Home Musica Ezio Bosso e quell’arrendersi alla Grazia

Ezio Bosso e quell’arrendersi alla Grazia

1244
0
SHARE
Voto Autore

di Mauro Milani

C’è una cosa mi fa incazzare tantissimo…e voglio condividere con voi il mio pensiero.
Quelli che oggi scrivono: “fino a ieri Ezio Bosso non lo conoscevate…ora strombazzate a destra e sinistra il suo nome!

Si, mi fanno incazzare e vi spiego perchè – premesso che ho scoperto Bosso solo qualche anno fa grazie ad un servizio di un Magazine del Tg2 a notte fonda – trovo che certe sciocchezze, dette e scritte oggi, siano di una stupidità inaudita.

Si, perchè bisognerebbe essere soltanto contenti di quello che è successo ieri sera: 10 minuti di Poesia, Intensità e Umanità che hanno azzerato tutto e tutti. In quel silenzio surreale, mentre lui suonava, ognuno di noi è entrato in una dimensione vicina alla Grazia. Ognuno di noi ha fatto un viaggio, chi all’interno di sé, chi oltre, chi fuori o altrove… ma ha fatto un viaggio a contatto con una bellezza rara.

Ezio-Bosso-12

E allora m’incazzo perchè vedo, ancora una volta, una delle povertà predominanti di un certo Popolo Italico (io li definisco Italioti i suoi membri), che invece di gioire per una magia che ha colpito tutti, ed essere comunque contenti del fatto che sia riconosciuta giustamente a quest’Uomo e Musicista straordinario l’attenzione che merita, si erge a Fustigatore di quelli che prima non lo conoscevano e oggi ne tessono le lodi, tanto per dimostrare una pseudo Superiorità… e non si capisce quale, tra l’altro.

Io sono felice che Bosso oggi sia primo in classifica, per quel che vale, sono felice e onorato di averlo ascoltato e che molti altri abbiano recepito la verità di quei dieci minuti. Sono felice perchè questo significa che c’è ancora speranza per il nostro Paese, per la Musica bella.

La condivisione non è mai un male. Quel sentire comune che unisce non può essere un pericolo.

004515909-594aff2c-94e3-4cdd-a41c-9d9864d125ec

Il vero pericolo è chi invece, secondo me, vuole dividere sempre, e comunque, chiunque tra quelli che sanno e quelli che non sanno, tra i buoni e i cattivi, chi è giusto da chi non lo è.

Sapete che c’è?! voi di quello che è successo ieri, probabilmente, non avete colto granchè, e quello che scrivete dimostra soltanto una cosa: l’incapacità di provare un semplice respiro di Felicità.

Imprimetevi questa frase in mente: “Ricordatevi che la musica è come la vita, si può fare solo insieme” (Cit. E. Bosso)

Commento su Faremusic.it