Home Musica David Bowie: arriva il biopic “Stardust”- In primavera il cofanetto “Spying Through...

David Bowie: arriva il biopic “Stardust”- In primavera il cofanetto “Spying Through A Keyhole”

In occasione del 72° compleanno di David Bowie la Parlophone ha annunciato l'uscita del cofanetto "Spying Through A Keyhole". In lavorazione anche un biopic

414
0
SHARE
bowie
Voto Autore
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

…spying through a keyhole from the other room…

Il 2019 ha avuto inizio nel segno di imperdibili novità per i fan di David Bowie.

In occasione di quello che sarebbe stato il suo 72° compleanno, la Parlophone ha annunciato l’uscita, entro la primavera, del cofanetto Spying Through A Keyhole, che racchiuderà vere e proprie rarità fra demo degli anni ’60 e canzoni mai date alle stampe da parte del Duca Bianco.

Gran parte dei brani sono registrazioni acustiche “home made”. Fra queste, spiccano due versioni alternative di Space Oddity, capolavoro bowiano che sta per compiere 50 anni.

Il titolo dell’album proviene da Love All Around, brano rimasto a lungo inedito e pubblicato per la prima volta nel 2018.

Anche se non è ancora stata fissata la data esatta della pubblicazione, la tracklist del cofanetto è già nota.

bowie

Tracklist  “Spying Through A Keyhole” – David Bowie

Mother Grey (demo)
In The Heat Of The Morning (demo)
Goodbye 3d (Threepenny) Joe (demo)
Love All Around (demo)
London Bye, Ta-Ta (demo)
Angel, Angel, Grubby Face (demo version 1)
Angel, Angel, Grubby Face (demo version 2)
Space Oddity (demo excerpt)
Space Oddity (demo – alternative lyrics) (with Hutch)

bowie

IL FILM

Altrettanto ghiotta la notizia dell’imminente realizzazione di un film su un momento importante della vita e della carriera del cantautore londinese. Si chiamerà Stardust, il film teso a ricostruire la storia e del primo viaggio in America, nel ’71,  di David Bowie,  fondamentale per la realizzazione dell’album The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars.

A dirigere il lavoro su uno script di Christopher Bell (The Last Czars), il premio Emmy Gabriel Range.Alla produzione la Salon Pictures (McQueen).

L’attore che avrà il compito d’impersonare il Duca Bianco è Johnny Flynn, musicista e attore britannico di origini sudafricane noto soprattutto per aver composto alcune colonne sonore di serie tv e lavori teatrali e per aver interpretato, fra gli altri, “Sils Maria” di Olivier Assayas al cinema e più di un ruolo in serie tv di successo quali Lovesick, Brotherhood e Vanity Fair.

Johnny Flynn è a tutti gli effetti uno dei migliori talenti emergenti britannici, sia nel campo del cinema che in quello della musica”, garantisce Van Carter, produttore del biopic.

E mentre vengono resi noti i nomi di altri due interpreti – Marc Maron, comico noto soprattutto per Glow, che vestirà i panni dell’agente di David Bowie, e Jena Malone (Vice, Hunger Games) che sarà la prima moglie dell’artista, Angie la famiglia Bowie fa sapere di non aver nulla a che fare col lavoro in questione.

bowie

Duncan Jones, figlio del Duca Bianco, ha infatti preso le distanze dal film, ribadendo il veto sui diritti per l’uso delle canzoni del padre.

Sono abbastanza sicuro che nessuno ha garantito i diritti musicali per qualsiasi biopic, altrimenti lo saprei”, si legge sul profilo twitter di Duncan: “Non dico che questo film non si farà, sinceramente non saprei. Dico solo che, stando così i fatti, questo film non avrà nella colonna sonora la musica di mio padre e non prevedo cambiamenti in merito. Se volete vedere una biopic senza la sua musica o il beneplacito della famiglia spetta al pubblico deciderlo”.

La produzione ha prontamente risposto affermando: “Vorremmo chiarire che non si tratta di un biopic, è un momento di svolta nella vita di David Bowie e non è poggiato sulle sue musiche. Il film è stato scritto come una sorta di ‘storia di origini’ sull’inizio del viaggio di Bowie e della nascita del personaggio di Ziggy Stardust e si focalizza sullo studio del personaggio da parte dell’artista, a differenza delle biopic trascinati dalla musica”.

Paul Van Carter ha aggiunto che, data la posizione dei Jones, nel film non verrà usata “nessuna delle canzoni di Bowie. Sapevamo dall’inizio che non ci sarebbero state”.

Il figlio di Bowie, in queste stesse ore, ha lanciato un’altra iniziativa che i fan del Duca Bianco hanno accolto con trepidazione: via Twitter, Duncan ha chiesto a Neil Gaiman e al regista Peter Ramsey (candidato all’Oscar per Spider-Man: Un nuovo universo) se fossero interessati a dar vita a un film d’animazione basato sui personaggi inventati da Bowie.

Insomma, la carne al fuoco è tanta.

Secondo Deadline le riprese del film di Gabriel Range avranno inizio a giugno. C’è da scommettere che, polemiche a parte, il film riuscirà a bissare il successo dell’acclamatissimo Bohemian Rhapsody sulla vita del leader dei Queen.

Commento su Faremusic.it