29.4 C
Milano
venerdì, Maggio 20, 2022
No menu items!

Ultimi post

Sanremo si Sanremo no

di Alberto Salerno

Negli anni cinquanta e sessanta approdare al Festival di Sanremo era, per qualsiasi cantante, l’obiettivo primario della carriera artistica.

Nonostante le polemiche, che già allora accompagnavano le scelte delle canzoni e dei cantanti, esibirsi su quel palco poteva significare un futuro di successo, o comunque l’inizio di una carriera.

Poi, con l’avvento del sessantotto, e soprattutto con la nascita del cantautorato romano, è iniziato un vero e proprio ostracismo nei confronti del Festival, che veniva considerato “borghese“, “decadente“, privo di quella “verità sociale” della quale i suddetti cantautori avevano fatto la loro bandiera.

Insomma, negli anni settanta, e anche buona parte degli ottanta, i cantautori di “razza” a Sanremo non ci andavamo, e se ci andavano era soltanto per partecipare al Premio Tenco.

Poi, lentamente, le cose sono cambiate, a cominciare dalla partecipazione di Fiorella Mannoia, che presentandosi con brani firmati da cantautori di pregio, ha per prima incrinato questo tabù.

A me tutto questo atteggiamento spocchioso ha sempre dato molto fastidio, l’ho sempre definito molto “italiano“, perché solo in Italia siamo così bravi a definire la musica di serie A o di serie B.

Oggi, comunque, tutto questo fa parte del passato, come il Festival, del resto.

Facebook Comments

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.