Home Cult Music Hollywood Arrogance: Il film “Proud Mary” usa indebitamente un brano di John...

Hollywood Arrogance: Il film “Proud Mary” usa indebitamente un brano di John Fogerty dei Creedence Clearwater Revival

Fogerty, l'ex leader, cantante e chitarrista dei Creedence Clearwater Revival, rivendica come suo il titolo del film di Taraji P. Henson "Proud Mary", titolo di un brano dell'artista scritto 50 anni fa.

244
0
SHARE
Fogerty
Crediti FotoMontaggio Immagini ©FareMusic FMD Copyright
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]
È uscito nelle sale americane il nuovo film di Taraji P. Henson “Proud Mary“. Quest’uscita ha provocato la risentita reazione di John Cameron Fogerty, l’ex leader, cantante e chitarrista dei Creedence Clearwater Revival nonché autore del brano omonimo.

.
Infatti la casa di produzione cinematografica non si è limitata ad usare il titolo del brano come titolo del film, ma lo ha inserito nella colonna sonora (e fin qui niente di male) senza chiedere alcun permesso all’autore, addirittura usando un verso della canzone (“working for the man every night and day” storpiandolo in “killing for the man every night and day“) nella locandina del film in cui “la protagonista principale è una donna di colore che è anche un’assassina, ed il cui nome pare sia Mary” (giusto per usare le risentite parole di John Fogerty pubblicate in un post sul suo profilo facebook).

Fogerty

Ho scritto la canzone Proud Mary 50 anni fa, – prosegue Fogerty – ed ero molto soddisfatto per aver scritto un ottimo brano come questo. Di fatto fu la prima buona canzone che scrissi.
Le mie canzoni sono molto speciali per me, preziose. Perciò mi irrito quando qualcuno cerca di capitalizzare la popolarità della mia musica e l’apprezzamento acquisito presso il pubblico ad esclusivo favore del proprio interesse. Nel corso degli anni mi sono spesso opposto a questo tipo di speculazioni.
Nessuno mi ha chiesto l’autorizzazione per poter usare il mio brano in questo modo e nemmeno sul significato dello stesso.
Scrissi questa canzone che parla di un mitico battello che naviga su un mitico fiume in una mitica epoca.
Era ovviamente una metafora sull’abbandono di uno stile di vita sofferto e stressante a favore di uno più tranquillo e pieno di significati.
Assai lontano da una storia che parla di ammazzare gente a pagamento“.

Fogerty

Ad ogni modo, secondo quanto affermato dal suo legale rappresentante, pare che Fogerty non abbia intenzione di citare per danni la casa di produzione del film, probabilmente stanco, deluso e nauseato dalle tante cause legali affrontate in passato, tra cui quella relativa l’uso del nome Creedence Clearwater Revival o quella nei confronti del boss della Fantasy Records, Saul Zaentz, cui dedicò i brani “Zanz Kant Danz” e “Mr. Greed”.

Fogarty

SHARE
Previous articleJovanotti annulla concerto di Bologna per problemi alle corde vocali
Next articleElton John svilito in REVAMP: “Quando tutto è arte, niente è arte” – RECENSIONE
Claudio Ramponi
Claudio Ramponi Cremona 08-08-1956 Comincia a studiare musica all'età di 8 anni presso la Banda Musicale Cittadina di Romagnano Sesia. Nel 1971 forma il gruppo Pick-up con Franco Serafini e Claudio Allifranchini. Nel 1973 sempre con i Pick-up collabora con l'Orchestra di Luciano Fineschi ed inizia a studiare basso e chitarra classica col M° Antonio Mastino. Nel 1974 con i Museum inizia professione di musicista suonando nei principali dancing del Nord Italia. Nel 1975 passa con i Fango (che cambieranno poi il nome in Fantastic Big Orchestra e quindi Fragola & Panna) restandoci fino agli inizi del 1978, dovendo interrompere causa servizio militare, prestato nella Fanfara della Brigata Alpina Taurinense in cui suona il trombone a coulisse. Nel 1979 entra a far parte dei Panda appena prima della scissione del gruppo e con i fuoriusciti membri forma il gruppo Everest con cui registra per la PolyGram Italiana il singolo "Hey città / Park Hotel". Nel 1982 scrive gran parte dei testi per l'album di esordio di Franco Serafini, tra cui il singolo "Se ti va cosí". Nel 1984 si iscrive al Conservatorio Antonio Vivaldi di Novara dove studia contrabbasso per 2 anni col M° Giorgio Giacomelli e consegue la Licenza di Teoria e Solfeggio sotto la guida del Mº Gabriele Manca. Dal 1986 al 1997 lavora come bassista freelance con diversi gruppi ed orchestre tra cui Kalliope, Working Brass, Cabarock, Diego Langhi Big Band, Claudio Allifranchini Big Band, Daniele Comoglio Quartet. Collabora inoltre con la Vetriolo S.r.l. alla realizzazione di jingles pubblicitari in onda sui principali network nazionali. Nel 1991 conosce Raffaele Fiore e con lui collabora alla realizzazione dei testi ed arrangiamenti oltre alla produzione dell'opera rock "4uattro" portata in scena in diversi teatri del novarese tra cui il Faraggiana di Novara, il Silvio Pellico di Trecate ed il Comunale di Oleggio. Contemporaneamente collabora come polistrumentista con la Compagnia La Goccia di Novara per le rappresentazioni teatrali dei musical "Jesus Christ Superstar", "Hair", "Tommy" e diversi Concerti Tributo ai Beatles. Inoltre si unisce, in qualità di corista, al gruppo A Fourty One che allestisce un mega tributo ai Queen con due gruppi contemporaneamente sul palco ed un coro di 20 persone, portato in scena in diversi palasport, teatri e locali di Piemonte e Lombardia tra il 1992 ed il 1995. Nel 1997 si trasferisce a Tenerife, Isole Canarie, dove tuttora risiede esercitando la professione di musicista nei principali hotel.

Commento su Faremusic.it