Home Musica Oasis: 20 anni di “(What’s the Story) Morning Glory?”

Oasis: 20 anni di “(What’s the Story) Morning Glory?”

Pubblicato nell'ottobre 1995, compie 20 anni "(What's the Story) Morning Glory?", il secondo e storico album degli Oasis, disco che più di tutti rappresenta il movimento britpop degli ultimi due decenni.

2477
0
SHARE
Voto Autore

di Giuseppe Santoro

Sembra ieri, ma sono passati già vent’anni dall’uscita di “(What’s the Story) Morning Glory?“, album storico che ha portato gli Oasis nell’olimpo della musica internazionale, vendendo 25 milioni di dischi in tutto il mondo.

Un Cd magnifico che ha rappresentato la consacrazione assoluta del britpop anni ’90 attraverso singoli immortali come Wonderwall e Don’t look back in anger, canzoni che almeno una volta nella vita anche l’ascoltatore più distratto ha avuto modo di ascoltare.

Da molti considerato uno degli album più belli degli ultimi 25 anni, questo secondo lavoro degli Oasis presenta tantissime canzoni che richiamano il sound dei Beatles in chiave più moderna.

oasisdefinitelymaybe2014splash

Oltre alle canzoni già citate, quella che più si rifà allo stile degli “scarafaggi” di Liverpool, è sicuramente “Roll with it”, un pezzo a mio parere enorme, che non avrebbe certo sfigurato in qualche album di Lennon e compagni. Alcuni considerano queste somiglianze musicali fin troppo evidenti e fastidiose, ma la mia impressione è che i fratelli Gallagher siano riusciti, soprattutto in questo album, a prendere l’anima “beatlesiana” (e anche parecchi accordi), e a trasformarla in qualcosa d’altro. Una chiave musicale non comune che ancora oggi nessuno è più riuscito ad imitare con lo stesso successo.

Sarà per questo che sia i vecchi che i nuovi fans della band di Manchester desidererebbero ardentemente una reunion, ma Noel, il più “old” dei Gallagher, risponde sempre di no. Gli Oasis si sciolsero nel 2009, a pochi mesi dalla pubblicazione del loro ultimo Lp e a tre date dalla conclusione del tour, a causa delle solite incomprensioni che sfociarono in una violenta lite tra Liam e Noel, con tanto di chitarre sfasciate nel dietro le quinte. Da quel momento ognuno ha preso la sua strada che comunque ha portato a quattro album di inediti, due per Liam, che ha fondato con gli ex Oasis i “Beady Eye” e due per Noel con i suoi “Noel Gallagher’s High Flying Birds”.

Anche se un ritorno insieme non sembra dunque troppo vicino, possiamo sempre far rivivere gli Oasis, riascoltando i pezzi di “(What’s the story) Morning Glory?”. She’s electric, Some might say o la bellissima Champagne supernova infatti, risuoneranno ancora per molto nelle cuffie di tanti appassionati, anche se sarebbe certamente più bello poterle riascoltare dal vivo. Prima o poi.

[youtube id=”bx1Bh8ZvH84″]

SHARE
Previous articleIl teatro sotterraneo di Boston è un gioiello segreto abbandonato dal 1942
Next articleUmberto Tozzi esce con un nuovo singolo e un nuovo album
Giuseppe Santoro
Ricco, bello, dolce e simpatico nella vita precedente. In questa invece, nasco a Lecce il 18 luglio del 1989 da una famiglia di professori. Mia madre insegna Lettere in una Scuola Media di provincia e mio padre, adesso pensionato, era insegnante di Educazione Fisica. Dopo il diploma commerciale ho lavorato come impiegato in un Centro di Medicina Nucleare per un anno e mezzo, ma purtroppo in seguito ai tagli alla sanità pugliese, all’inizio del 2011 mi sono ritrovato disoccupato. Nel 2013 ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e adesso frequento la facoltà Magistrale di Lettere Moderne. Importante è stata per la mia formazione professionale, l’esperienza come responsabile comunicazione e social per il sito Cometiveste.it, di cui sono il fondatore con altri due ragazzi. Canto in una band da due anni e adesso ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di alcuni progetti inediti. Ho sempre scritto testi musicali, poesie, ma anche saggi brevi sugli argomenti più disparati e nei miei articoli mi piace osservare la società con occhio critico. Oltre a un’ ipotetica carriera nell’ambito dell’insegnamento, molto difficile visti i tempi che corrono, mi piacerebbe continuare a dedicarmi alla critica musicale e sociale. Non amo molto dire cose ovvie e in generale, non mi piace stare dalla parte del più forte. Da un po’ di tempo collaboro con questo blog che credo stia diventando un punto di riferimento importante per chi ama la musica e i suoi retroscena. Spero di essere all’altezza del compito e poter interessare i lettori a quelle che sono le mie idee e i miei pensieri.

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here