Home Musica No #Secondaryticketing – Il 26 gennaio la conferenza al Teatro Franco Parenti

No #Secondaryticketing – Il 26 gennaio la conferenza al Teatro Franco Parenti

875
0
SHARE
#nosecondaryticketing
Voto Autore

di Angela Paonessa

Sul fronte del #SecondaryTicketing questo 2017 si apre con una conferenza sul tema organizzata da Claudio Trotta, general manager di Barley Arts (uno dei maggiori organizzatori di eventi e spettacoli in Italia), che si terrà il prossimo 26 gennaio al Teatro Franco Parenti di Milano e che avrà come titolo “La Negazione del Secondary Ticketing dall’Artista al Consumatore con la Partecipazione del Pubblico dei Concerti”. A dare notizia dell’evento è la stessa Barley Arts attraverso la propria Pagina Facebook che tra l’altro rende nota anche la lunga lista dei partecipanti:

Elio (Elio e le Storie Tese), Lorenza Bonaccorsi (Responsabile Nazionale Cultura e Turismo PD), Filippo Del Corno (assessore alla Cultura di Milano), Claudio Maioli (manager di Luciano Ligabue, Riserva Rossa Management), Pierfrancesco Majorino (Assessore Politiche Sociali, Salute e Diritti), Luca Montebugnoli (Best Union), SIAE, Giampiero Di Carlo (Rockol), Stefano Losurdo (Seg. Regionale AGIS), Adam Webb (Fan Fair Alliance), Alex Bruford (Agente ATC Live), Neil Bracegirdle (News Editor Audience), Paola Maugeri (Speaker Virgin Radio), Stefano Lionetti (Ticketone), Luca De Gennaro (Mtv e VH1), Vincenzo Spera (Presidente Assomusica), Piero Pelù, Ivo Tarantino (Altroconsumo), Federico Zampaglione (Tiromancino) ed il giornalista e scrittore Massimo Cotto, autore di diverse opere sul mondo della musica.

L’incontro si svolgerà in due step, ovvero quello mattutino con inizio intorno alle 11.00 che prevede gli interventi programmati sul tema “Negazione del secondary ticketing” e quello pomeridiano dalle 14.30 con un confronto sulla tematica “Le Linee Guida Etiche della Filiera della Musica dal Vivo” che dovrebbe concludersi per le 17.00.

Una giornata intera, dunque, per discutere su un problema venuto alla ribalta grazie ad un servizio de Le Iene, in seguito alle segnalazioni arrivate in redazione concernenti l’inaudito innalzamento dei prezzi dell’ormai famoso concerto dei Coldplay con prezzi dei biglietti che sfioravano i 1000€.

E Cosi’ come spiega anche Claudio Trotta “Tra gli obiettivi del convegno, vi è la costituzione di una struttura stabile e permanente No Secondary Ticketing, sullo stile della FPM – Federazione contro la Pirateria Musicale e Multimediale – che si occupi di monitorare il mercato identificando i casi di secondary ticketing e segnalarli alla Magistratura, di informare il consumatore sui rischi del secondary e di dare visibilità alle operazioni anti- secondary” aggiungendo “Inoltre, insieme a un ristretto numero di persone e professionisti, è stata elaborata una bozza di codice etico statutario che crediamo possa essere un buon punto di partenza per una ristrutturazione delle fondamenta professionali e corrette della Intera Filiera della Musica dal vivo e in questa occasione è nostra intenzione presentarlo e commentarlo e magari simbolicamente sottoscriverlo”.

Sulla pagina Facebook di Barley Arts a breve verranno pubblicati tutti i dettagli sulle modalità di partecipazione.

E sempre il 26 gennaio, ma questa volta nella capitale, a Montecitorio, la VII Commissione Cultura della Camera dei deputati, presieduta da Flavia Piccoli Nardelli, incontrerà le imprese dell’industria dei concerti che verranno ascoltate e che dovranno redigere un memorandum per i parlamentari chiamati ad approfondire il fenomeno del bagarinaggio online. Incontro che fa seguito all’indagine conoscitiva sul fenomeno che la VII Commissione ha avviato a dicembre 2016 in merito agli eventi già menzionati e che potrebbe essere trasmesso in diretta streaming sulla web tv della Camera. Dunque non solo il mondo della musica ma anche quello politico sembrano intenzionati a dare un ulteriore giro di vite alla lotta al fenomeno del #Secondaryticketing, in una giornata quella del 26 gennaio 2017 che speriamo possa essere decisiva per le sorti della live music in Italia.

Commento su Faremusic.it