-1 C
Milano
lunedì, Gennaio 18, 2021

ROBBIE WILLIAMS: fuori il video satirico e irriverente di “CAN’T STOP CHRISTMAS”

È online il video "CAN'T STOP CHRISTMAS" di ROBBIE WILLIAMS, un video satirico in cui l'artista si trasforma in BORIS JOHNSON

Ultimi post

LA ELIOABORAZIONE DEL LUTTO

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

di Giacomo De Rosa

Io sono in lutto perché la mucca fa “mu” e il merlo non fa “me”.

Io sono in lutto perché mi ha detto mio cuggino che una volta si è schiantato con la moto.

Io sono in lutto perché non mi hanno invitato, non mi hanno dato le Fonzies e, per di più, sul bicchiere di carta non c’è scritto il mio nome.

Io sono in lutto perché fondamentalmente agli americani non interessano i mondiali di calcio americani.

Io sono in lutto perché vorrei suonare i bonghi come se fossi in Africa, perché in montagna ci si rompe il cazzo e al mare c’è l’afa, perché Supergiovane è allegria più, Bulgaria più ma anche sciatalgia più più più.

Io sono in lutto perché anche nell’antichità ci sono stati personaggi tristi, per esempio Giulio Cesare quando è stato pugnalato.

Io sono in lutto perché la musica balcanica ci ha rotto i coglioni.

Io sono in lutto perché c’è già una macchia sul plafone.

Io sono in lutto perché un piccolo amico si avvicina e ha proprio le fattezze dell’orsetto ricchione.

Io sono in lutto perché presto verrà meno un baluardo di libertà, genio e creatività, ovvero di tutto quello che l’arte e la musica dovrebbero essere.

Per questo sono triste.

Io, però, non sono in lutto, perché grazie agli Elii ho scoperto che si può diventare una delle più grandi band del mondo parlando di liti condominiali e di ragazze che limonano da sole.

Perché grazie agli Elii ho capito che nella musica, e forse anche nella vita, non serve stare a fare questioni di genere.

Perché grazie agli Elii ho realizzato che una nota sola m’è maggior letargo che venticinque secoli eccetera eccetera.

Perché grazie agli Elii ho scoperto che anche le vette più audaci della costruzione musicale possono conseguire un secondo posto al Festival di Sanremo.

E perché, in definitiva, grazie agli Elio e le Storie Tese ho ascoltato forse la migliore musica che avrei mai potuto ascoltare in questi trentasette anni.

E per questo, per questo sono felice.

Quindi, tirando le somme, possiamo dire che sono medio.
Grazie, Elio e le Storie Tese, e che l’applauso per voi non cessi mai.

“Cessi”, sia chiaro, è un congiuntivo.

 

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.