Home Scritto da voi La differenza tra la BBC Radio e le Radio Nazionali italiane: un...

La differenza tra la BBC Radio e le Radio Nazionali italiane: un abisso!

1175
0
SHARE
Voto Autore

di Sandor Von Mallasz

E insomma, potete dirmi quello che volete, che non avete spazi, che c’è troppa musica in giro, che non ce la fate a star dietro a tutto e io in fondo vi capisco, non è che non mi renda conto di quanto sia difficile il vostro lavoro, soprattutto se uno vuole farlo bene.

Però poi magari metto su BBC Radio 1 e mi accorgo che loro, invece, suonano una quantità di musica veramente impressionante…ma non è solo quello. Avete presente quanti artisti emergenti passino? E in quanti generi sguazzino?

Da Disclosure ai Vamps, da Sia a Clean Cut Kid. In questa radio c’è spazio per Sam Smith e Catfish & The Bottlemen, per Fetty Wap e Foxes. Su queste frequenze si creano i trends, perchè questa è una radio che si rapporta ai propri ascoltatori assecondando la loro natura.

Non decidendo per loro. E infatti hanno creato questo, Playlister.
Metti questi strumenti in mano ad Annie Mac, a Pete Tong, a Nick Grimshaw, a Clara Amfo ed ecco che la radio si accende, come per magia.

E mentre noi siamo fermi ai diktat dei dati Eurisko, BBC 1 guarda ai suoi oltre 10 milioni di ascoltatori e dà loro quello che vogliono, in tutte le maniere possibili.

Ecco, QUESTA è una radio.


Link per la Playlister sulla BBC

1

http://www.bbc.co.uk/programmes/articles/3191BlrwMbgXL1FJ8qCbYvm/what-is-playlister

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here