Home Musica TERZO LIVE SHOW DELLA 9na EDIZIONE DI X FACTOR ITALIA

TERZO LIVE SHOW DELLA 9na EDIZIONE DI X FACTOR ITALIA

1327
0
SHARE
Voto Autore

di Marco Fioravanti e Mela Giannini

Saremo brevi questa sera, visto che erano in studio nostre colleghe di redazione, che ci evinceranno, prossimamente, su quanto accaduto in questo 3rzo Live Show di X Factor Italia.

Quello che da casa si è percepito è che questa edizione è sempre più ingessata. Questa sera, MOLTO più che per i due Live precedenti, a dominare la scena è stata una enorme, insostenibile e dilagante NOIA!

Il programma non decolla assolutamente, anzi, peggiora di Live in Live.

I Gruppi sembrano sopravvalutati, e a parte i soliti bravi, Luca, Enrica (anche se farle cantare una canzone di Macy Gray è stata una mossa eccessiva e sbagliata), Davide e Giosada (anche lui, questa sera, non è stato brillante come le altre sere, strafacendo e rovinando una canzone dei Doors), tutto il resto, già al terzo Live, ha già stancato.

Anche questa sera la scelta delle canzoni è stata discutibile, perchè i brani assegnati sono risultati incapaci di valorizzare i concorrenti, specie, ad esempio, per gli Urban, che hanno suonato e cantato una canzone dei Nirvana, storpiata totalmente dall’egocentrismo di Fedez. Siamo d’accordo con Mika sul fatto che i due ragazzini non sapevano nemmeno quello che dei Nirvana stavano cantando, nonostante il “pistolotto” introduttivo (e saccente) iniziale dello stesso Fedez.

E alla fine, ad Eleonora, la bellissima “Ma il cielo è sempre più blu” di Rino Gaetano non ha portato fortuna, perchè esce MERITATAMENTE. Dopo tre Live, finalmente, i giudici hanno capito, molto dopo della gente a casa, che non basta il “personaggio/fenomeno” sul palco, bisogna anche avere le minime basi per cantare.

Poi lo sfogo in diretta, ad Xtra Factor, di Eleonora racchiude tutto quello che di peggio si può dire di un talent:”Prima mi hanno illuso e poi…” (e per fortuna per Sky, e produzione annessa e s-conessa, che c’era la Maionchi a gestire un momento così delicato, perchè nessun altro sarebbe stato capace…e le figure becere le avrebbero fatte in molti in quel frangente).

E’ questo uno dei grandi limiti dei talent: tante belle parole, tanti complimenti, tante illusioni e poca realtà verso i concorrenti, mentre si usa (e abusa) dei ragazzi, su quei palchi, per tenere fondamentalmente in piedi uno spettacolo televisivo, con inserzionisti pubblicitari che vogliono solo “ascolti” e che dei ragazzi e della musica poco importa.

Stendiamo poi un velo pietosissimo sull’ospite di questa sera. A causa di un attimo di distrazione, si è avuti la sensazione che sul palco, questa sera, ci fosse Gianna Nannini. Quando poi si è realizzato che non era la Nannini, per un altro attimo si è invece pensato di aver sbagliato programma, e che invece di essere su Sky, si era passati per sbaglio sulla RAI a vedere “Tale & Quale Show”.

Ma, alla fine di tutto, per fortuna (ancora una volta) che c’è la Mara!
E lei continua essere l’unico vero respiro d’aria pura e cura contro la narcolessia che questa edizione si porta con se e che infonde impunemente.

SHARE
Previous articleLAURA PAUSINI A MIAMI PRESENTA “SIMILI”
Next articleMentre vedevo X Factor
Marco Fioravanti
Marco Fioravanti, capricorno ascendente scorpione, nasce a Milano verso la fine degli anni '60, da un incrocio proveniente da Bergamo e Venezia... e i risultati si vedono! Cresciuto con la musica e nella musica, il primo Lp comprato a 10 anni e la collezione è poi aumentata a dismisura. Ha sperimentato la musica e il teatro in prima persona, partecipando a musical e a spettacoli di vario genere (Notre dame de Paris, Jesus Christ Superstar), conduttore e autore di programmi radiofonici e televisivi (Beato tra le donne su Radio in Blu e Me and the city su TRS Tv Channel). Ora sta riprovando la passione per la scrittura e la voglia di far scoprire la buona musica. Collabora con MilanoReporter.

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here