Home News Flash Dolores O’Riordan dei Cranberries morta a soli 46 anni

Dolores O’Riordan dei Cranberries morta a soli 46 anni

394
0
SHARE
dolores
Voto Utenti
[Total: 3 Average: 4]

Dolores O’Riordan, la stupenda voce del gruppo rock irlandese dei Cranberries, ci lascia a soli 46 anni. Era malata di cancro, ed è deceduta a Londra, mentre era impegnata in una sessione di registrazione con la sua band, i Cranberries appunto.

La notizia è stata diffusa dalla sua agente, Lidsey Holmes, in una nota diramata ai media irlandesi.

Già a maggio dello scorso anno, per i problemi di salute della cantante (minimizzati come “dolori alla schiena”), la band – che ha registrato il suo exploit negli anni ’90 – aveva annullato il tour europeo dopo poche date. I familiari, distrutti dal dolore, chiedono ai media di rispettare questo momento così difficile.

SHARE
Previous articleCosmo, il tamarro stiloso esce con un album dove la canzone d’autore sposa la dancefloor – RECENSIONE
Next articleMara Maionchi in radio con “Miseria e Nobiltà”, su Radio 102.5 – Tutti i successi di Mara
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it