Home Musica Recensioni Album Thom Yorke: la forza ipnotica dell’oscurità di “Suspiria” – RECENSIONE

Thom Yorke: la forza ipnotica dell’oscurità di “Suspiria” – RECENSIONE

“Suspiria” è il nuovo album di Thom Yorke, colonna sonora del remake del film di Dario Argento realizzato da Luca Guadagnino

211
0
SHARE
Crediti del FotoMontaggio Immagini ©FareMusic - FMD Copyright
Voto Autore

Ammetto che sono stato inizialmente influenzato dal giudizio di un esperto, musicista e melomane, che mi ha parlato in termini entusiastici di “Suspiria”, di Thom Yorke, definendolo l’album dell’anno: della serie… se lo dice lui vado sul sicuro.

Beh, non so quali siano i criteri oggettivi che possano portare a decretare la perla del 2018, ma di sicuro il nuovo lavoro della voce solista dei Radiohead non può lasciare indifferenti.

Il progetto nasce come colonna sonora del remake del film di Dario Argento (1977), realizzato da Luca Guadagnino – uscito da poco nelle sale cinematografiche – che ha specificato: “Più che un rifacimento rappresenta un omaggio alla potente emozione che provai quando guardai per la prima volta il film originale”.

E’ quindi da poco in circolo il doppio LP – 25 brani in totale, 80 minuti –  distribuito dalla XL Recordings.

I musicisti che, saltuariamente, si mettono in proprio, sono spesso ossessionati dal ricordo della loro performance migliore ottenuta in gruppo. Le due uscite precedenti di Thom Yorke, elettroniche, realizzate nel 2006 e 2014 (The Eraser e Tomorrow’s Modern Boxes), erano però piccoli esercizi in laptop, con melodie tipicamente funeste e testi ironici conditi da aforismi.

Nel 2013 Yorke ha anche pubblicato l’unico album del progetto Atoms For Peace (Amok) – supergruppo in collaborazione con Flea, dei Red Hot Chili Peppers – che appariva come una jam session catturata di nascosto e rovesciata su nastro, interessante soprattutto per il modo in cui emergeva una certa specularità rispetto al lavoro con i Radiohead.

In tutti questi casi la sensazione è che ci fosse una sorta di richiamo, di naturale necessità dei membri della sua band originaria, della capacità di “tessitura” dei fratelli Greenwood, del drumming ipercinetico di Phil Selway, passando per il supporto totale di Ed O’Brien.

Ma in “Suspiria” questo bisogno non si avverte, anzi, le trame appaiono come efficaci e abrasive, densamente strutturate e sinfoniche, sicuramente il miglior album solista di Yorke, se si è preparati ad ascoltare un lungo periodo di musica “oscura”, soprattutto strumentale, di una forza prorompente, che può tranquillamente brillare di luce propria, scostandosi dallo status di mera colonna sonora.

Yorke, fuori dal suo tradizionale e confortante contenitore, sembra al cospetto di una sfida, un “mettersi alla prova”, e ne esce alla grande.

Thom Yorke
Crediti Foto ASAC

In una citazione destinata a essere proposta in ogni recensione di questo disco, Yorke ha evidenziato la forza della ripetitività musicale, capace di ipnotizzare l’ascoltatore:

Continuavo a dire a me stesso che è un modo per fare incantesimi. Quindi, mentre ero al lavoro nel mio studio stavo facendo incantesimi”.

Per venticinque anni lo stato d’animo più frequente abbinato al film “Suspiria” ha ruotato attorno ad un’ansia diffusa. L’ascolto dell’album, già al primo approccio, rimanda invece alla supremazia della bellezza estetica, dell’equilibrio tra aspetti razionali e disordine entropico, anch’esso apprezzabile, se gestito. Gli aspetti ritmici in mutazione hanno importanza notevole, così come qualsiasi lavoro di Yorke a partire da In Rainbows (2007), anche se esiste sovrabbondanza di figure ripetitive prodotte dall’utilizzo della tecnologia applicata alla musica.

Una musica che capta e propone suoni di vita vissuta – il secondo brano, “The Hooks”, presenta chiazze bagnate e grugniti, ma anche un calore oscuro, così come nella “ballata acquatica” “Unmade“- e ogni tanto incappa in strutture che riportano alla forma canzone – “Open Again” e “Has Ended” (la mia preferita) – e viene facile inserire il disco nel genere “ambient”, un mare di suoni fluttuanti che avvolgono l’ascolto e condizionano il momento contingente.

Per la complessità, la cura dei dettagli e l’impatto sonoro – ed emozionale -, voto massimo per Thom Yorke e il suo “Suspiria”, una colonna sonora destinata a rimanere nel tempo e a caratterizzare il lavoro di Guadagnino.

Il disco è stato anticipato dal singolo Suspirium, premiato come miglior brano originale alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia.

yorke

TRACKLIST “Suspiria” di Thom Yorke

CD1

A Storm That Took Everything
The Hooks
Suspirium
Belongings Thrown in a River
Has Ended
Klemperer Walks
Open Again
Sabbath Incantation
The Inevitable Pull
Olga’s Destruction (Volk tape)
The Conjuring of Anke
A Light Green
Unmade
The Jumps

CD2

Volk
The Universe is Indifferent
The Balance of Things
A Soft Hand Across your Face
Suspirium Finale
A Choir of One
Synthesizer Speaks
The Room of Compartments
An Audition
Voiceless Terror
The Epilogue

Thom Yorke

Commento su Faremusic.it