Home Angolo FANS ANDREA FAUSTINI di Susan Patrizia Serena Ad Andrea Faustini un buon 2016…

Ad Andrea Faustini un buon 2016…

1867
0
SHARE
Voto Autore

di Petrini Patrizia

Spesso e volentieri quando si parla di musica si parte dall’assunto che il bello è quello che piace a tanti, dimenticandoci che spesso invece la qualità è magari meno di massa.

Un artico su un blog musicale in Brasile, il Candria Riviera, ci ricorda proprio questo e Andrea Faustini in questa lista riguardate i migliori album del 2015 (per qualità, non per “fatturato”), lo troviamo con il suo album Kelly al 7 posto, con gente ben più conosciuta, molto dopo di lui.

L’album di Andrea Faustini viaggia da solo, senza promozione da parte della sua stessa etichetta (RCA UK LABEL), arriva comunque in altri paesi, solo grazie al suo innegabile talento e al passa parola, lasciando il segno, un segno di qualità, di autenticità, di aspettative più che soddisfatte e di possibilità per il futuro aperte ed interessanti.

Kelly è il prodotto di un artista con una cultura musicale notevole, di una persona che si sente ha vissuto, respirato, mangiato e bevuto musica da sempre e che più che una passione è un’esigenza prepotente; l’album è un’affermazione di tempo, va di pari passo, essendo giovane e avendo appena iniziato la carriera, con la sua crescita come individuo, con la ricerca di stabilire chi si è come persona, è un punto di partenza, che ci dice “queste sono le cose che mi sono sempre piaciute e che hanno forgiato chi sono io oggi, in tutte le mie sfaccettature”. Kelly è la somma della sua storia passata e del suo presente.

Chi vuole diventare Andrea Faustini come artista nel futuro? Chiunque lo apprezza se lo chiede, perché lui potrebbe diventare davvero ciò che vuole, tutte le strade sono aperte, il divo superstar delle masse? L’artista più di nicchia? Qualunque strada lui scelga di intraprendere, di sicuro avrà a che fare con la qualità, perché se c’è un punto chiarissimo è proprio questo, lui la persegue sopra ogni altra cosa, magari portata alle grandi masse tanto per cambiare, oppure no, ma comunque punta alto.

Noi tutti gli auguriamo che il 2016 sia l’anno che lo vede finalmente camminare a passo veloce sui percorsi internazionali da sempre a lui naturalmente destinati.

Per vedere finalmente Andrea dal vivo in Italia vi ricordiamo che sarà al PalaFabris di Padova il 19 Dicembre con il Summertime Chor di Gospel in evento di beneficenza.


[youtube id=”QjGXm_laty4&feature=youtu.be”]

Commento su Faremusic.it