Home Musica Terremoto: Fiorella Mannoia e la poco professionalità dei mezzi di comunicazine

Terremoto: Fiorella Mannoia e la poco professionalità dei mezzi di comunicazine

2117
0
SHARE
Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

In questi giorni difficili e dolorosi il giornalismo “vago” e “fatto con piedi” (più del solito), sta prendendo il largo, anche in aspetti insignificanti, se rapportati al dramma del sisma che ha colpito il centro Italia in questi giorni, ma in un certo senso sempre ad esso collegato.

Secondo l’autorevole agenzia ANSA e il TG5, la cantante Fiorella Mannoia aveva pubblicato sul suo profilo un annuncio col quale metteva a disposizione “il suo albergo“, l’Hotel Mario, a Cesenatico in Emilia Romagna, per ospitare gli sfollati colpiti dal sisma. Ovviamente erano annessi i corrispettivi numeri di telefono.

2Il post in questione, in realtà, era chiaramente il copia/incolla di un annuncio su facebook di un albergatore, proprietario dell’hotel in questione, che come tanti altri italiani sta dando prova di grande solidarietà, mettendo a disposizione la sua struttura.

Prima di divulgare la notizia, le varie e importanti testate giornalistiche su indicate, non si sono prese nemmeno la briga di controllare la veridicità di quanto dicevano, e non si sono fermati, nella loro poco professionalità, nemmeno quando l’artista ha CHIARITO a chiari lettere la situazione.

Untitled
In breve tempo è stata quindi diffusa la notizia non corretta; la Mannoia, come si può ben evincere sopra, ha dovuto più volte chiarito il “fraintendimento”, soprattutto per non prendersi meriti non suoi.

Ma la “piccola vicenda” non si è ancora spenta, facendo un rumore inutile, in un momento in cui spesso occorrerebbe dare spazio solo al silenzio.

SHARE
Previous articleTerremoto: Perchè non ci sono normative per la messa a norma antisismica nel settore edile italiano?
Next articleTERREMOTO: La solidarietà di cantanti, attori, sportivi – Tutti i numeri per aiutare i terremotati
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it