Home Musica Recensioni Album IL NATALE DI LAURA PAUSINI CON “LAURA XMAS” – RECENSIONE

IL NATALE DI LAURA PAUSINI CON “LAURA XMAS” – RECENSIONE

2133
0
SHARE
Voto Autore

di Claudio Ramponi

Stamattina, dopo il fermento – in parte entusiasta e in parte di delusione –  in rete per l’uscita del disco Natalizio di Laura Pausini, “Laura Xmas“, mi son preso la briga di andarmelo ad ascoltare.

Cominciamo con il dire che il disco è stato pubblicato per Atlantic-Warner Music in versione italiana e spagnola e distribuito in oltre 60 paesi. L’album verrà presentato, per la prima volta, alla stampa mondiale il 24 novembre a Parigi, in una speciale serata organizzata in collaborazione con Disneyland Paris.

Nella copertina dell’album si vede una Pausini immersa in un paesaggio fiabesco, avvolta da un lungo mantello rosso, sospesa su un’altalena in un incantato bosco innevato. La cover è stata realizzata a Los Angeles da Josh Rossi, artista specializzato in narrazione di fiabe.

cq5dam-web-738-462

 
Prima di cimentarmi con la recensione di quest’album, premetto che mi sono imposto d’essere il più obiettivo possibile, visto che, lo ammetto, quest’artista occupa un posto non certo rilevante nelle mie personali preferenze musicali.

Partito l’ascolto, già dopo i primi brani mi è venuto in mente il singolo di maggior successo del simpatico Paolo Mengoli “Perché l’hai fatto?

Secondo quanto comunicato, l’album è stato autoprodotto dalla Pausini stessa con l’ausilio del produttore Patrick Williams e la sua Orchestra. Ma all’ascolto, malgrado la presenza di un arrangiatore come Williams, non sembra essere stata, quella di Laura, una scelta felice e si sente la mancanza di un supervisore inflessibile in grado di gestire l’artista e le sue “corse in avanti”, al fine di ottenere un prodotto all’altezza di colei che è ritenuta da parecchi la più popolare e rappresentativa all’estero tra le cantanti italiane.

laura-pausini-laura-xmas-vinile-e1474471258948

 
Si comincia con “It’s beginning to look a lot like Christmas” cantata con voce quasi “fanciullesca” ed assai poco fluida, che tende ad inciampare sulle sillabe della lingua inglese, suonando molto scolastica e poco credibile.

Segue “Let it snow, let it snow, let it snow” in cui la voce “solista” è decisamente troppo in primo piano rispetto alla base, mettendo così in risalto anche un certo affanno sul timing, tanto che viene da chiedersi se l’orchestra sia stata registrata in studio o se si tratta di una base karaoke per quanto ben fatta. Fastidiosamente sguaiato il “Let it snow” appena prima dello special strumentale.

È la volta di “Santa Claus is coming to town” che offre il suo meglio nella parte orchestrale.

Stesso discorso per “Jingle Bell Rock”, e qui la parte cantata mettere in evidenza le carenze di colore e sfumature nella voce della Pausini, che risulta purtroppo piatta e monocorde.

Anche il quinto brano “Have yourself a Merry Little Christmas”, che dovrebbe essere lento e sognante, evidenzia una scarsa padronanza sulle note basse che tendono a sparire, incrinandosi. Si ascoltano anche fastidiosi respiri, non necessari ai fini dell’interpretazione di un canto natalizio (non è mica “Love to love you baby”… si può benissimo prendere fiato senza fare tutto quel rumore), che si sarebbero potuti tagliare in post-produzione.

c_2_fotogallery_3006219_1_image
Con “Jingle Bells” siamo a metà dell’album e la situazione comincia a diventare ancora più deludente, vuoi per l’orchestra tenuta in secondo piano, facendo perdere completamente l’impatto della sezione fiati, vuoi per la parte vocale cantata con lo swing da “felino inanimato” ed una cadenza cantilenante da adolescente sulle note tenute troppo lunghe a fine frase.

Di “White Christmas” si apprezza soprattutto il controcanto che in un primo momento può sembrare opera di un/a corista, ma nelle ultime note, andando fuori range, si rivela per un suono di synth voice .

L’ottavo brano è “Happy Xmas” di John Lennon ed è il brano più “maltrattato”, cantato in modo “urlato” che sfiora l’irritazione, purtroppo: improponibile!

Si passa poi a ”Feliz Navidad” con un improbabile “I wanna wish you a Merry Christmas from the bedom of my heart” a piena voce, che maschera un po’ le lacune rilevate nei brani precedenti.

L’ “Adeste Fideles” successivo proprio non è la sua cifra, e la Pausini avrebbe fatto meglio a non includerlo nell’album. Inaccettabile purtroppo!

In “Oh Happy Day” è molto gradevole il coro, a differenza della parte solista che sembra, mi si perdoni, il miagolio di un gatto un po’ alterato.

Chiude l’album “Astro del ciel” che, con dispiacere, risulta essere una scialba versione in cui, ancora una volta, viene messa in evidenza la scarsa padronanza dell’artista di Solarolo sulle note basse che tendono a sparire incrinandosi, oltre ad un improbabile e pure un po’ fuori luogo tentativo di blue note su “Redentor”, qualcosa che davvero non è nelle corde della cantante.

c_2_fotogallery_3006219_0_image

Alla fine viene da chiedersi: che bisogno aveva Laura di fare un album del genere? Scelta che peraltro non brilla per originalità, sicuramente non all’estero, dove gli album natalizi si sprecano ogni anno, da anni, praticamente da sempre. Ma nemmeno in Italia si brilla di originalità, perchè dischi dedicati al mercato natalizio ce ne sono stati, e anche migliori di quello della Pausini, tipo quello di Irene Grandi, Tiziano ferro, Mario Biondi… e altri.
Allora perché cimentarsi con una selezione di brani conosciutissimi da chiunque, già interpretati da mostri sacri del passato, e del presente, con risultati decisamente migliori, prestando il fianco a paragoni a volte impietosi?

Gli stessi Beatles, nei propri dischi natalizi per i fan, non si sognavano di mettersi a confronto con Bing Crosby o Frank Sinatra & Co. Si limitavano a “cazzeggiare” fra di loro con gags e battute, o intervistandosi a vicenda.

Che dire per tirare le somme? Posso solo dire che a Natale, dovendo essere tutti più buoni per tradizione, non darò un voto a quest’album… e lascerò che la gente, con il cuore pieno di un bianco e felice Natale, giudichi nel suo insieme, compreso nelle intenzioni (sicuramente in buona fede e fatte con spirito natalizio), questo disco, che sono certo in molti sceglieranno come cadeau natalizio. E così Buon Natale a tutti, buoni e cattivi (e tra questi forse ci sono anche io… ma non me ne vogliano i fan, anche la mia è buona fede) compresi.

SHARE
Previous articleMichael Bublè: “Mio figlio Noah si è ammalato di cancro. Vi chiedo di pregare per lui”
Next articleElisa e Alessandra Amoroso in un Road Movie che racconta i loro tour – Prossimamente su Sky
Claudio Ramponi
Claudio Ramponi Cremona 08-08-1956 Comincia a studiare musica all'età di 8 anni presso la Banda Musicale Cittadina di Romagnano Sesia. Nel 1971 forma il gruppo Pick-up con Franco Serafini e Claudio Allifranchini. Nel 1973 sempre con i Pick-up collabora con l'Orchestra di Luciano Fineschi ed inizia a studiare basso e chitarra classica col M° Antonio Mastino. Nel 1974 con i Museum inizia professione di musicista suonando nei principali dancing del Nord Italia. Nel 1975 passa con i Fango (che cambieranno poi il nome in Fantastic Big Orchestra e quindi Fragola & Panna) restandoci fino agli inizi del 1978, dovendo interrompere causa servizio militare, prestato nella Fanfara della Brigata Alpina Taurinense in cui suona il trombone a coulisse. Nel 1979 entra a far parte dei Panda appena prima della scissione del gruppo e con i fuoriusciti membri forma il gruppo Everest con cui registra per la PolyGram Italiana il singolo "Hey città / Park Hotel". Nel 1982 scrive gran parte dei testi per l'album di esordio di Franco Serafini, tra cui il singolo "Se ti va cosí". Nel 1984 si iscrive al Conservatorio Antonio Vivaldi di Novara dove studia contrabbasso per 2 anni col M° Giorgio Giacomelli e consegue la Licenza di Teoria e Solfeggio sotto la guida del Mº Gabriele Manca. Dal 1986 al 1997 lavora come bassista freelance con diversi gruppi ed orchestre tra cui Kalliope, Working Brass, Cabarock, Diego Langhi Big Band, Claudio Allifranchini Big Band, Daniele Comoglio Quartet. Collabora inoltre con la Vetriolo S.r.l. alla realizzazione di jingles pubblicitari in onda sui principali network nazionali. Nel 1991 conosce Raffaele Fiore e con lui collabora alla realizzazione dei testi ed arrangiamenti oltre alla produzione dell'opera rock "4uattro" portata in scena in diversi teatri del novarese tra cui il Faraggiana di Novara, il Silvio Pellico di Trecate ed il Comunale di Oleggio. Contemporaneamente collabora come polistrumentista con la Compagnia La Goccia di Novara per le rappresentazioni teatrali dei musical "Jesus Christ Superstar", "Hair", "Tommy" e diversi Concerti Tributo ai Beatles. Inoltre si unisce, in qualità di corista, al gruppo A Fourty One che allestisce un mega tributo ai Queen con due gruppi contemporaneamente sul palco ed un coro di 20 persone, portato in scena in diversi palasport, teatri e locali di Piemonte e Lombardia tra il 1992 ed il 1995. Nel 1997 si trasferisce a Tenerife, Isole Canarie, dove tuttora risiede esercitando la professione di musicista nei principali hotel.

Commento su Faremusic.it