17.4 C
Milano
sabato, Luglio 4, 2020

IL TALEBANO OCCIDENTALE: IL NUOVO TREND

Lo confesso. Le statue che raffigurano personaggi storici non mi sono mai piaciute fin da piccolo. Ricordo quando lo scultore Ceccarelli di Senigallia fece...

Ultimi post

Tom Morello, Shea Diamond, Dan Reynolds,The Bloody Beetroots insieme per “STAND UP” contro il razzismo

Tom Morello, Shea Diamond, Dan Reynolds,The Bloody Beetroots insieme per il brano “STAND UP”. per combattere le ingiustizie raziali

Il piano tedesco prevede un miliardo di euro per l’industria creativa

Per la rinascita della cultura, la Germania vara un programma da 1 miliardo di euro a sostegno dei lavoratori del settore artistico.

Le “100 Vite” di Loredana Errore – INTERVISTA

E’ in rotazione radiofonica da qualche settimana il nuovo singolo di Loredana Errore ‘100 Vite’ (Azzurra Music), brano intenso e decisamente nelle sue corde

LEVANTE: “SIRENE” è il nuovo singolo inedito

Esce il 7 luglio “SIRENE”, il nuovo singolo inedito di Levante, il racconto di un’estate “sospesa”. Il brano segue l'uscita di TIKIBOMBOM  

“I testi dei cantautori italiani dovrebbero essere insegnati a scuola”-Così parlò Franceschini

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 5]

di Roberto Manfredi

In occasione della laurea ad honorem consegnata a Patti Smith in quel di Parma, il ministro Dario Franceschini si è lasciato scappare una dichiarazione quasi storica:
I testi dei cantautori italiani dovrebbero essere insegnati a scuola
”.

Magari se al posto di Patti Smith ci fosse stato Franco Battiato o Francesco De Gregori, la frase avrebbe avuto un maggior effetto. L’occasione è ghiotta per fare un punto sull’educazione musicale nelle nostre scuole, a partire dalle elementari.

cantautori

Giorni fa ho accompagnato mio figlio di nove anni con l’intera classe ad assistere a una edizione (fortunatamente ridotta) del Barbiere di Siviglia presso il teatro Arcimboldi di Milano. Era un’iniziativa della scuola. Per certi versi interessante, dato che i bambini erano stati istruiti per cantare in coro, seduti in platea, alcune frasi dell’Opera, come “La Calunnia è un venticello….”. Ho poi appreso che la compagnia, con orchestra annessa, ha fatto in tutta Italia più di cento repliche. E fin qui tutto bene.

Ho notato però che i bambini nell’atrio, anziché ripassare le parti del libretto, cantavano “Occidentali’s Karma” a memoria. Il che mi ha fatto riflettere. La domanda è così sgorgata come un acuto della Rosina in scena:
“Come si insegna la musica ai bambini?”.

cantautori

Così mi è venuto in mente il saggio di fine anno scolastico dell’anno scorso, dove l’insegnante di canto ha formato il coro della classe, facendo cantare tutti i trentasei bambini all’unisono, senza alcuna armonia. Un coro senza armonia è come una squadra di calcio che non sa distinguere tra difesa, centrocampo e attacco, destinata così a perdere per 8-0. Non entro in merito sul metodo, quanto invece sulla scelta della canzoni e quindi dei testi da cantare.

Nel caso del Barbiere di Siviglia, è bene ricordare che la prima dell’Opera di Gioachino Rossini avvenne nel febbraio del 1816. Il libretto scritto da Cesare Sterbini ha per titolo arie come : “Se il mio nome saper voi bramate” o “ Cessa di più resistere”. Nell’Ottocento si parlava così… fortunatamente Rovazzi non era ancora nato, altrimenti avrebbe scritto un’aria dal titolo :
“Dì si felice innesto molto interessante il tutto”.

Battute a parte, la storia va insegnata eccome, ma il metodo e il programma scolastico attuale salta dal Barbiere di Siviglia alle canzoni tipo “La forchetta Giulietta” o la gettonatissima “La Tartaruga” di Bruno Lauzi. Di contemporaneo, o almeno di più recente, non c’è nulla. Idem per l’insegnamento strumentale.

cantautori

A scuola girano ancora quegli orrendi flautini dolci, anziché chitarre o pianoforti. Forse perché il flauto dolce entra più facilmente nello zainetto, ma le scuole potrebbero pure dotarsi di un pianoforte, di una o due chitarre o un paio di tastiere, tanto la lezione di musica la pagano i genitori. Macchè. E vai allora con quegli strazianti sibili flautati. Così accade che i bambini imparano a scuola cose, temi, testi di cui si dimenticano appena arrivano a casa quando ascoltano le canzoni di oggi dagli iPad e dai film della Marvel con i supereroi trasmessi in tv.

Sto ovviamente parlando di bambini della terza, quarta elementare, di quei bambini cioè che crescono alla velocità della luce e che sanno già usare le tecnologie odierne.

cantautori

Roba che se non metti i filtri parental control sul tuo cellulare, vanno subito su YouTube a vedersi i video hip hop con donnine  seminude che sbattono il didietro in formato filo interdentale, in ogni dove.

Ora, facendo appello alla proposta di Franceschini, che per ora è solo una segnalazione e nulla più, non vedrei nulla di scandaloso se già alle elementari si insegnassero ai bambini canzoni come “Buonanotte Fiorellino” di De Gregori o “Attenti al lupo” di Lucio Dalla o “La fiera dell’est” di Angelo Branduardi. Sarebbe già un passo avanti per loro e anche per i genitori che sarebbero sicuramente entusiasti di fare le “ripetizioni” a casa, piuttosto che ricordare : “La calunnia è un venticello” o altre arie del melodramma ottocentesco.

cantautori

La scuola dovrebbe essere considerata come una sorta di finestra aperta sul mondo, e la materia ideale per questo è senz’altro la musica, canzone compresa. Se non lo capisce la Pubblica Istruzione è un bel guaio, perché poi la scuola a cui i bambini o gli adolescenti faranno riferimento, sarà quella che vedranno nei talent show in tv. Così i loro maestri ideali saranno JAX, Fedez e Rovazzi. Vogliamo porci rimedio prima che sia troppo tardi o lasciamo che la calunnia resti un venticello?

Latest Posts

Tom Morello, Shea Diamond, Dan Reynolds,The Bloody Beetroots insieme per “STAND UP” contro il razzismo

Tom Morello, Shea Diamond, Dan Reynolds,The Bloody Beetroots insieme per il brano “STAND UP”. per combattere le ingiustizie raziali

Il piano tedesco prevede un miliardo di euro per l’industria creativa

Per la rinascita della cultura, la Germania vara un programma da 1 miliardo di euro a sostegno dei lavoratori del settore artistico.

Le “100 Vite” di Loredana Errore – INTERVISTA

E’ in rotazione radiofonica da qualche settimana il nuovo singolo di Loredana Errore ‘100 Vite’ (Azzurra Music), brano intenso e decisamente nelle sue corde

LEVANTE: “SIRENE” è il nuovo singolo inedito

Esce il 7 luglio “SIRENE”, il nuovo singolo inedito di Levante, il racconto di un’estate “sospesa”. Il brano segue l'uscita di TIKIBOMBOM  

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.