Home Società e Cultura Morgan e la comoda critica ai talent

Morgan e la comoda critica ai talent

1870
1
SHARE
Voto Autore

di Giuseppe Santoro

Se fai parte per sette anni della giuria di X Factor, come puoi, appena uscito da quell’esperienza, attaccare duramente quel tipo di format televisivo e scagliarti contro l’emittente che ti ha dato tanto spazio e denaro?

Beh, se ti chiami Morgan lo puoi fare, perché rientra perfettamente nella “follia” del personaggio. Una follia buona intendiamoci, quella dell’artista geniale che non ha regole o vincoli da rispettare e può permettersi quasi tutto. Questo atteggiamento però, appare in ogni caso un po’ troppo comodo anche per uno come lui.

morgan_650x435

Le dichiarazioni che il frontman dei Bluvertigo ha fatto durante la conferenza stampa di presentazione del “Brianza Rock Festival”, evento del quale è direttore artistico, possono essere anche giuste e condivisibili, ma sono sicuramente tardive. Dire che i talent sono la tomba della creatività e consigliare ai giovani strade diverse, vuol dire rinnegare il settennato come giudice di X Factor e riempire quella parentesi di ipocrisia e falsità.

Da questo talent, grazie a Morgan, sono usciti artisti come Marco Mengoni e Noemi  – che sono apprezzati in Italia e all’estero – e molte delle canzoni riarrangiate da lui per la trasmissione, che sono delle vere e proprie opere musicali.

Certo, il rapporto tra Morgan e gli altri coach dell’ultima edizione non è mai decollato. Proprio dell’altro giorno è la dichiarazione congiunta di Fedez e Mika, nella quale hanno raccontato di quanto sia stata difficile, in alcuni momenti, la condivisione di quel palco e di come si avvertisse un certo nonnismo da parte del giudice più “anziano”.

Dietro l’abbandono del programma da parte di Morgan ci sarebbe anche un mancato pagamento da parte di Sky dell’ultimo cachet dell’artista, notizia che la TV di Murdoch ha smentito categoricamente, dichiarando che quei soldi sono stati versati ma immediatamente pignorati da Equitalia. Viceversa, sempre secondo Sky, i vari bonus che potevano essere percepiti per contratto, non sono stati pagati per il comportamento poco professionale tenuto dal cantautore milanese durante le varie puntate. Che è un po’ come voler fare a pugni con Tyson e poi lamentarsi perché mena forte.

Fatto sta che la lunga querelle non sembra essersi ancora conclusa e Morgan riesce a vedere soltanto gli aspetti negativi di quest’esperienza.
Ma non è un po’ come sputare nel piatto dove si è mangiato per anni?

SHARE
Previous articleContratto Base Spotify-Majors
Next articleWell done, Dave!
Giuseppe Santoro
Ricco, bello, dolce e simpatico nella vita precedente. In questa invece, nasco a Lecce il 18 luglio del 1989 da una famiglia di professori. Mia madre insegna Lettere in una Scuola Media di provincia e mio padre, adesso pensionato, era insegnante di Educazione Fisica. Dopo il diploma commerciale ho lavorato come impiegato in un Centro di Medicina Nucleare per un anno e mezzo, ma purtroppo in seguito ai tagli alla sanità pugliese, all’inizio del 2011 mi sono ritrovato disoccupato. Nel 2013 ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e adesso frequento la facoltà Magistrale di Lettere Moderne. Importante è stata per la mia formazione professionale, l’esperienza come responsabile comunicazione e social per il sito Cometiveste.it, di cui sono il fondatore con altri due ragazzi. Canto in una band da due anni e adesso ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di alcuni progetti inediti. Ho sempre scritto testi musicali, poesie, ma anche saggi brevi sugli argomenti più disparati e nei miei articoli mi piace osservare la società con occhio critico. Oltre a un’ ipotetica carriera nell’ambito dell’insegnamento, molto difficile visti i tempi che corrono, mi piacerebbe continuare a dedicarmi alla critica musicale e sociale. Non amo molto dire cose ovvie e in generale, non mi piace stare dalla parte del più forte. Da un po’ di tempo collaboro con questo blog che credo stia diventando un punto di riferimento importante per chi ama la musica e i suoi retroscena. Spero di essere all’altezza del compito e poter interessare i lettori a quelle che sono le mie idee e i miei pensieri.

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here