Home Musica L’esercito del selfie, con Lorenzo Fragola e Arisa, conquista l’estate 2017 –...

L’esercito del selfie, con Lorenzo Fragola e Arisa, conquista l’estate 2017 – Altro colpo grosso per Takagi & Ketra

L'esercito del selfie, è un brano di Takagi & Ketra, cantato da Lorenzo Fragola e Arisa. La canzone è diventata un successo di questa estate 2017

1538
0
SHARE
l'esercito dei selfie
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4.5]

di Veronica Ventavoli

Siamo l’esercito del selfie,
di chi si abbronza con l’iPhone,
ma non abbiamo più contatti,
soltanto like a un altro post.

 L’esercito del selfie, in rotazione radiofonica da alcune settimane, è già candidato a “tormentone” di questa estate in itinere. Il brano è una divertita riflessione sull’attuale società dei selfie e della superficialità delle relazioni umane, così lontana da quella degli anni sessanta in cui una giovanissima Catherine Spaak cantava L’esercito del surf, al cui mondo evidentemente il brano, e il video, si richiama fin dal titolo.

l'esercito dei selfie

Cantato da Arisa e Lorenzo Fragola, le cui voci si fondono piuttosto felicemente, il pezzo è frutto del genio di Takagi & Ketra, premiata ditta di producer cui si devono alcune delle canzoni pop di maggior successo degli ultimi anni e collaborazioni con Jovanotti, Laura Pausini, J-Ax, Fedez, Mika, Giusy Ferreri e Baby K.

In una recente intervista, i due hanno spiegato che il loro obiettivo è quello di produrre brani riconoscibili e capaci di “svecchiare il panorama musicale italiano”.

l'esercito dei selfie

Impossibile dire se L’esercito del selfie riuscirà a ridare linfa a una discografia italiana sempre più in difficoltà, ma il brano mostra in effetti in effetti una certa chiarezza di idee e la volontà di creare qualcosa di originale.

Il testo fotografa con ironica immediatezza la situazione attuale, la cui aridità assume contorni più netti proprio attraverso il paragone con gli anni d’oro dei tormentoni estivi, di cui il brano riprende il sound rielaborandolo in chiave “new vintage”.

 

l'esercito dei selfie
Takagi & Ketra – L’esercito del selfie ft. Lorenzo Fragola, Arisa

Il video viaggia chiaramente nella stessa direzione. La divertente clip, in bianco e nero, come ai tempi di Studio Uno, è diretta da Gaetano Morbioli, e accanto ad Arisa vede Francesco Mandelli “doppiato” da Lorenzo Fragola:

Perché? Proprio perché ci piace fare cose che la gente non si aspetta”, hanno spiegato Takagi & Ketra, che “nelle ultime estati volevano dire reggaeton e ritmi caraibici. Con L’Esercito del Selfie volevamo proporre un pezzo lontanissimo da tutto quello che avevamo fatto finora. E anche nel video abbiamo fatto qualcosa di inaspettato: tutti si aspettavano Arisa e Fragola, e invece abbiamo un fantastico Mandelli“.

l'esercito dei selfie

Nella clip anche Pippo Baudo e un breve cameo del duo di produttori e autori del brano.

Stando alle visualizzazioni del video ufficiale (ad oggi 1.247.185) e al risconto radiofonico del pezzo (tra i primi nella classifica Earone), Takagi & Ketra sembrano averne indovinata un’altra.

Gli hater e i critici del progetto, che sbirciando sui social non sono pochi, possono comunque tirare un mezzo sospiro di sollievo: nessun nuovo album all’orizzonte per il duo, che ha precisato sornione: “No, mamma non vuole”.

 

SHARE
Previous articleCoppa Italia Performer Arti Scenico Sportive: Conferenza Stampa per la Finale – FareMusic tra la giuria
Next articleA&R, ovvero il Direttore Artistico
Veronica Ventavoli
Pistoiese di nascita, prima di laurearmi in Storia medievale all’Università di Siena e poi in Storia contemporanea a La Sapienza di Roma, ho lavorato per oltre dieci anni come cantante solista e in vari gruppi di cover toscani. In tale veste, vincendo quella che al tempo si chiamava Accademia della Canzone di Sanremo, ho avuto l’opportunità di partecipare all’omonimo Festival del 2005 classificandomi al terzo posto nella categoria Giovani. I primi ricordi nitidi che ho mi vedono impegnata a inventare e disegnare cartoni che non si sono mai animati, a imitare nei cortili parenti e personaggi famosi, a consumare i tanti 45 e 33 giri ricevuti in regalo da zii, cugini, vicini di casa: fra le sigle di Fantastico e il prog italiano degli anni Settanta, tra Pupo e i Beatles, anche se priva di fratelli e sorelle non mi sono mai sentita sola! Gli amici mi chiamano “scimmietta” perché sono tuttora curiosissima di conoscere canzoni, libri e film. Sono – da sempre, mi pare – devotamente innamorata di gatti, pastasciutte, David Bowie, Anna Marchesini e “Cipì” di Mario Lodi.

Commento su Faremusic.it