Home Musica L’Unesco dichiara il reggae patrimonio dell’umanità

L’Unesco dichiara il reggae patrimonio dell’umanità

Il reggae diventa patrimonio dell'Unesco grazie al suo "contributo al dibattito internazionale su questioni di ingiustizia, resistenza, amore e umanità".

128
0
SHARE
reggae
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]
Il reggae diventa patrimonio dell’Unesco grazie al suo “contributo al dibattito internazionale su questioni di ingiustizia, resistenza, amore e umanità”.

.
Il genere musicale  nato negli anni ’60 in Giamaica, diventato famoso e influente grazie mostri sacri come Bob Marley, è stata iscritta nella lista Intangible Cultural Heritage of Humanity (Beni Immateriali dell’umanità), tra i tesori culturali globali delle Nazioni Unite.

L’agenzia culturale e scientifica dell’Onu ha ritenuto il reggae meritevole di protezione e promozione. L’annuncio è arrivato su Twitter dall’account ufficiale dell’Unesco.

reggae

Questo quanto scritto dall’UNESCO sul sito:

Originato all’interno di uno spazio culturale che era abitato da gruppi marginalizzati, principalmente nella parte ovest di Kingston, la musica Reggae della Giamaica è una amalgama di numerose influenze musicali incluse le prime forme musicali del Paese, così come quelle caraibiche, nord americane e latine. Col tempo, gli stili stili neo-africani, il soul e il rhythm and blues del Nord America furono incorporati nel nuovo elemento, trasformando gradualmente lo Ska nel Rock Steady e quindi nel Reggae. Mentre nel suo stato embrionale la musica Reggae era la voce dei marginalizzati, questa musica è ora suonata e abbracciata da un’ampia e trasversale fetta della società, inclusi gruppi di vario genere, etnia e religione.  

Le funzioni sociali di base di questa musica – come commento sociale, una pratica catartica, e lode a Dio – non sono cambiate e la musica continua ad agire come voce di tutti“.

Come si direbbe in Giamaica, #OneLove!

 

 

Commento su Faremusic.it