Home Sanremo 2018 STRADA FACENDO – Cronache di una inviata a Sanremo

STRADA FACENDO – Cronache di una inviata a Sanremo

Sanremo e la sua atmosfera festivaliera la percepisce già sul treno che ti porta in Riviera. Carrozze piene fino all'ultima poltrona ma il Thello che collega Milano a Nice si svuota appena arriva nella città dei fiori

27
0
SHARE
sanremo
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]
Sanremo e la sua atmosfera festivaliera la percepisce già sul treno che ti porta in Riviera.

Carrozze piene fino all’ultima poltrona ma il Thello che collega Milano a Nice si svuota appena arriva a Sanremo. Ci si riconosce a naso: tutti con il trolley, tutti a smanettare sullo smartphone (il portatile è in borsa e comincerà a scaldarsi durante la prima conferenza stampa per poi prendere fuoco la domenica post-finale.
Incontro al vagone bar il grande attore Ivano Marescotti che indossa un’improbabile giacca gialla (la stessa che poi sfoggerà sul palco): mi presento, facciamo due chiacchiere. Salirà sul palco insieme a tutti gli altri “mucciniani” per presentare il nuovo film di Gabriele (che, tra l’altro, fa parte della Giuria degli Esperti) e per supportare l’amico e collega Pierfrancesco Favino (“Picchio” per chi lo conosce bene) nella nuova veste di conduttore televisivo.

sanremo
Ivano Marescotti

La sonnecchiosa stazione di Sanremo vive giorni di gloria: auto nere, Van con i vetri fumè, un’appariscente limousine bianca attendono clienti prestigiosi. Un’avanguardia di ragazzine in cerca di selfie rende vivace l’atrio della stazione: andranno poi a contendersi la barricata di fronte al teatro Ariston insieme ad un pubblico variegatissimo che riempie a tappo tutte le vie laterali.

A Sanremo, nei giorni festivalieri, può capitare di incontrare chiunque, perché “l’importante è esserci” e niente come questo contesto può regalare così tanta visibilità. Chi è ospite di una radio, chi fa l’opinionista in TV, chi sostiene l’amico in gara, chi intreccia relazioni, aggiunge contatti, imbastisce progetti.

Incontro l’amico Zibba (il cantautore ligure) che tra poco inizierà il tour del nuovo album “Le cose”: anche lui annusa l’aria festivaliera. Raggiungere la Sala Stampa non è impresa facile, perchè la zona è presidiata dalla polizia e ci sono varchi obbligatori dove devi sottoporti ai controlli di sicurezza necessari. Quando la raggiungi è un mondo brulicante di persone indaffarate con il badge al collo, il cellulare all’orecchio e lo sguardo attento ad ogni movimento: tutto può succedere.

sanremo
Fiorello in sala stampa Ariston – Crediti Foto Brunella Vedani per FareMusic

Infatti fa la sua improvvisata Fiorello che allestisce un esilarante mini-show e, come sempre, hai la consapevolezza di avere di fronte uno showman straordinario, un fuoriclasse assoluto e lo dimostrerà ampiamente nel suo intervento serale.

Le ore a Sanremo corrono veloci: giusto il tempo di fare una doccia e di andare a prendere un aperitivo prima di entrare a teatro. Sotto una pioggerellina leggera, di fronte al solito ristorante “La Pignese , incontro il mio concittadino, lo scrittore Luca Bianchini avvolto in una nuvola di inebriante patchouly: sta aspettando il grande Gianni Morandi che sarà ospite della serata. Con un berrettino di lana grigia calcato sul viso e con a fianco la bellissima moglie Anna, appare all’improvviso con il suo solito sorriso accattivante e spontaneo. Facciamo due parole sul l’esibizione serale: il suo duetto con Tommaso Paradiso si rivelerà un riuscito incontro di voci e di generazioni.

sanremo
Gianni Morandi e Tommaso Paradiso

È arrivato il momento di entrare a teatro: il RED carpet è un trionfo di paillettes, di pizzi, trine e merletti, gonne lunghe e fruscianti, tacchi a spillo e make up calcati. Si riescono a sentire le voci dei protagonisti sul balconcino dell’Ariston per la solita intervista pre-festivaliera del decano Vincenzo Mollica: l’emozione è palpabile. Si va in scena. ( al momento di inviare l’articolo sono usciti i Dati di Ascolto : 11 milioni 603 Mila spettatori , con uno share del 52,1 per cento : un debutto davvero eccellente e , per quanto mi riguarda, meritatissimo).

Commento su FMD