Home Musica Recensioni Album Cesare Cremonini: “Possibili scenari (Piano e voce)”, un disco vero e coraggioso...

Cesare Cremonini: “Possibili scenari (Piano e voce)”, un disco vero e coraggioso – RECENSIONE

Cesare Cremonini è uscito con “Possibili scenari” in  versione acustica. Scelta particolare che mette in primo piano la composizione musicale e l’interprete

652
0
SHARE
cremonini
Voto Autore

Ultima uscita per Cesare Cremonini, “Possibili scenari” in  versione acustica, per voce e pianoforte.

Scelta particolare, coraggiosa, azzardata, che mette in primo piano la composizione musicale e l’interprete, denudati di qualsiasi orpello e ornamento, in un periodo buio in cui la confezione ruffiana e ammiccante è in assoluta predominanza sul contenuto, se c’è.

Si tratta di pop italiano, canzoni, attualmente quanto di più difficile da reperire su piazza: non si sente dire altro che non ci sono più gli autori di una volta, e quindi i brani, che ormai sono preistoria i tempi in cui alla fine di Sanremo o a inizio estate tutti canticchiavano i nuovi successi. Cesare invece i pezzi ce li ha, ha la vena melodica, la sa sviluppare, armonizzare e completare con parole adatte, sa scrivere.

cremonini

La triste verità è che l’ansia di cercare il prodottino calibrato perfettamente sul non gusto della maggioranza acquirente ha determinato una sovrapproduzione di brani inconsistenti, frutto della sinergia tra il bilancino ed il contagocce nel tentativo maldestro di costruire a tavolino una cosa che sui soliti quattro accordi faccia galleggiare un frammento melodico indegnamente banale e ruffiano, ripetuto ossessivamente e confezionato con arrangiamenti musicalmente appesi nel nulla.

Il nostro Cesare invece spoglia completamente le sue composizioni, non ha paura delle introduzioni e delle atmosfere intimiste come su “La Isla”, dove il testo è valorizzato pienamente e la voce interagisce perfettamente con un pianoforte ben suonato; “Possibili scenari” indica che una frase semplicemente pop può avere un interessante e degno sviluppo sia melodico che armonico, “Poetica” è un bel terzinato in minore di sapore un po’ antico, con un ritornello in maggiore che apre alla positività, “Kashmir-Kashmir” è deliziosa, andamento divertente ma contenuti importanti: il cd si snoda su efficaci “changes of mood” che indicano gusto, padronanza e buoni ascolti.

cremonini

Di stampo più spiccatamente cantautorale sono “Un uomo nuovo” e “Nessuno vuole essere Robin”, “Silent Hill” è molto evocativa e “Al tuo matrimonio” ha un testo veramente suggestivo; tutti i brani hanno una propria valenza ma quelli che dal punto di vista più specificamente compositivo appaiono più in evidenza sono “Il cielo è sereno” e “La macchina del tempo”: il primo osa al suo interno degli interessanti e inaspettati sviluppi, il secondo oltre che una bella canzone è forse il pezzo che valorizza maggiormente il dialogo con l’accompagnamento del pianoforte e la nobiltà di questo strumento.

La regola aurea della musica pop recita che se una canzone “regge” lo fa benissimo anche in versione acustica, voce e uno strumento accompagnatore; che i brani ci fossero si era capito già dal precedente cd ma qui Cesare si esprime con ancora più gusto e misura, oltre che con una sua personalità che per quanto “leggera” non è mai ruffiana; i testi, ben scritti, sono molto più evidenziati e valorizzati, e in presenza di buon materiale il coraggio viene premiato.

Bello, bel disco.

cremonini

TRACKLIST Possibili scenari (Piano e voce) – Cesare Cremonini

  1. Possibili Scenari
  2. Kashmir-Kashmir
  3. Poetica
  4. Un Uomo Nuovo
  5. Nessuno Vuole Essere Robin
  6. Silent Hill
  7. Il Cielo Era Sereno
  8. La Isla
  9. Al Tuo Matrimonio
    10. La Macchina Del Tempo
SHARE
Previous articleNuovo EP e singolo per la cantautrice irpina Gina Rodia – VIDEO
Next articleDirettiva Copyright: Europe for Creators lancia nuovi strumenti per contrastare il lobbying di Google
Alessandro Filindeu
Vivo a Roma, non sono un giornalista, sono musicista professionista da quando avevo ventidue anni, ambito pop ma formazione jazz, ho suonato in una cinquantina di programmi Rai, ho ottenuto la idoneità per insegnare in Conservatorio nel 2005, lavoro con un importante produttore come assistente musicale e di produzione e come chitarrista, ho collaborato con vari musicisti, scritto e arrangiato un po' di cose, avuto a che fare con il Festival di Sanremo in varie "vesti" a partire dal 1993. Insegno chitarra moderna in varie scuole di area romana, armonia moderna e tecnica dell'ascolto presso la "Accademia Spettacolo Italia" di Roma. Ho collaborato come "ghost writer" a due tesi di laurea in storia della musica pop italiana, ho partecipato alla organizzazione di varie Master Classes di grandi musicisti italiani e stranieri, in tempi recenti ho co-prodotto due cantanti esordienti, con ambedue fallendo clamorosamente ma acquisendo di conseguenza una grande conoscenza del mondo del pop italiano degli ultimi anni. Ho una maturità classica, ho frequentato due facoltà universitarie e un Conservatorio per un totale di 21 esami sostenuti ma non ho finito nessuna delle tre cose, inevitabilmente la mia prima attività è quella dell'insegnante.

Commento su Faremusic.it