Home Il Jazz 360° Chet Baker ricordato in Versilia alla Bussola il 13 Maggio

Chet Baker ricordato in Versilia alla Bussola il 13 Maggio

Chet Baker, musicista e artista intenso, ricordato in Versilia alla Bussola il 13 Maggio con i musicisti Rita Marcotulli, Roberto Gatto, Giovanni Tommaso, Pietro Tonolo e Alessandro Presti

70
0
SHARE
Chet Baker
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

La Versilia, meta turistica tra le più amate d’Italia, carica di ricordi e suggestioni del periodo più rigoglioso della musica nostrana, ammalata e ammaliante passerella degli artisti più amati e ricordati, da Mina a Luis Armstrong. La Versilia, simbolo di quel boom economico che lanciò l’Italia sul podio dei paesi industrializzati economicamente più importanti. La Versilia, insomma, e in particolare, Pietrasanta, che ne è il centro geografico, che il 13 maggio si vestirà di jazz, in memoria di uno dei più grandi trombettisti del mondo, che da queste parti visse e suonò.

Il suo nome era Chet Baker, musicista e artista intenso, capace di penetrarti l’anima con ogni assolo, perché vivo nel proprio strumento, ma anche proprietario di una voce che con fragilità è delicatezza, inventava mondi. Chet, che suonava alla Bussola ingaggiato dal mai dimenticato Bernardini (e chi altrimenti?), Chet che si indignava per il pubblico della Bussola, così mondano e disattento, Chet che veniva derubato della sua tromba, che lo stesso Bernardini gli ricomprava. Chet, insomma che, da un’idea di Adolfo Lippi, noto giornalista e regista di spettacoli e concerti nonché appassionato di jazz, con l’aiuto organizzativo e la produzione sicura di Franca Dini, la direzione artistica di Gianfranco Fasano, autore storico, tra i migliori degli anni ottanta e novanta, e la conduzione di Dario Salvatori, viene commemorato in una serata che si promette di caratura nazionale.

Chet Baker

Tra gli ospiti che ripercorreranno l’avventura del grande jazzista, vale la pena ricordare Antonello Vannucchi, già membro (vibrafonista per la precisione) de il Quartetto di Lucca, formazione che accompagnava Baker nelle esibizioni nel locale versiliese; Domenico Manzione, sottosegretario di Stato al ministero degli interni e autore del libro “Il mio amico Chet: storia un po’ vera e un po’ no, del processo a Chet Baker“; Tiberio Timperi e lo stesso Salvatori, memoria storica della musica italiana, con particolare passione per gli anni sessanta.

Ma il valore aggiunto della serata lo troviamo nel gruppo che accompagnerà musicalmente il convivio, gruppo formato da musicisti di assoluto valore, quali Rita Marcotulli, Roberto Gatto, Giovanni Tommaso, Pietro Tonolo e Alessandro Presti. Uno splendido appuntamento all’insegna del jazz quindi, che vedrà, di nuovo, la Versilia, protagonista assoluta della musica e il talento puro e cristallino di Baker ricordato come merita a trent’anni dalla scomparsa.

SHARE
Previous articleElisa: nuovo album di inediti in autunno
Next articleBisogna guardare “Comizi d’Amore” di Pasolini per capire l’Italia di oggi – Da The Vision di Giuseppe Porrovecchio
Luca Viviani
Iscritto alla SIAE dal 2002. Autore di testi e poeta Ho partecipato ad alcuni premi a livello nazionale ottenendo ottimi riconoscimenti e segnalazioni; tra gli altri: 1° class. Pr. Alpi Apuane; 1° class. Pr. Artepoesia a Montepulciano; 2° class. Pr. festa della donna – Viareggio; ecc... Alcuni componimenti sono stati pubblicati in antologie a livello nazionale quali: “Note di poesia – il meglio di Roxyweb.it”, “Navigando nelle parole” ed. il Filo ecc. Ideatore e curatore di incontri letterari in ambito poetico e di una rubrica di poesia su un mensile locale dal titolo “Officine Versilia” per il quale ho scritto anche alcune recensioni musicali. Dee-jay radiofonico per emittenti (sempre a livello locale) anche di prestigio come Radio Forte dei Marmi e Radio Babilonia, con programmi atti a promuovere la musica d’autore sia italiana che straniera e programmi di puro divertimento e satira. Nel 2007 vincitore della sezione autore di testi premio inedito - citta di Chieri Nel 2011 vincitore della sezione testo inedito del Premio Lunezia. Dal 2013 iscritto all'associazione muovilamusica, nata da un'idea di Alberto Salerno Nel 2014 ho partecipato al work-shop di lavoro organizzato dall'associazione muovilamusica, a cui ha partecipato Alberto Salerno, Alberto Simonluca Favata, Mara Maionchi, Giulia Fasolino, Mariano Dattoli, Tino Silvestri, Umberto Iervolino, Iniziatore e fondatore della pagina facebook volta alla promozione degli artisti emergenti e/o indipendenti, "musica dal web" Nel settembre 2013 esce il singolo “vado via” interpretato da Alino Vignali, di cui sono autore del testo Il 15 settembre 2014 è uscito il primo singolo di Camillo Avella dal titolo "uomo libero", di cui sono autore del testo, prodotto dalla Skè entartainment Nello stesso anno, vedono la luce anche il brano “tra le stanze di seta” scritto e interpretato da Corrado Halo e gli A7ico, e il primo singolo di Giuliana Danzé, "giorni pesanti", di cui sono autore del testo e produttore artistico e esecutivo insieme al compositore Massimo Pellegrini. Uscito nel novembre 2015, "Io", primo album della bresciana Elly che mi vede collaborare in qualità di autore di testi, nei brani: "andare avanti", "un brivido leggero", un amore a metà Uscito nel 2015, anche il singolo di Filippo Fuccillo, "notte per notte", con marchio Sony Del 2015 anche “matrix” e “salta le scale”, scritte con Elio Aldrighetti A giugno 2015 ho pubblicato il mio primo libro di poesie intitolato "dietro la notte", reperibile sulla piattaforma de la repubblica "ilmiolibro.it" e piazzatosi tra i primi dieci nel premio omonimo Settembre 2016, usciti, in contemporanea, il singolo "non lasciarsi mai", apripista dell'album "gomena", di Filippo Minoia e "le predicazioni" di Michele Papale Aprile 2017 fa la sua apparizione il brano “madre di Salem”, interpretato da Franky Harper e scritto in collaborazione con Tony Simeone

Commento su Faremusic.it