Home Le pillole di A. Salerno Quando l’artista si crede Dio…

Quando l’artista si crede Dio…

1000
2
SHARE
Voto Autore

di Alberto Salerno
C’è una storiella divertente che gira nel nostro ambiente da anni, e che fa capire con chiarezza il cambiamento dell’atteggiamento dell’artista da quando comincia, ed è solo all’inizio di un piccolo successo, fino all’arrivo del grande successo.

Primo tour, sound check. Il suo disco ha venduto 50.000 copie. L’artista arriva puntualissimo, sale sul palco, comincia le prove, ascolta i consigli del fonico, del promoter e del produttore, con i suoi musicisti e’ cordiale e amichevole, si concede volentieri per fare un’intervista con un inviato della radio locale, poi va a cena insieme alla band, nel ristorante fissato prima dell’inizio della serata, battute, pacche sulle spalle, allegre risate.

Secondo tour, sound check. Il suo disco ha venduto 150.000 copie. L’artista arriva con mezz’ora di ritardo. Sembra avere qualche problema con gli ascolti, dice che non sente bene la sua voce, discute un po’ con il tecnico, risponde nervosamente al promoter e al produttore, seduti in prima fila. Fa un po’ di storie per rilasciare l’intervista alla radio locale, va a cena con la band ma non gli piace per niente il ristorante scelto dal promoter, dicendo :”Quello dopo mi sente!“.

Terzo tour, sound check. Il suo disco ha venduto 300.000 copie. L’artista arriva con un’ora di ritardo. Ha l’aria scazzata, porta un paio di occhiali da sole, nonostante fuori piova, non saluta la band, risponde appena al promoter e al produttore, che si guardano scuotendo tristemente la testa. Contesta la band che non gli sembra all’altezza, e ha un’aspra discussione col fonico che, fra se’ e se’, tira un bestemmione. Si rifiuta di fare l’intervista con la radio locale, e va a mangiare per i fatti suoi con la sua ultima fidanzata, che gli da preziosi consigli artistici, nel ristorante scelto da lui, ma pagato dal promoter.

Ahahahahahahah! Scusate ma mi viene proprio da ridere mentre scrivo!
Ora, questa storiella e’ spinta all’eccesso… Ma non siamo così distanti dalla realtà.
Allora diciamoglielo: “Attento, ragazzo, dal primo posto puoi solo scendere…” (Cit. Mogol)

Commento su Faremusic.it

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here