18.5 C
Milano
lunedì, Aprile 6, 2020

Eurovision Song Contest 2020 ANNULLATO

E da giorni che girava la notizia dell'annullamento dell’Eurovision Song Contest 2020 e ora si è arrivati a questa decisione. A causa dell’emergenza sanitaria per...

Ultimi post

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

Liam Gallagher con “As You Were” è da record – RECENSIONE

Voto Autore

di Giuseppe Santoro

Liam Gallagher esce finalmente con il suo album solista.

Senza perderci in troppi preamboli e senza citare gli Oasis a sproposito come sempre accade quando si parla dei fratelli Gallagher, diciamo subito che l’ultimo disco di Liam è pieno di buona musica. Non per niente “As You Were”, uscito lo scorso 6 ottobre, è balzato giustamente in testa alle classifiche inglesi vendendo da solo di più di tutti gli altri album presenti nella top 20 britannica.

Liam Gallagher – As You Were

In my defence all my intentions were good….https://wbr.ec/lg_asyouwere_dlx

Posted by Liam Gallagher on Thursday, October 12, 2017

 

Una grande soddisfazione per un artista che sono anni che non sentivamo così convinto e convincente. Si, perché anche se è sempre stato uno sbruffone per vocazione, Liam Gallagher dopo lo scioglimento della band che ha fatto un po’ di storia della musica mondiale, non è mai riuscito a trovare una strada che lo convincesse appieno e che lo confermasse come il grande interprete che conoscevamo. In questo primo album da solista, abbandonati i vecchi compagni dei Beady Eye, il nostro si scopre essere un ottimo artigiano di canzoni, andando a comporre un album eterogeneo che naviga nel mare del rock melodico americano, senza dimenticare le origini del ragazzo di Manchester, quelle afferenti al brit-pop.

Liam è stato coadiuvato nella produzione dell’album da Andrew Wyatt e Greg Kurstin, che non sono proprio gli ultimi arrivati e il risultato di questa collaborazione si avverte tutto. Il pezzo migliore dell’album a mio avviso è Paper Crown, una ballad che non ti aspetti da uno come Liam. E stranamente il lavoro ne presenta anche altre di canzoni così intense, si prenda come esempio For What It’s Worth, il pezzo con l’impronta e la struttura musicale più marcatamente vicina agli Oasis che furono.

liam gallagher

L’anima ribelle di Liam Gallagher viene fuori prepotentemente con la nervosa I Get By che non lascia tregua per tutti i suoi tre minuti. La calma e la riflessione invece, tornano nel testo (veramente interessante) e nella musica di Chinatown; la canzone nella quale l’artista si scaglia contro la gente di oggi, troppo concentrata sulla vittoria tanto da dimenticarsi del principio, della corsa e della fine stessa.

La voce dell’ex frontman degli Oasis per tutte le tracce del disco è meno trascinata e sforzata del solito e questo non toglie intensità alle interpretazioni, ma anzi, ripulendole da un graffiato forse a volte esagerato, ne esalta le armonie.

liam gallagher

L’ultimo brano che voglio citare è I’ve All I Need, che forse a qualcuno ricorderà un capolavoro che lo stesso Liam scrisse qualche anno fa, “I’m Outta Time”. Quella del 2008 era certamente una canzone più “lennoniana” dal punto di vista musicale, ma è a livello autoriale che i due pezzi sembrano in qualche modo incontrarsi; I’ve All I Need per alcuni versi ne appare la diretta e matura continuazione. Liam nel ritornello canta: “non c’è più tempo per guardarsi indietro”. Che sia un messaggio velato al fratello Noel?

Quest’ultimo, negli ultimi otto anni ha dimostrato di sapere fare musica anche senza il marchio Oasis, sfornando davvero delle belle canzoni. Ora anche Liam sembra maturato e questo “As You Were” ne è la conferma plastica e digitale.
La crescita condivisa non deve per forza far sperare i tanti fans degli Oasis in una reunion, perché le belle cose si possono fare in due, ma delle volte riescono bene anche da soli.

liam gallagher

TRACKLIST

01 Wall of Glass
02 Bold
03 Greedy Soul
04 Paper Crown
05 For What It’s Worth
06 When I’m In Need
07 You Better Run
08 I Get By
09 Chinatown
10 Come Back to Me
11 Universal Gleam
12 I’ve All I Need

Latest Posts

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

I piu' letti

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.