15.4 C
Milano
giovedì, Giugno 4, 2020

La REPUBBLICA delle banane – L’addio di Lerner, Corrias, Deaglio e forse Saviano, Serra e Mauro

Da quando John Elkann è Presidente del gruppo Gedi, molte firme eccellenti del giornalismo italiano hanno lasciato La Repubblica

Ultimi post

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

John Lennon, 8 Dicembre 1980 – “Hai sentito che hanno ucciso uno dei Beatles!?”

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]

Oggi per la rubrica “Scritto da Voi” – in cui inseriamo i migliori scritti in giro nel web – abbiamo scelto un bellissimo pensiero, su un triste ricordo, quello legato all’8 Dicembre del 1980, giorno in cui, a New YorkMark Chapman sparò a John Lennon uccidendolo. Il testo che segue è di Tiziana De Filippi, pubblicato sul suo blog personale, una donna, ieri ragazzina e fan dei Beatles, che racconta quella data con gli occhi e l’animo di chi visse personalmente le emozioni di quel giorno.

John Lennon

Testo su John Lennon e il giorno della sua morte

Ero una ragazzina di 15 anni. Quando seppi che John era stato ucciso era il 9 dicembre quando arrivai a scuola la mattina.

Mi venne incontro una mia compagna di scuola che pur sapendo la mia passione per i Beatles (non parlavo d’altro) con una sensibilità pari a sottozero mi disse a bruciapelo “Hai sentito che hanno ucciso uno dei Beatles!?“.

Frastornata e incredula risposi di getto “chi? Quale dei 4?” … la sua risposta fu, “non lo so“. A distanza di 37 anni ricordo ancora la mia ansia mista a dolore. Pochi minuti dopo arrivò un’altra mia compagna che mi disse “hanno ucciso John Lennon“.

Ma come? Proprio John? Lui che aveva cantato la pace e l’amore? Volevo tornare a casa e invece me ne dovetti stare sul banco come in trance le 5 ore successive. Piansi, piansi tanto. Come se fosse morto un mio caro amico. Era morto uno dei Beatles che per me allora erano tutto. Il mio mondo. Gli altri non capivano. Non c’era nessuno che comprendesse come si potesse piangere per un cantante mai visto prima.

Poi si cresce, si diventa adulti, si fanno dei figli, ci sono gli impegni di lavoro, i problemi, ma quell’amore rimane, anzi, diventa ancora più grande. Certo, per me non sono tutto come allora, ma se voglio stare bene è la loro musica che ascolto. Grazie John.

Tiziana De Filippi è la fondatrice del gruppo facebook:
Ladies and Gentlemen… THE BEATLES 
e del Blog: paulmccartney-fanclub.blogspot.it

Latest Posts

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.