Home Sanremo 2018 Sanremo 2018: Sting e James Taylor i primi ospiti del Festival di...

Sanremo 2018: Sting e James Taylor i primi ospiti del Festival di Baglioni

Sanremo 2018 piano piano gira le sue carte, e dopo i preascolti dei brani dei Big, ora arrivano i nomi dei primi ospiti internazionali del Festival di Baglioni, Sting con Shaggy e James Taylor.

103
0
SHARE
sanremo 2018
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]
Sanremo 2018 piano piano gira le sue carte e ora arrivano i nomi dei primi ospiti internazionali.

.

Dopo i preascolti (leggi nostro report sui preascolti) dei brani dei Big, sono stati resi noti i primi due artisti internazionali, sanremesi: loro sono davvero grandi e molto apprezzati nell’ambiente musicale mondiale, e indubbiamente sono due nomi che alzano l’asticella della qualità del prossimo Festival di Sanremo – che inizierà il 6 Febbraio e terminerà 4 giorni dopo, il 10 Febbraio.

I primi due ospiti, invitati dal “capitano coraggioso” Claudio Baglioni a salire sul palco dell’Ariston, sono l’ex Police, Sting e il cantautore folk-rock americano James Taylor.

Ma oltre alla loro presenza, quello che renderà uniche queste ospitate è il fatto che i due renderanno omaggio alla canzone italiana, cosi come Baglioni aveva anticipato in conferenza stampa (leggi articolo) in cui disse che gli ospiti del Festival avrebbero realizzato dei tributi alla musica nostrana.

Sting, inoltre, si esibirà con Shaggy in un brano scritto a quattro mani, Don’t Make Me Wait (in uscita domani 25 gennaio), canzone che anticipa l’uscita, il 20 Aprile, di un album ispirato e dedicato alla Jamaica, “44/876”,  disco nato dalla collaborazione tra i due artisti (leggi nostro articolo precedente).

Il grande James Taylor, invece, è reduce dal grande successo del suo ultimo album Before This World (leggi nostra recensione), album di inediti che è uscito a distanza di 13 anni dal precedente disco e primo album di James ad arrivare al 1mo posto della classifica di Billboard, nonostante i quasi 50 anni di carriera, 5 Grammy Awards vinti e i 100 milioni di copie di dischi venduti durante la sua carriera.

Commento su FMD