20.4 C
Milano
domenica, Luglio 12, 2020

Ombretta Colli: “Chiedimi chi era Gaber”, il libro – RECENSIONE

S’intitola "Chiedimi chi era Gaber" il libro scritto a quattro mani da Ombretta Colli con Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Gaber

Ultimi post

Mahmood: fuori il nuovo singolo “Dorado” con Sfera Ebbasta e Feid

Esce il singolo “Dorado” di Mahmood in collaborazione con Sfera Ebbasta. Ai due si aggiunge anche Feid, mentre alla produzione c'è la firma di Dardust

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 2.5]

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano:
«Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano».

Non è superbia, Vecchioni è un intellettuale, un sognatore, innamorato di tutto ciò che è movimento, che ha un’energia costruttiva, che sa di arte e di bellezza.

Di ciò che è fermento creativo.

Suo padre era di San Giorgio a Cremano, sua madre del Vomero e “rispecchiavano il bello di Napoli”. Si sono trasferiti al Nord, durante la Guerra per vendere tessuti.

In un’intervista del 2016 su Repubblica parla della sua Napoli come “luogo della felicità”.

Parole come stille di affetto, tuffi al cuore, ritorni felici.

Il padre personificava la coloritura, la meraviglia, il divertimento napoletano, la fantasia. Vecchioni lo definisce un uomo “imprevedibile”. La madre era la cultura della dolcezza, della protezione: “Senza di lei si andava a carte 48”.

Milano per lui è come una madre, senza la quale si cade.

Milano non è la reginetta del ballo è il salone da ballo.

Vi si affollano sia i ricchi epuloni che quelli “della busecca con dent i borlott” per usare le parole del Bracchi.

Non tutti i milanesi pensano alla cosiddetta “movida”, già il nome sa di vecchio, di trapassato, di qualche cosa che serve agli altri per giudicare. È un’etichetta che ci hanno affibbiato, ma ditemi se in altre parte di Italia non si cercano i luoghi del ritrovarsi?

Una volta a Milano c’erano quegli storici locali in Brera che sfornavano artisti e talenti e con una birra ci facevi serata.

Ora sono negozi.

Per chi non compra giudizi o non fa assembramenti a grappoli sulle panchine del parco, Milano “l’è un gran Milan”, ed è sì quella Milano di Amatore Sciesa, di quel “tiremm innanz” citato da Vecchioni.

Milano è stata colpita, è in ginocchio, sospesa tra vita e morte, ma il milanese, così come il lombardo, l’emiliano, il romagnolo, l’italiano, in tutte le sue – così dissimili e affascinanti – declinazioni è coraggioso.

Milano non è una costruzione per milanesi (giacché sono in estinzione come cantava Walter Valdi).

Milano è abitata, vissuta, e tenuta in vita grazie a quella operosità, a quella capacità di interazione, di integrazione, di scambi e di relazioni. Questa è la forza di Milano.

Milano è la città dei cento appuntamenti al giorno, dell’organizzazione, dell’ottimizzazione del tempo.

Vecchioni ha ragione.
Ha ragione in parte.

«Sulla bilancia, ci sarà da una parte la possibilità di una malattia, dall’altra la necessità di riprendere vita».

No, non si può rischiare.

Ci vuole prudenza. Bisogna essere attenti. La bilancia sta in equilibrio sulla paura.
E a usare il buon senso, a partire da ogni piccola azione, non si sbaglia mai.

Latest Posts

Mahmood: fuori il nuovo singolo “Dorado” con Sfera Ebbasta e Feid

Esce il singolo “Dorado” di Mahmood in collaborazione con Sfera Ebbasta. Ai due si aggiunge anche Feid, mentre alla produzione c'è la firma di Dardust

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.