Home Musica THE VOICE – TORNA STASERA SU RAI2

THE VOICE – TORNA STASERA SU RAI2

1287
0
SHARE
Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

Squadra che NON vince (dopo tvoi – finora – nessun cantante si è affermato nel mercato discografico) … si cambia.

E quindi con un quartetto del tutto rinnovato, ad eccezione del ritorno della Raffa nazionale, dopo un anno di abdicazione per dedicarsi al suo Forte Forte Forte (non mi spendo in commenti su questo fronte, ma com’è andata a finire lo ricordiamo tutti), riparte questa sera – mercoledì 24 febbraio alle 21.15 su Rai2 – il talent delle quattro poltrone rosse girevoli, detto anche The Voice of Italy.

the-voice-12-560x420

I 4 coach in cerca di talenti da sguinzagliare nel panorama musicale italiano, spaziano dal pop al rap, e sono: Dolcenera (reduce da Sanremo), Emis Killa, Max Pezzali, e la già citata Raffaella Carrà (detta anche “il mito”).

A condurre la quarta edizione troviamo ancora Federico Russo, mentre l’Angelina (Angelina di Pechino Express) ci mostrerà i retroscena e le curiosità, e interagirà con il pubblico da casa attraverso il sito ufficiale di the voice of italy e i social.

Il programma sarà seguito in diretta anche da Radio2 Rai con The Voice of Radio2.

Oltre al rinnovamento del quartetto dei coach ci saranno novità anche per la gara.

the-voice-poltrone

I cantanti si esibiranno dal vivo con un’orchestra; le Blind Auditionle audizioni durante le quali i coach non possono vedere chi si esibisce, ma girano la sedia secondo il loro gradimento – passeranno da cinque a sei.

Nelle due Battle i coach dovranno scegliere tre componenti della propria squadra invece di due, e solo uno di loro accederà alla fase successiva. Ci sarà ancora l’opzione Steal, grazie alla quale chi è eliminato da un coah può essere ripescato da un altro. Seguirà la fase dei due Knockout, durante la quale i cantanti si sfideranno col cavallo di battaglia, arrivando così alla fine, con i quattro Live, e la proclamazione del vincitore.

Ma in tutto questo marasma di cambiamenti, la domanda che vi pongo è: quest’anno The Voice riuscirà a trovare la “voce giusta”?
Staremo a vedere.

SHARE
Previous articleGEORGE MICHAEL SEMBRA PRONTO A TORNARE SULLE SCENE
Next articleADELE SBANCA: TUTTI I VINCITORI DEI BRIT AWARDS 2016 – A DAVID BOWIE UN COMMOVENTE TRIBUTO
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it