15.9 C
Milano
lunedì, Giugno 1, 2020

Concerti e Tour annullati e rinviati: Ferro, Vasco, Cremonini, Baglioni e tanti altri, si fermano

Da Tiziano Ferro a Vasco Rossi, da Ligabue a Cesare Cremonini, da Zucchero a Degregori i concerti del 2020 annullati e rinviati al 2021

Ultimi post

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

“G COME GIUNGLA”: NUOVO SINGOLO PER LIGABUE

Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

Pubblicato pochi minuti dopo la mezzanotte del 2 settembre, il nuovo singolo di Ligabue, “G come giungla”, che anticipa il concept album di inediti – Made in Italy – in uscita a fine anno, rivela un titolo che chiarisce i post “apparsi” negli scorsi giorni sul profilo social del Liga, il rocker di Correggio, in cui associava una parola a ogni lettera dell’alfabeto.

A come attenzione; B come bestia; C come cacciatore; D come denti; E come elezioni; F come fuoco. Fino alla G del titolo: G come Giungla.

Il pezzo – primo estratto dal nuovo album – parte dal ritornello, un riff che dal secondo ascolto difficilmente vi toglierete dalla testa, e che incalza con una frase tagliente dopo l’altra, raccontandoci il “momento” in cui viviamo, senza abbellirlo con vaghe e fatue speranze: “non basta restare al riparo/chi vuol sopravvivere deve cambiare” recita il testo.

E’ chiaramente evidente il netto contrasto tra il testo “duro” e il sound orecchiabile, che avrà un sicuro impatto radiofonico.

Dopo il primo ascolto, che mi aveva lasciato “leggermente spiazzata”, da ammiratrice incallita del Liga,  legata ai suoi primi album, ho concesso al pezzo il “tempo di farsi capire”. Quindi il giudizio su di esso rimane sospeso…per ora!

[youtube id=”V8hvfZGo6k0″]

Il video che accompagna il singolo associa anch’esso ogni immagine a una lettera dell’alfabeto, che a sua volta richiama una precisa parola, in modo da creare un ritratto totalmente immerso nella realtà, quella che si sta raccontando, in maniera diretta e senza tanti giri di parole.

G come giungla sarà presentato in anteprima live fra poche settimane all’Autodromo di Monza, nel corso del doppio concerto, 24 (sold out) e 25 settembre, il “LIGA ROCK PARK”. In questo frangente Ligabue presenterà live 3 brani del nuovo disco, il primo singolo, G come giungla e altri 2 pezzi, che si ascolteranno per la prima volta nella splendida cornice del Parco di Monza.

Di seguito il testo del singolo:

ligabue-g-come-giungla


G COME GIUNGLA

G come giungla
La notte comunque si allunga
Le regole sono saltate
Le favole sono dimenticate
G come guerra
E giù tutti quanti per terra
Non basta restare al riparo
Chi vuol sopravvivere deve cambiare

E’sorto il sole su un piccolo mondo
E i vecchi banchieri stanno pranzando
Ti devi spingere ancora più fuori
Che qui sei cacciato o cacciatore
La polveriera su cui sei seduto
Aspetta solo il gesto compiuto
E tutti fumano e buttano cicche
Hai visto il fuoco come si appicca?

G come giungla
La notte comunque si allunga
Le regole sono saltate
Le favole sono dimenticate
G come guerra
E giù tutti quanti per terra
Non basta restare al riparo
Chi vuol sopravvivere deve cambiare

il sole ti è contro ti porta alla luce
Non riesci a distinguere tutti i nemici
È proprio quando ti senti un po’ in pace
Che sa presentarsi la bestia feroce
Anche fra loro si stanno sbranando
Non hanno fame ma mangiano intanto
È l’abitudine che li mantiene
Così spietati così senza fine

G come giungla
La notte comunque si allunga
Le regole sono saltate
Le favole sono dimenticate
G come guerra
E giù tutti quanti per terra
Non basta restare al riparo
Chi vuol sopravvivere deve cambia

Occhi arrossati
Narici imbiancate
Denti sbiancanti
Ghigni tirati
C’è un’altra guerra in sala riunioni
Da cui comunque tu resti fuori
E guardo fuori ma quanto basta
Ma quanto basta nascosto
Potresti essere il prossimo
Oppure il prossimo pasto
E puoi urlare che tanto la giungla soffoca la tua voce
Però ti lasciano contare su tutti quei mi piace

G come giungla
La notte comunque si allunga
Le regole sono saltate
Le favole sono dimenticate
G come guerra
E giù tutti quanti per terra
Non basta restare al riparo
Chi vuol sopravvivere deve cambiare

 

Latest Posts

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.