15.4 C
Milano
giovedì, Giugno 4, 2020

La REPUBBLICA delle banane – L’addio di Lerner, Corrias, Deaglio e forse Saviano, Serra e Mauro

Da quando John Elkann è Presidente del gruppo Gedi, molte firme eccellenti del giornalismo italiano hanno lasciato La Repubblica

Ultimi post

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

Mahmood il vincitore del 69mo Festival di Sanremo – Intervista in sala stampa

Voto Autore

Voto Utenti
[Total: 3 Average: 3.3]

Alessandro Mahmood, nato e cresciuto a Milano sud nel 1992, da madre sarda e padre egiziano, è il nuovo e inaspettato vincitore del Festival di Sanremo.

E’ approdato tra i big della musica italiana a Sanremo vincendo, insieme a Einar, Sanremo Giovani con il brano “Gioventù bruciata”.

Alessandro arriva in Conferenza Stampa con un Gadget di tutto rispetto, una banconota per tutti gli addetti “Press” con la sua faccia stampata. Davvero un ottima qualità di stampa. Impossibile poi non accorgersi di questa “chicca” alla Gabbani e della sua grande passione per i Pokemon.

mahmood

“Soldi” conquista pubblico e radio, un pezzo che ha la produzione di due dei produttori tra cui il multiplatino Dario Faini, in arte Dardust, che ha diretto anche l’orchestra al Festival, e Charlie Charles, Re Mida della scena trap italiana, un’unione che ha portato alla creazione di un suono molto black soul che il cantante impreziosisce con la sua stupenda voce e il suo modo di cantare.

E’ prevista per marzo l’uscita del suo primo album “Gioventù Bruciata”.

Alessandro spiega:

Soldi l’avevo scritta su un vecchio beat, il problema è che la struttura non era molto chiara, quindi ho chiesto aiuto a Dario Faini (Dardust) che mi ha aiutato a sviluppare il bridge, mancava quel suono moderno in più e Charlie Charles era perfetto, gliel’hanno proposto e ci ha dato una mano con le sonorità e anche con la ritmica, rendendola più incisiva, più moderna, quindi è stato proprio un lavoro di squadra“.

Oltre alla parte musicale, Mahmood, che è anche autore (ha collaborato all’ultimo album di Marco Mengoni per cui ha scritto anche “Hola, I Say”), ha lavorato molto anche alla parte testuale, appunto:

Chi lavora con me, chi è nel mio team aveva già capito che potevo migliorare nella scrittura ed è stato così, perché quando ho firmato con la Universal, non è che sono uscito subito col disco, è stato un lavoro graduale, ho fatto delle session con autori, per migliorare un po’, aprire anche le melodie perché magari rimanevo un po’ nelle stesse note. È stato un lavoro duro, però io ce l’ho messa veramente tutta, perché alla fine è questo che vogliono fare nella vita e grazie a dio i miei frutti sto iniziando un po’ a raccoglierli“.

mahmood

Di cosa parla Soldi?

Il pezzo si chiama ‘Soldi’, non parla di soldi a livello materiale ma di come possono cambiare i rapporti all’interno di una famiglia. È un pezzo racconta una storia di una famiglia non tradizionale, tutto qua. Io non parlo arabo, ma ci sono delle frasi che mi ricordo, che fanno parte della mia infanzia ed era un modo perfetto, cantare quelle frasi mi rimanda proprio a una determinata scena, a un momento“.

Nella serata dei duetti al Festival Alessandro è stato accompagnato da Gué Pequeno:

Con Gué ho collaborato quest’anno, cioè, nel 2018, col pezzo ‘Doppio Whisky’, ovviamente io lo stimo da anni, perché comunque l’ho ascoltato tanto nella mia adolescenza, lui lo considero il Frank Sinatra del Rap, in più ha ascoltato Soldi e gli è anche piaciuto molto. Ha deciso di fare questo feat. a Sanremo e di andare per la prima volta sul palco di Sanremo, infatti per me è pazzesco, ancora non ci credo e spero appunto di fare un’ottima performance con lui“.

Per quanto riguarda i live Mahmood ha detto:

Per la prossima estate è previsto sicuramente un Live ma ne abbiamo giusto parlato ieri con Dario ed è ancora tutto in fase embrionale“.

Latest Posts

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.