Home Musica Mahmood il vincitore del 69mo Festival di Sanremo – Intervista in sala...

Mahmood il vincitore del 69mo Festival di Sanremo – Intervista in sala stampa

Alessandro Mahmood, nato e cresciuto a Milano sud nel 1992, da madre sarda e padre egiziano, è  il nuovo e inaspettato vincitore del Festival di Sanremo

370
0
SHARE
mahmood
Voto Autore
Voto Utenti
[Total: 3 Average: 3.3]

Alessandro Mahmood, nato e cresciuto a Milano sud nel 1992, da madre sarda e padre egiziano, è il nuovo e inaspettato vincitore del Festival di Sanremo.

E’ approdato tra i big della musica italiana a Sanremo vincendo, insieme a Einar, Sanremo Giovani con il brano “Gioventù bruciata”.

Alessandro arriva in Conferenza Stampa con un Gadget di tutto rispetto, una banconota per tutti gli addetti “Press” con la sua faccia stampata. Davvero un ottima qualità di stampa. Impossibile poi non accorgersi di questa “chicca” alla Gabbani e della sua grande passione per i Pokemon.

mahmood

“Soldi” conquista pubblico e radio, un pezzo che ha la produzione di due dei produttori tra cui il multiplatino Dario Faini, in arte Dardust, che ha diretto anche l’orchestra al Festival, e Charlie Charles, Re Mida della scena trap italiana, un’unione che ha portato alla creazione di un suono molto black soul che il cantante impreziosisce con la sua stupenda voce e il suo modo di cantare.

E’ prevista per marzo l’uscita del suo primo album “Gioventù Bruciata”.

Alessandro spiega:

Soldi l’avevo scritta su un vecchio beat, il problema è che la struttura non era molto chiara, quindi ho chiesto aiuto a Dario Faini (Dardust) che mi ha aiutato a sviluppare il bridge, mancava quel suono moderno in più e Charlie Charles era perfetto, gliel’hanno proposto e ci ha dato una mano con le sonorità e anche con la ritmica, rendendola più incisiva, più moderna, quindi è stato proprio un lavoro di squadra“.

Oltre alla parte musicale, Mahmood, che è anche autore (ha collaborato all’ultimo album di Marco Mengoni per cui ha scritto anche “Hola, I Say”), ha lavorato molto anche alla parte testuale, appunto:

Chi lavora con me, chi è nel mio team aveva già capito che potevo migliorare nella scrittura ed è stato così, perché quando ho firmato con la Universal, non è che sono uscito subito col disco, è stato un lavoro graduale, ho fatto delle session con autori, per migliorare un po’, aprire anche le melodie perché magari rimanevo un po’ nelle stesse note. È stato un lavoro duro, però io ce l’ho messa veramente tutta, perché alla fine è questo che vogliono fare nella vita e grazie a dio i miei frutti sto iniziando un po’ a raccoglierli“.

mahmood

Di cosa parla Soldi?

Il pezzo si chiama ‘Soldi’, non parla di soldi a livello materiale ma di come possono cambiare i rapporti all’interno di una famiglia. È un pezzo racconta una storia di una famiglia non tradizionale, tutto qua. Io non parlo arabo, ma ci sono delle frasi che mi ricordo, che fanno parte della mia infanzia ed era un modo perfetto, cantare quelle frasi mi rimanda proprio a una determinata scena, a un momento“.

Nella serata dei duetti al Festival Alessandro è stato accompagnato da Gué Pequeno:

Con Gué ho collaborato quest’anno, cioè, nel 2018, col pezzo ‘Doppio Whisky’, ovviamente io lo stimo da anni, perché comunque l’ho ascoltato tanto nella mia adolescenza, lui lo considero il Frank Sinatra del Rap, in più ha ascoltato Soldi e gli è anche piaciuto molto. Ha deciso di fare questo feat. a Sanremo e di andare per la prima volta sul palco di Sanremo, infatti per me è pazzesco, ancora non ci credo e spero appunto di fare un’ottima performance con lui“.

Per quanto riguarda i live Mahmood ha detto:

Per la prossima estate è previsto sicuramente un Live ma ne abbiamo giusto parlato ieri con Dario ed è ancora tutto in fase embrionale“.

SHARE
Previous articleGiù le mani dall’orchestra di Sanremo – Il maestro Valeriano Chiaravalle Vs giornalista
Next article“Quello che già sai” il nuovo inedito di Annamaria Tortora in uscita il 1 marzo con Edel Italy
Adrien Viglierchio
Mi occupo di Musica e di Medicina Alternativa Olistica da oltre 22 anni. Unire queste 2 grandi Discipline Insieme è stato lo scopo della mia Vita. Il Pianoforte in Conservatorio, gli studi di Canto, le Esperienze col Jazz per 3 anni, con la Lirica per 7 anni e col Musical in Europa nei 4 anni successivi, mi hanno portato a realizzare il mio Disco d’Esordio Etno Pop “Il Dodicesimo Pianeta” come autore e compositore, mansioni che svolgo tutt’ora per altri Artisti ed Eventi. Ho unito la mia scrittura inserendomi con “La Voce che Guarisce” nel libro Accademia di Canto dell’amica e collega Vocal Coach Danila Satragno, conducendo la rubrica radiofonica “Vibrazioni Musicali” per Radio Oltre Roma e partecipando come special guest all’evento “Lumiere” San Gimignano 2014 con la colonna sonora ufficiale del 12°mo Pianeta. Sempre alla ricerca di Nuove Sculture Sonore in grado di far Vibrare i Grandi, ma soprattutto i Piccoli…i Nuovi Piccoli che dovranno cambiare la Nuova Era. Il Futuro per me è la Musicoterapia…realizzata con Studio, Evoluzione e Consapevolezza.

Commento su Faremusic.it