Home Comunicati Stampa A Milano la mostra “Gioia e Rivoluzione”, dedicata al decennio ’68 -’78...

A Milano la mostra “Gioia e Rivoluzione”, dedicata al decennio ’68 -’78 della discografia italiana

Mostra “Gioia e Rivoluzione” dal 3 al 27 maggio presso lo Spazio Cinema Oberdan di Milano. La mostra sarà dedicata al decennio '68-'78 della discografia italiana, in particolare alle immagini che hanno illustrato la musica in italia

18
0
SHARE
mostra
Crediti FotoMontaggio Immagini ©FareMusic - FMD Copyright
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

Dal 3 al 27 maggio presso lo Spazio Cinema Oberdan di Milano, si terrà la mostra “Gioia e Rivoluzione”, dedicata al decennio ’68-’78 della discografia italiana, in particolare alle immagini che hanno illustrato la musica in italia, grazie alle opere di grandi fotografi e art director come Cesare Monti. In  particolare un’intera sezione della mostra sarà dedicata a lui e alle sue opere. Un pannello di 3,5mtx60cm presenterà tutte le sue copertine di album, realizzate tra gli anni settanta e ottanta.

Il curatore della mostra, che rientra tra le altre nel contesto dell’evento Record Store Day, è Roberto Manfredi, ex grafico e produttore discografico che ha collaborato anni con Cesare Monti.

Manfredi è riuscito a mettere insieme, con la collaborazione di Luca Rossi, anch’esso ex discografico della Produttori Associati e la Fondazione Cineteca Italiana e TVM Digital Media srl, molte foto e immagini di Cesare Monti, Renzo Chiesa, Roberto Masotti, Guido Harari, Luca Rossi, Gianni Sassi e tanti altri, nonché una serie di documenti, immagini, quadri e testimonianze praticamente introvabili, tra cui un pannello appositamente realizzato con tutta la rassegna stampa d’epoca sull’ultimo festival di Re Nudo al Parco Lambro (giugno 1976) che sancì la fine di un’epoca.

Tra le opere della mostra, saranno esposti anche due quadri di Ivan Cattaneo e Gabriele Amadori che diventarono poi le copertine dei dischi di “UOAEI” (Ivan Cattaneo) e “Sfogatevi Bestie” di Roberto Colombo. Inoltre un pannello tratto dall’album “Clic” di Franco Battiato con testi dello stesso artista e le fotografie di Roberto Masotti.

Commento su FMD