Home Musica Fabrizio De Andrè: Esce “Tu che m’ascolti insegnami”, un patrimonio restituito al...

Fabrizio De Andrè: Esce “Tu che m’ascolti insegnami”, un patrimonio restituito al futuro

Fabrizio De André: esce la raccolta speciale "Tu che m'ascolti insegnami" imponente volume che racchiude 78 brani rimasterizzati

38
0
SHARE
fabrizio
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 5]

di Corrado Salemi

Fabrizio De Andrè e la conferenza stampa di presentazione di “Tu che m’ascolti insegnami”

Conservare un patrimonio che va restituito al futuro, senza tradire la bellezza naturale e originale, regalando nuova vitalità, restituendo tutti quei dettagli che le vecchie tecnologie non erano in grado di darci.”

E’ questo il senso del lavoro che Sony Music sta portando avanti con i più importanti autori in catalogo e che oggi ci offre “Tu che m’ascolti insegnami”, disco che raccoglie un terzo circa della produzione di Fabrizio De André in versione rimasterizzata in alta definizione, a partire dai master analogici originali, sotto la cura tecnica di Stefano Barzan e la consulenza artistica di Dori Ghezzi.

Il disco è stato presentato alla stampa il 23 novembre scorso in una conferenza stampa condotta da John Vignola alla presenza di Dori Ghezzi che ha curato la difficilissima scelta dei brani e di Morgan da sempre ammiratore e conservatore della memoria dell’immenso cantautore genovese.

La raccolta si articola in quattro temi:
  • FEMMINE UN GIORNO E POI MADRI PER SEMPRE (L’amore e l’universo femminile)
  • IL POLLINE DI DIO, DI DIO IL SORRISO (La spiritualità il sogno)
  • DEV’ESSERCI UN MODO DI VIVERE SENZA DOLORE (Guerra e pace, potere, giustizia libertà)
  • SOTTO IL VENTO E LE VELE (L’infanzia la vota e oltre) 

fabrizio

Dori Ghezzi ci svela il senso di questa scelta: “È il tentativo di creare delle raccolte che fossero dei Concept Album, attraverso dimensioni emotive che fossero care a Fabrizio. Ma non si tratta di categorie nette e chiuse, ma piuttosto delle chiavi di lettura in grado di aprirsi a nuovi percorsi.

Del resto la produzione di Fabrizio De André è una enciclopedia, una opera colossale dal valore culturale e artistico inestimabile per temi, per testi, per melodie e per arrangiamenti, nel quale è possibile sempre riscoprirsi e ritrovarsi e che ci interroga dal profondo.

Fabrizio è davvero IL padre della canzone italiana, non uno dei padri” sostiene Morgan, “il cui valore universale è oggettivo, costruito con la capacità di parlare sempre in terza persona di storie reali e quotidiane, umanamente alte, col giudizio di chi per primo si mette in discussione”.

Sugli aspetti tecnici interviene Stefano BarzanPotrei dire che sul piano tecnico ciò che abbiamo fatto è nulla: nel senso che abbiamo davvero ridato vita a tutta la freschezza e tutta la bellezza delle registrazioni originali, riprocessando e rimasterizzando con l’obiettivo di preservare tutto. Non si tratta della solita rimasterizzazione dai file digitali ma di un vero lavoro di recupero, di restauro.

fabrizio

In concomitanza dell’uscita del disco è disponibile anche il video ufficiale del “Il Pescatore” (qui) per la regia di Stefano Salvati, prima realizzazione di un progetto che vuol vestire nel tempo tutte le più importanti canzoni di Fabrizio De André.

L’ascolto che abbiamo fatto in anteprima della raccolta conferma la profonda verità di queste affermazioni, dando conferma sensibile a tutte le premesse ala base di questa pubblicazionie: la voce di Fabrizio De André emerge in tutta la sua stupefacente presenza e forza emotiva, senza inutili coloriture o appiattimenti, mostrando tutta la meraviglia di questo dono della natura. Anche gli strumenti musicali vengono riprodotti esattamente per quello che sono. Un esempio per tutti: la chitarra di “Ho visto Nina volare” è riprodotta anche nei suoi aspetti tattili regalandoci non solo il suono delle corde  ma anche la netta e palpabile sensazione della pelle sul legno, il netto sfregare delle corde sul metallo dei tasti. Intraducibile in parole: pura goduria dell’ascolto.

Questo disco è da comprare assolutamente, da mostrare in bella vista nel luogo più importante della casa come una Bibbia laica e sonora, come fonte ineasuribile della nostra cultura musicale italiana.

Tu che mi ascolti insegnami” è disponibile da ieri in tre differenti formati: un CD Bookset con 4 dischi, un Box Edizione Limitata da 8 LP da 180gr e infine in Gatefold Essential Selection da 4 LP 180 gr.

fabrizio

Tracklist – Fabrizio De Andrè “Tu che m’ascolti insegnami”

Femmine un giorno e poi madri per sempre (L’amore e l’universo femminile):

  1. Ho visto Nina volare
  2. Hotel Supramonte
  3. Valzer per un amore
  4. Un malato di cuore
  5. Tre madri
  6. Canzone dell’amore perduto
  7. Giovanna d’arco
  8. Andrea/Tema di Rimini
  9. Le passanti
  10. Da a me riva
  11. Franziska
  12. Amore che vieni amore che vai
  13. Via del campo
  14. Giugno ’73
  15. La canzone di Marinella
  16. Prinçesa
  17. Verranno a chiederti il nostro amore
  18. La stagione del tuo amore
  19. Bocca di rosa
  20. Jamin-a

 Il polline di Dio, di Dio il sorriso (La spiritualità il sogno)

  • Smisurata preghiera
  • Se ti tagliassero a pezzetti
  • Inverno
  • Il pescatore
  • Il sogno di Maria
  • Ave Maria
  • Anime salve
  • La cattiva strada
  • Spiritual
  • Preghiera in Gennaio
  • Deus ti salvet Maria (Ave Maria)
  • Si chiamava Gesù
  • Verdi pascoli
  • Oceano
  • Il ritorno di Giuseppe
  • Il testamento di Tito
  • S’i’ fosse foco
  • Açimma
  • Volta la carta
  • Il suonatore Jones

 Dev’esserci un modo di vivere senza dolore (Guerra e pace, potere, giustizia libertà)

  • Introduzione
  • Canzone del Maggio
  • Girotondo
  • Sidún
  • Terzo intermezzo
  • Il re fa rullare i tamburi
  • Carlo Martello ritorno dalla battaglia di Poitiers
  • Il gorilla
  • Ballata dell’amore cieco (o della vanità)
  • La guerra di Piero
  • La ballata dell’eroe
  • Fiume Sand Creek
  • Disamistade
  • Una storia sbagliata
  • Il bombarolo
  • Avventura a Durango
  • Un giudice
  • Don Raffaè
  • Quello che non ho
  • La domenica delle salme
  • Le nuvole

 Sotto il vento e le vele (L’infanzia la vota e oltre)

  • Coda di Lupo
  • Amico fragile
  • Canzone per l’estate
  • Rimini
  • Le acciughe fanno il pallone
  • Dolcenera
  • Canto del servo pastore
  • La città vecchia
  • A duménega
  • Khorakhané (a forza di essere vento)
  • Cantico dei drogati
  • Un ottico
  • Crêuza de mä
  • Leggenda di Natale
  • L’infanzia di Maria
  • Il testamento
  • La collina

fabrizio

Durante la conferenza sono stati fatti vedere anche alcuni minuti dal film per la tv “Il principe libero” con Luca Marinelli, che verrà trasmesso su Rai1 a febbraio, mentre sarà nei cinema due settimane prima della messa in onda. Dori Ghezzi spiega: “Qui si racconta soprattutto la fase formativa di Fabrizio. Ho dovuto accettare che in alcuni punti ci fossero errori per esigenze di drammaturgia. Ad esempio, il ruolo dell’amico spetta a Paolo Villaggio perché fu importantissimo in quel periodo: alcuni collaboratori non ci saranno, ma non poteva essere una carrellata di nomi“.

Commento su FMD