Home Musica Peter Gabriel: Uscito in streaming il doppio album “Growing Up Live”

Peter Gabriel: Uscito in streaming il doppio album “Growing Up Live”

Uscito in streaming il doppio album “Growing Up Live” di Peter Gabriel, concerto registrato al Mediolanum Forum di Milano nel 2003

561
0
SHARE
peter gabriel
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

Uscito solo sulle piattaforme in streaming il doppio album “Growing Up Live” di Peter Gabriel, concerto registrato al Mediolanum Forum di Milano nel maggio 2003 e uscito ai tempi del Tour come DVD

Nel 2002 e nel 2003, dopo l’uscita del suo album “UP”, Peter Gabriel mise in moto il suo Growing Up Tour, collaborando ancora una volta con lo scenografo Robert Lepage alla ricerca di una spettacolare e teatrale esperienza live. Il tour toccò trentadue città negli Stati Uniti, in Canada e in Europa, e il concerto che viene proposto oggi è stato registrato per due notti al Mediolanum Forum di Milano nel maggio 2003, con Gabriel e la band che si esibiscono al centro dell’arena.

Alla fine del 2003 è stato realizzato un DVD che ha catturato l’intero spettacolo dal vivo, ma sino ad ora non ne esisteva una versione audio indipendente.

La band itinerante che si ascolta in questo album è composta da Ged Lynch (batteria), Tony Levin (basso, voce), David Rhodes (chitarra, voce), Richard Evans (chitarra, mandolino, fischietto, voce), Rachel Z (tastiere, voce), Melanie Gabriel (voce) e Peter Gabriel (voce, tastiere).

peter gabriel

Racconta Peter Gabriel:

La band è una miscela di vecchio e nuovo. Nel collaudato gruppo di amici c’è David Rhodes alla chitarra, con cui ho suonato per molti anni, dal momento che il suo gruppo, Random Hold, mi ha supportato nel corso di un tour.  Ha iniziato la sua vita come scultore, non ha mai voluto essere un musicista professionista, ma ci è caduto dentro.

Tony Levin, famoso bassista legato soprattutto al nome dei King Crimson, è il primo musicista con cui registrai un disco dopo aver lasciato i Genesis. È il membro più longevo, con una grande carriera alle spalle, a partire dal suo coinvolgimento con John Lennon sino ai giorni nostri. Penso che sia uno dei bassisti più rispettati al mondo, quindi mi sento molto fortunato e mi onora il fatto che collabori costantemente con me.

C’è poi Rachel Z, che è un tastierista molto capace. È meglio conosciuta nel mondo del jazz, ma ha sviluppato il suo genere in ambito rock e ha appena pubblicato un album di cover di Joni Mitchell. E’molto brava. È la figlia di una cantante d’opera e ha anche un set molto utile di cornamuse.

Con Richard Evans ho lavorato molte volte in studio, ma questa era la prima volta dal vivo. Suona numerosi strumenti: mandolino, flauti, fischietti, chitarra. Polivalente e divertente.

Il batterista è Ged Lynch. Quando stavamo realizzando l’album, Manu (Katché) era in tour per cui ho chiamato Ged come sostituto. Manu è un musicista eccezionale, ma per certi versi è un “decoratore”, quindi ciò che fa è sempre perfetto dal punto di vista musicale. D’altra parte Ged, sembra si segga nella sua postazione pronto a muovere i tasti giusti per guidare le operazioni, ed è stato bello provare a rendere questa band più diretta del solito. Ged è anche un grande percussionista e nel disco si sente.

E poi c’è mia figlia Melanie che canta con me, e questo è grande piacere per papà.”

Gli ospiti speciali sono The Blind Boys of Alabama, Dr Hukwe Zawose, Charles Zawose, Sevara Nazarkhan e la voce di Nusrat Fateh Ali Khan.

L’intero concerto, disponibile in versione DVD, è stato diretto da Hamish Hamilton.

peter gabriel

 

Commento su Faremusic.it