Home News Flash U2: Comunicato Ufficiale di TicketOne sullo spettro Secondary Ticketing del “U2: The...

U2: Comunicato Ufficiale di TicketOne sullo spettro Secondary Ticketing del “U2: The Joshua Tree Tour 2017“

758
0
SHARE
Voto Autore

di Mela Giannini

Dopo le feroci e ovvie polemiche che si sono susseguite a seguito dell’immediato esaurimento dei biglietti in prevendita su TicketOne della tappa del 15 Luglio del “U2: The Joshua Tree Tour 2017“, allo Stadio Olimpico di Roma, ovviamente degli U2, la stessa Agenzia – la TicketOne appunto – ha provveduto ad emanare, con una celerità che ha dell’incredibile, un comunicato stampa ufficiale quasi a “mettere le mani avanti” su quanto si è consumato nelle ore precedenti.

Ma ancora più strano, se vogliamo,  sembra il fatto che la stessa agenzia, in pochissimo tempo, abbia avuto il tempo di schedare le vendite per poterle citare nel comunicato.

Riassuntivamente: è successo – come purtroppo sempre accade in occasione di GRANDI CONCERTI – che centinaia, migliaia di fan, e non (e ne abbiamo le prove, direttamente provenienti da alcuni di loro), attaccati alle tastiere allo scoccare dell’ora X per acquistare il loro biglietto, sembra si sian visti, più e più volte, respingere il codice di verifica dal terminale di TicketOne, pur avendolo digitato correttamente, condizione questa che ha, di fatto, riportato indietro, di nuovo in lista di attesa, le migliaia di mal capitati che cercavano di fruire di un ticket.

Ovviamente tutto questo tempo perso (che si calcola sia stato pari ad un arco temporale di 10 – 15 minuti) è stato invece tempo prezioso per le agenzie del Mercato Secondario, che in questo modo sembra siano riuscite ad accaparrasi, in men che non si dica, di tutti i biglietti disponibili, con lo scopo poi di rimetterli in vendita nei loro circuiti, ovviamente a prezzi raddoppiati, triplicati o quadruplicati.

COMUNICATO STAMPA UFFICIALE TICKETONE

U2 STADIO OLIMPICO 15/07/2017 – SOLD OUT IN POCHI MINUTI
Venduti a 18.000 fan oltre 52.000 biglietti

TicketOne comunica che alle 12.30 sono stati venduti tutti i biglietti a disposizione per l’attesissimo concerto degli U2 del 15 luglio.
Dopo aver monitorato le vendite durante la fase di prevendita riservata agli iscritti al fan club U2.com, l’azione di TicketOne a contrasto del problema del secondary market è proseguita anche questa mattina durante la fase di vendita al pubblico generale:
1 – I biglietti venduti durante le due fasi di vendita sono stati assegnati a circa 18.000 differenti acquirenti e per la maggior parte spediti ad altrettanti indirizzi di spedizione
2 – Il 92% degli ordini prevede infatti la consegna via corriere con ricevuta di ritiro con una ripartizione bilanciata in tutte le 107 provincie italiane. Il 15% degli acquisti è stato effettuato da clienti stranieri suddivisi in 75 paesi
3 – Ogni cliente ha acquistato una media di 2,9 biglietti.
4 – La scelta di vendere i biglietti via internet continua a dimostrarsi il modo più idoneo per monitorare e tracciare con precisione gli acquisti: nel caso di vendita presso i punti vendita si perderebbe la traccia precisa dell’acquirente e a poco varrebbe richiedere nell’eventualità un nome che potrebbe essere fittizio o comunque non riscontrabile.
5 – Anche durante la vendita odierna non è stata rilevata la presenza di software automatici di acquisto (cosidetti bots): la velocità nel sold out va attribuita alla presenza di una fortissima richiesta da parte dei fan ed alla capacità dei sistemi TicketOne di servire numerosissimi Clienti in contemporanea.
5 – Anche in data odierna sono stati individuati alcuni ordini che seppur effettuati da soggetti diversi, potrebbero essere riconducibili a clienti che avevano già acquistato in precedenza, pertanto TicketOne ha provveduto a cancellare circa 200 ordini ‘sospetti’ e 600 biglietti che sarebbero potuti finire su siti di secondary market sono stati prontamente ricollocati in vendita.
TicketOne conferma che sono in corso acquisti di biglietti a campione sui siti di secodary market con l’intento di individuare i soggetti che hanno convogliato i biglietti su tali canali. Poiché le condizioni generali di vendita di TicketOne vietano a chiunque sia in possesso di un biglietto per l’ingresso di offrirlo in vendita attraverso piattaforme/siti on line, TicketOne potrà procedere alla successiva cancellazione della transazione di acquisto effettuate rendendo di fatto inutile il tentativo speculativo messo in atto da tali soggetti.
 
TicketOne invita i fan e tutti gli appassionati della musica live a non acquistare i biglietti da siti di secondary market, tra l’altro i biglietti potrebbero essere anche falsi o non validi per l’ingresso.
 
Al termine delle attività di pulizia e chiusura, i dati finali di dettaglio verranno assoggettati alle verifiche già annunciate da parte di primaria società di auditing.

E’ annunciata nel frattempo una seconda data per il giorno 16 luglio 2017 sempre allo Stadio Olimpico di Roma.
I biglietti per il secondo concerto saranno in vendita dalle 10:00 di lunedì 23 gennaio. Gli iscritti al fan club ufficiale potranno come sempre accedere ad una prevendita anticipata, dalle 9:00 di mercoledì 18 gennaio alle 17:00 di venerdì 20 gennaio.

Quelli sopra sono i dati dalla TicketOne, che ovviamente non sono confutabili visto che non si ha accesso ai loro database per verificarne l’esattezza.

Ma a prescindere da tutto, visto il tutto da un’ottica scevra di numeri, comunicati, parole e altro, in realtà i fatti sembrerebbero essere drammaticamente ben diversi, così come già scritto nell’articolo precedente. Ossia:
Il fenomeno del Bagarinaggio On-Line, specie relativo ai GRANDI CONCERTI (e quello degli U2 è uno di quelli), sembra non accennare in nessun modo ad attenuarsi, nonostante gli scandali, nonostante tutta la campagna mediatica di questi ultimi mesi, nonostante l’impegno preso dal governo con dei decreti (CHE ANCORA NON SONO ATTUATIVI), nonostante le indagini in corso da parte della magistratura e della Guardia di Finanza, nonostante la sentenza del Tribunale Civile di Roma, nonostante l’interessamento della Codacons e altre associazioni come Altroconsumo, nonostante l’interessamento della stessa SIAE nonostante tutto, questa piaga che SPECULA sulle passioni della gente è ancora VERGOGNOSAMENTE  VIVA&VEGETA, e lo sarà fino a quando non si deciderà seriamente di far chiudere, PER SEMPRE E INDISTINTAMENTE, tutti i siti di Vendita Secondaria, e si passerà DAVVERO al metodo della vendita del biglietto nominale.

 

Commento su Faremusic.it