Home Società e Cultura Olimpiadi 2016, le giurie si inchinano alla Russia?

Olimpiadi 2016, le giurie si inchinano alla Russia?

1215
0
SHARE
Voto Autore

di Marco Fioravanti

La spedizione russa quest’anno non smette di far parlare di sé e non solo per meriti sportivi. Dopo la bagarre pre-olimpica su sospetti di doping, in parte rientrati e in parte prontamente dimenticati, è scoppiato adesso il problema giurie.

Come in molte delle gare dove la prestazione dell’atleta viene giudicata da una giuria, si è notato che oltre alla bravura degli sportivi c’è sempre un pizzico di aiuto da parte dei vari giurati. Non è una novità, i membri delle giurie hanno sempre avuto un occhio di riguardo per gli atleti delle nazioni più forti e blasonate, come spesso accade, per esempio, nel pattinaggio su ghiaccio.

Quest’anno la Russia ha vinto diverse medaglie, di cui ben 12 d’oro. Delle 12 discipline in cui la Russia ha svettato, guarda caso ben 11 prevedevano che vi fosse una giuria a decidere o comunque a poter dare l’ultima parola. Le discipline in questione sono: scherma, lotta, judo, ginnastica artistica, pugilato, nuoto sincronizzato. L’unica senza interventi esterni è il tennis.

Le Olimpiadi sono un territorio pulito, senza ombra? Forse, anzi sicuramente no. Il processo-farsa di Schwazer è solo l’ultimo esempio. Speriamo che le cose cambino e speriamo che gli atleti “puliti” si ribellino veramente, come ha fatto Phelps e altri… nello spirito di De Coubertin!

Commento su Faremusic.it