a comporre negli anni a venire.

La prima verrà pubblicata nel 2012 e si tratta del singolo “Silenzi di un temporale”, il cui video vincerà il Premio Videoclip Italiano nella categoria Indipendenti nell’estate dello stesso anno.

[youtube id=”tg78n4pnCnI”]

Nel 2013 porta in scena i suggestivi e meravigliosi “Concerti sull’acqua”, nove musicisti su una piattaforma galleggiante accompagnati dalle danze di sei ballerine che si esibiscono sul bagnasciuga. Uno spettacolo affascinante in cui canzoni, coreografie, colonne sonore e nuovi brani inediti si fondono in un’atmosfera magica e suggestiva, quasi fiabesca.

Nel 2014 iniziano le registrazioni del primo EP dal titolo “Lucernario”, prodotto da Lucio Piccirilli e contemporaneamente parte anche l’allestimento del nuovo spettacolo “Nerocandido-canzoni, musiche, musichette ed altre bizzarrie”, che porterà in scena sull’acqua nell’estate dello stesso anno.

“Lucernario” uscirà nel Gennaio 2015. E’ un EP composto da sole cinque canzoni, ognuna delle quali ne vale dieci per la cura dei testi, l’importanza data alle singole parole, alle singole note, agli arrangiamenti e alla produzione finale. Friotto non è uno che pubblica pezzi così, tanto per fare numero.

Digipak  3 ante .cdrAlla presentazione dell’opera, avvenuta presso il Teatro Fenaroli di Lanciano, l’autore descrive così “Lucernario”:
“Vorrebbe essere un inno agli elementi: acqua-fuoco-terra-aria, scritti e celebrati sin dalla Grecia del passato, sopravvissuti fortunatamente ai secoli e arrivati fino a questi giorni decadenti e perplessi. E’ un inno poco solenne però, privo di santificazioni consuete e ridondanti. Gli elementi sanno salvare e sanno rovinare, e lo fanno per natura e necessità e non perché qualcuno debba chiamarli buoni o cattivi. Agli uomini è dato solo di poterli intravvedere come si fa da un lucernario. Gli uomini tutti sono umili lucernari in Terra, perchè la natura è affascinante e ambigua, a volte salva, a volte uccide, a volte si lascia ammirare, a volte si fa temere, ma senza di essa l’uomo non può esistere”.

Friotto inoltre ha anche partecipato e vinto la tappa di Urbino del POV music contest lo scorso 25 Giugno.

[youtube id=”1XRi4km-BE0″]

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here