Home Il Jazz 360° Melanie De Biasio: “Lilies”, un viaggio affascinante tra idee che si trasformano...

Melanie De Biasio: “Lilies”, un viaggio affascinante tra idee che si trasformano in arte

De Biasio, la giovane cantante Jazz, è tornata con nuovo album, Lilies, che arriva dopo un periodo di silenzio forzato. Per questo nuovo album l’artista belga si è ritirata a lavorare nello studio casalingo del fedele Pascal Paulus con i suoi pro-tools, un computer e poco altro. E le idee sono diventate arte e magia.

94
0
SHARE
De Biasio
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

Sono anni difficili questi, anni strani e confusi, fatti di meraviglia e giochi di luce affascinanti, che muoiono affogati sotto tonnellate di soluzioni plastificate, di next big thing, di oggetti del desiderio. Anni all’apparenza indistruttibili, eppure fragili come carta di riso. Come se il mondo fosse un gigantesco supermercato dai cui scaffali prendere le cose che ci piacciono di più. Cose da poco, prodotte in economia, velocemente e senza interesse se non quello del profitto. Ma ecco che, in questo mondo discount si profila qualcuno che si ferma, raccoglie le idee e le trasforma in arte. Ecco che una cantante jazz, a causa di un’infezione polmonare contratta in tour, si ritira con un pc e qualche strumento e con la grazia del talento, crea.

Ciò che nasce dalla solitudine non può che essere rappresentazione della propria profondità e di questa profondità si innamorano Damien Rice, Phillip Selway dei Radiohead, Eels e Arno. Non so, ma qualcosa vorrà pur dire se artisti di matrice rock o cantautorale, fanno la corte a un’artista jazz, no?

De Biasio

E infatti, del jazz nel nuovo lavoro della De Biasio ce n’è ben poco, così in bilico tra i generi e ammantato degli umori nebbiosi e profondi di Bristol.

Echi di Portishead e di trip-hop fanno da leit motiv dell’album, un viaggio nel blues e nella tradizione, fatto attraverso le strade fumose della modernità.

Registrato nello studio casalingo del fedele Pascal Paulus, sulla scia dei suoni già sperimentati nel precedente e ammaliante “Blackened Cities“, lavoro costituito da un unico, ammaliante e ipnotico brano lungo 25 minuti, la jazzista scavalca i generi, rimasticandoli e appropriandosi delle atmosfere del Mark Hollis più etereo, li fonde con la sensibilità di Nina Simone, in brani che toccano l’anima con la delicatezza di una madre.

De Biasio
Crediti Foto Jerome Witz

Dall’iniziale “Your freedom is the end for me” alla travolgente “Gold junkies” il viaggio della De Biasio è affascinante e unico nel panorama musicale mondiale.

Non c’è un brano che non valga la pena ascoltare, non c’è un suono che non sia studiato nei minimi dettagli, dai violini che squarciano “Brothers” alle dita di “Sitting in the starwell”, dalle percussioni ipnotiche di “Let me love you”, al pianoforte che fa capolino qua e là come principale protagonista, spesso concedendosi le uniche pennellate di jazz a un quadro impressionista fatto di umori e atmosfera.

Se dalla musica pretendete profondità e arte, se non vi fa paura scavare l’inconscio, se amate l’arte e la libertà di espressione, se cercate il capolavoro, l’unicità, il colpo di genio, questo è l’album che fa per voi.

De Biasio

Tracklist – Lilies di Melanie De Biasio

1 Your Freedom Is The End Of Me
2 Gold Junkies
3 Lilies
4 Let Me Love You
5 Sitting In The Stairwell
6 Brother
7 Afro Blue
8 All My Worlds
9 And My Heart Goes On

 

 De Biasio

 

 

SHARE
Previous articleJudas Priest usciranno con il nuovo album “Firepower” a Marzo
Next articleLettera ad una amica tanto amata … e che la terra ti sia lieve Marina
Luca Viviani
Iscritto alla SIAE dal 2002. Autore di testi e poeta Ho partecipato ad alcuni premi a livello nazionale ottenendo ottimi riconoscimenti e segnalazioni; tra gli altri: 1° class. Pr. Alpi Apuane; 1° class. Pr. Artepoesia a Montepulciano; 2° class. Pr. festa della donna – Viareggio; ecc... Alcuni componimenti sono stati pubblicati in antologie a livello nazionale quali: “Note di poesia – il meglio di Roxyweb.it”, “Navigando nelle parole” ed. il Filo ecc. Ideatore e curatore di incontri letterari in ambito poetico e di una rubrica di poesia su un mensile locale dal titolo “Officine Versilia” per il quale ho scritto anche alcune recensioni musicali. Dee-jay radiofonico per emittenti (sempre a livello locale) anche di prestigio come Radio Forte dei Marmi e Radio Babilonia, con programmi atti a promuovere la musica d’autore sia italiana che straniera e programmi di puro divertimento e satira. Nel 2007 vincitore della sezione autore di testi premio inedito - citta di Chieri Nel 2011 vincitore della sezione testo inedito del Premio Lunezia. Dal 2013 iscritto all'associazione muovilamusica, nata da un'idea di Alberto Salerno Nel 2014 ho partecipato al work-shop di lavoro organizzato dall'associazione muovilamusica, a cui ha partecipato Alberto Salerno, Alberto Simonluca Favata, Mara Maionchi, Giulia Fasolino, Mariano Dattoli, Tino Silvestri, Umberto Iervolino, Iniziatore e fondatore della pagina facebook volta alla promozione degli artisti emergenti e/o indipendenti, "musica dal web" Nel settembre 2013 esce il singolo “vado via” interpretato da Alino Vignali, di cui sono autore del testo Il 15 settembre 2014 è uscito il primo singolo di Camillo Avella dal titolo "uomo libero", di cui sono autore del testo, prodotto dalla Skè entartainment Nello stesso anno, vedono la luce anche il brano “tra le stanze di seta” scritto e interpretato da Corrado Halo e gli A7ico, e il primo singolo di Giuliana Danzé, "giorni pesanti", di cui sono autore del testo e produttore artistico e esecutivo insieme al compositore Massimo Pellegrini. Uscito nel novembre 2015, "Io", primo album della bresciana Elly che mi vede collaborare in qualità di autore di testi, nei brani: "andare avanti", "un brivido leggero", un amore a metà Uscito nel 2015, anche il singolo di Filippo Fuccillo, "notte per notte", con marchio Sony Del 2015 anche “matrix” e “salta le scale”, scritte con Elio Aldrighetti A giugno 2015 ho pubblicato il mio primo libro di poesie intitolato "dietro la notte", reperibile sulla piattaforma de la repubblica "ilmiolibro.it" e piazzatosi tra i primi dieci nel premio omonimo Settembre 2016, usciti, in contemporanea, il singolo "non lasciarsi mai", apripista dell'album "gomena", di Filippo Minoia e "le predicazioni" di Michele Papale Aprile 2017 fa la sua apparizione il brano “madre di Salem”, interpretato da Franky Harper e scritto in collaborazione con Tony Simeone

Commento su Faremusic.it