Home Angolo FANS VALERIO SCANU di Giò Santina Valerio Scanu a “Napoli prima & dopo”

Valerio Scanu a “Napoli prima & dopo”

1627
0
SHARE
Voto Autore

di Giò & Santina

Durante lo spettacolo “Napoli, prima & dopo” trasmesso da Rai Uno, nella serata di sabato,11 luglio, è andata in scena la musica partenopea, con orchestra  diretta dal maestro Enzo Campagnoli.

Questo programma, giunto ormai alla 33° edizione, raccoglie grandi classici, della tradizione musicale napoletana, interpretati da artisti italiani e non solo, presentati da Pupo e da Gloriana, nota artista campana: una vera istituzione, in scena con i suoi lavori e partecipazioni, da molti anni.

Valerio Scanu ha partecipato a questo programma già nell’anno 2011, presentando il brano “Dicitencello vuje “- che entrò, poi, a fare parte delle sue cover più emozionanti – ed anche nel 2012, con il celebre “Tu sì na cosa grande”.

E’ ritornato in questa edizione del 2015 ed ha cantato “Cu mmè”, una scelta molto caldeggiata anche dai fans, che hanno potuto ascoltare lo stesso brano proposto  negli ultimi appuntamenti live nella sezione dedicata al ricordo di Mia Martini (che lo interpretò).

Napoli e dintorni hanno riservato da sempre grande accoglienza a Scanu. Ricordiamo  “Canzoni sotto l’albero”, da giovanissimo, un memorabile Capodanno ad Afragola, voluto dallo stesso  Campagnoli, un piacevole extra in una puntata di “Casa Gloriana”, una sorta di talk show dell’artista campana; il “Capodanno in piazza” di Gigi D’Alessio,quale ospite, all’inizio di questo anno; per passare ad una affollatissima serata, nel corso del tour attuale, a Salerno, qualche giorno fa.

valerio-scanu-napoli-prima-e-dopo-2015

A  “Napoli prima & dopo”, Valerio ritrova vecchi amici, colleghi ed una città che gli riconosce un’indubbia capacità interpretativa, e che apprezza con molto e tangibile entusiasmo il suo impegno.

“Cu mmè”, ha mostrato Scanu, nell’esecuzione di un brano difficile, sofferto e “cesellato” in ogni parte. Chi ha potuto ascoltare la versione proposta in tour, più musicalmente pop, non può non notare che le due versioni del brano sono molto diverse.

A parte la pronuncia, sempre precisa e puntuale (senza dubbio, assai più di  altre ascoltate nel corso della stessa serata), Valerio ha regalato una diversa “lettura musicale” del brano, aderendo moltissimo all’intensa malinconia melodica partenopea che il pezzo richiedeva.

Il pubblico ha gradito e premiato la partecipazione, emotivamente ricca, che è emersa durante i passaggi della canzone, e più di tutti ha gradito  la maestria  e la tecnica di questo ragazzo ,che sa fondere abilità e passione, in diversissimi generi musicali, con la stessa disinvoltura.

[youtube id=”CNMV0b4nLcA”]

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here