Home Musica Cellamare Music Festival – Il festival voluto dal popolo del web

Cellamare Music Festival – Il festival voluto dal popolo del web

Anche Diodato e Renzo Rubino al Cellamare Music Festival. Il festival pugliese voluto dal popolo del web va in scena dal 26 al 28 agosto a Cellamare (BA) #sifasulserio #civediamoacellamare

1020
0
SHARE
Voto Autore

di Francesca De Luisi

Da venerdì 26 a domenica 28 agosto andrà in scena, nel Campo Sportivo di Cellamare (BA), il CELLAMARE MUSIC FESTIVAL (Ex Coachellamare), il festival pugliese voluto dal popolo del web, nato per scherzo su Facebook e diventato reale grazie alla più grande campagna di crowdfunding mai realizzata in Italia per un evento del genere.

Dopo  aver chiuso con successo la campagna di raccolta fondi su Musicraiser, raccogliendo ben 27mila euro, il CELLAMARE MUSIC FESTIVAL passa, da essere un evento social, a diventare uno dei più grandi festival mai realizzati in Puglia grazie ad un cartellone composto da ben 100 band e artisti indipendenti pugliesi che si alterneranno a ciclo continuo su due palchi attigui (i cui nomi, che saranno svelati solo il giorno dell’inaugurazione, sono un tributo alla “storia” di Cellamare) per una 3 giorni di musica, arte e cultura a tutto tondo.

x

Il festival è organizzato con il sostegno del Comune di Cellamare, in partnership organizzativa con Doc Servizi e la sponsorizzazione di Peroni, Divella e Ecsa srl, Fly Sweetly Cafè, Ifao.it e R&B – Comunicazione e Produzione, che già durante la campagna di raccolta fondi hanno dato il proprio contributo.

Tra i nomi più noti, oltre al martinese Renzo Rubino (già sul podio del Festival di Sanremo nel 2013 per la categoria “nuove proposte” e nel 2014 nella categoria “Big”) e al tarantino Diodato (classificatosi al secondo posto al Festival di Sanremo 2014 nella categoria “nuove proposte”), artisti che hanno fatto la storia del panorama musicale indipendente pugliese come i Nidi d’Arac (che torneranno insieme sul palco in occasione del festival), U’ Papun, Camillorè e quelli più interessanti della scena odierna come Moustache Prawn, Una, Fabryka, La Municipàl, Molla, Leland Did It. Qui l’elenco completo degli artisti.

Il Cellamare Music Festival però non è solo musica ma anche workshop, attraverso incontri con giornalisti ed esperti del settore, extra-stage con esibizioni pomeridiane nel centro di Cellamare, enogastronomia, con lo spazio dedicato allo street food rigorosamente pugliese, arte e artigianato, con molti dei più interessanti designer e artigiani locali. Inoltre un allestimento che rispecchierà a pieno lo stile e lo spirito che ha contraddistinto fin’ora il festival sul web.

13902052_10208809103578366_181598133_o

Il Cellamare Music Festival – Musica e Attitudine in Puglia (originariamente Coachellamare), che come detto è nato come evento creato per scherzo su Facebook, da Tommi Bonvino e Antonio Conte, punta ora ad essere luogo di valorizzazione dei talenti e del territorio pugliesi. Il nome era l’accostamento tra il più piccolo centro della provincia barese e il nome del festival americano “Coachella”. La sua ipotetica locandina, con il meglio della scena indipendente pugliese, in breve tempo ha riscosso grandissimo interesse, diventando un fenomeno virale sul web. Dopo aver attirato l’attenzione di alcune tra le più grandi radio e testate nazionali, e perfino del Coachella stesso (che ha richiesto ufficialmente un cambio nome, votato poi dagli utenti), l’evento è stato ospitato su Musicraiser per un finanziamento collettivo, il più grande di sempre per un festival italiano di questo tipo. Oggi il team è cresciuto e sono in molti a occuparsi di questa opportunità creata dai nuovi sistemi con cui la Rete sa unire le idee e le passioni della gente, dimostrando che non sempre ciò che “esplode” sul web si rivela un fuoco di Paglia.

 

[youtube id=”LzG6ggRvDDA”]

 

 

Locandina CELLAMARE Music Festival 2016

26 AGOSTO
Andrea Senatore
Bread&Pussy
C.F.F.
Diodato
Elektrojezus
Fabryka Frank
Buffoluto
Glanko
Heidi for president
Il Guaio
Leitomotiv
Liuzzi
Luca Loizzi
Maipersonalmood
Merifiore
Mia Barracane
Miope
Misga
Nabel
Nirowa
Nongiovanni
Noon
Plof
Puntinespansione
Raphaskids
Renzo Rubino
Sgamo
Sincous
Telepathic Dreambox
The pier
Toromeccanica
Tuppi

27 AGOSTO
A copy for Collapse
Acomeandromeda
Aemris
Backjumper
Ceralacca
Chop Chop Band
Cream Pie
Dubla Fonokit
Frisino
Giaggio
Gioia Rock contest
I misteri del sono
Il giunto di Cardano
La Municipal
LA13
Le risonanze Folk
Leland Did it
Luce Maffei
Midihands+
Mordecai + dune
Moustache Prawn
Nick the freak
Nu-Shu Raft
Rita Zingariello
Sofia Brunetta
Stip Ca Groove
The Hovertones
The Moregunfield
The Whip hand
The yellow
Zakalicious

28 AGOSTO
A morte l’amore
A tea with alice
Acquasumarte
Big Charlie
Camillorè
Comma & Shogun
Davide Berardi
Dirty Harry’s
Eels on Hels
Flowers or Razorwire
Il Bric
K-Ant
La Municipale
Balcanica
Lenula
Midi (Cellamare djs)
Minimanimalist
Missfrakane
Nidi d’arac
No Broken Bottom
Orelle Pan
Island Project
Senhal
Splashpunk(Cellamare Djs)
Testadiclaudio
Teta Mona
The Bumps
The People
SPeak
Think About
It Una U’Papun

SHARE
Previous articleManuel Agnelli spiega perchè ha detto SI ad XFactor
Next articleDa una festa popolare, Libera Candida
Francesca De Luisi
Nata a Bari il 18 agosto 1975 sotto il segno del Leone. Amo la musica da bambina, fan sfegatata della regina del Pop: Madonna e una grande passione per i manga e gli anime. Da ragazzina passavo i pomeriggi in un vecchio store di vinili dove scoprivo i grandi artisti. Il profumo del vinile tra le mani e il suono che emette per me non ha eguali. Oggi mi sono buttata a capofitto nella gestione delle pagine artista dei principali social network. Tutto è cominciato tanti anni fa, quando decisi di prendere in mano "la missione" di far conoscere artisti emergenti, che non escono dai talent e meritano visibilità. Infatti, sono principalmente conosciuta nel magico mondo di Facebook, per essere sempre stata la social media manager dell'eclettica band pop/rock FuoRiOraRiO e successivamente di altri artisti tra cui la bravissima cantautrice Gina Rodia e la talentuosa Marzia Dipalma, fino ad arrivare ad esserlo dell'incantevole voce di Camilla Fascina. Credo nella potenza della viralizzazione mediatica e punto molto su questo.

Commento su Faremusic.it